martedì 25 settembre 2012

Racconti in 200 caratteri


Si può scrivere un racconto in 200 caratteri? Badate bene, 200 caratteri non 200 parole. Insomma, c’è gente che ci riesce. I soliti fortunati nati con il dono della sintesi, che una logorroica come me è condannata a guardare con invidia ogni volta che c’è un limite di battute in cui dover restare. Io in 200 caratteri fatico anche ad annunciare un post su G+!


Scrivere un racconto di 300 parole già per me è un’impresa quasi impossibile (ci sono riuscita qui sul blog mi pare solo con L’insopportabile felicità dei parassiti sociali), figuriamoci in 200 caratteri! Una sfida però è una sfida, quindi visto che oggi Daniele Imperi di Penna blu dà dei consigli su come fare, ho deciso di tentare. Il risultato non è un capolavoro, ma ve lo offro qui, come segno di speranza anche per una logorroica seriale come me! Insomma, è il primo tentativo, ma mi sembra un po' banale!

Vederti
«Che gioia vederti così, amore» sussurrò Mia, fissando Max.
«Che bello vederti» gli disse ancora, sfiorandogli il viso.
Poi estrasse l’ascia dal cranio di lui e ripeté: «Sì, che bello vederti… morto!».

Anche se in genere non scrivo due post al giorno, non ho proprio potuto resistere. Se mi vengono altri esempi, magari aggiorno il post. E voi? Sapete scrivere un racconto in 200 caratteri?


Eccone un altro...

Teneri fidanzatini 
«Staremo appiccicati come due fidanzatini per l’eternità, vedrai».
«Ti amo anch’io, ma non esagerare».
«Non esagero affatto» gli brillavano gli occhi mentre dalla tasca estraeva un barattolo di colla.

Sembrano barzellette... non so se è normale!




Palestra di Scrittura
Per approfondire questo argomento in modo pratico visitare la sezione della "Palestra di scrittura"dedicata alle schegge di narrativa



Hanno parlato di questo articolo: 



24 commenti:

  1. Carino il racconto, non mi aspettavo fossi così cruenta :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Cruenta?! Io? Ma se sono un angioletto...

      Intanto ho aggiunto un altro raccontino.

      Elimina
  2. Ci sono racconti anche più+ brevi, a volte di una sola frase.
    Ogni tanto qualcosa mi diverto a creare, anche se i risultati non sono dei migliori... il tuo mi è piaciuto, forse un pò scontato ma carino.
    E splatter! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi viene in mente il caso del racconto breve di Hemingway sulle scarpette per bambini. Quella sì che è sintesi pura!

      Dove li trovo i tuoi?

      Elimina
    2. Tecnicamente... beh... come dire... insomma...
      non li ho mai pubblicati da nessuna parte... :D

      Elimina
    3. Uff... potresti sempre fare un post anche tu!

      Elimina
  3. E io che volevo attraversare il Pizzo dei Tre Signori e venirt a trovare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paura, eh? Colpa di Narratore e dei suoi corti horror.

      Elimina
    2. Sono la voce delle tenebre... muaahaahahaha!!!

      Elimina
    3. Vedi tutti quei corti horror cosa mi fanno scrivere? Ora ho spaventato Ferruccio!

      Elimina
  4. Il secondo è proprio divertente! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Romina! Hai messo subito in pratica :) Concordo, il secondo è proprio divertente!

      Elimina
    2. Grazie! Mi sa che comincio a prenderci gusto!

      Elimina
  5. Ah,ah, il primo è decisamente lugubre, ma delizioso. Brava.
    p.s. Non ti preoccupare per il progetto, ce la farò.
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Non credevo fosse tanto lugubre!
      P.S. Io mi preoccupo per te, non per il progetto. Comunque ne sono contenta.

      Elimina
  6. Due sono le cose: o sei un genio e ti viene qualcosa del tipo "Si sta come, d'autunno, sugli alberi, le foglie", oppure finisce che scrivi una roba che sembra una barzelletta della settimana enigmistica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già...
      Be', magari la settimana enigmistica ha bisogno di nuovi autori come me!

      Elimina
    2. La settimana enigmistica è sempre alla ricerca di autori ^_^ Una volta davano 5000 lire per ogni storiella pubblicata. Chissà se era vero?

      Elimina
    3. Wow! Bisogna proprio informarsi sulla settimana enigmistica, allora!

      Elimina
  7. Molto spesso mi capita di scrivere racconti davvero brevi. Dopo essere stata definita "stitica", mi sto chiedendo come riuscire a scrivere un racconto breve senza sembrare sbrigativa e poco professionale. E' solo questione di essere "geni" o c'è un modo per arrivare a buon risultato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E lo chiedi a me?! Quando hanno distribuito la dote della sintesi, io mi sa che avevo un altro impegno, purtroppo! Ogni tanto faccio degli esercizi per cercare di migliorare su questo versante, ma in genere tendo a essere logorroica, se non mi pongo dei limiti.

      Cosa intendi per racconti davvero brevi? In genere nei testi brevi l'importante è un finale che sorprende. Hai dato un'occhiata al post di Daniele che ho linkato nel mio? Lì ci sono un po' di suggerimenti.

      Grazie per il commento!

      Elimina
  8. "Lei era lì in attesa, pronta a colpire Micky, la sua prossima vittima. Le bastava un attimo di esitazione, un po' di stanchezza, una disattenzione e…
    Micky starnutì.
    L'Influenza aveva colpito ancora."

    Come vedi, ho raccolto la tua sfida e l'ho portato a 200 caratteri. Ora mi defilo, sopportarmi anche in questo tuo forum sarebbe tremendo, a furia di pistinarci a vicenda rischiamo di demolirlo post dopo post!

    ML

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto nel mio blog, ML! Averti qui è un vero piacere! Ti avevo invitato nel forum, ma anche qui sei un graditissimo ospite.
      Vedo che hai raccolto la sfida e ne sei uscito vincitore! Bravo.
      Vieni a dispensare pignolerie quando vuoi, a me fa solo piacere! Grazie per il commento.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...