sabato 16 marzo 2013

Verso il futuro...


Eccomi giunta all’ultimo post del programma Scrivere nel 2013 che segue i post di Daniele Imperi, il blogger di Penna blu.
Sono un po’ (espressione gentile per dire davvero) in ritardo, ma mi sembra doveroso tirare le fila e chiudere il discorso.


La mia condizione attuale
Daniele nel suo post parla della sicurezza dell’isola. Finché non si fa nulla dopotutto non si può sbagliare, no? E poi non si può fallire se non si tenta. La rinuncia è di per sé la strategia che non ci fa mettere in gioco e quindi non ci vede mai sconfitti. Non ci vede però nemmeno mai vincitori ed è questo il problema. Bisogna sapere rischiare e avere il coraggio di tentare anche solo per sbagliare e imparare qualcosa dai propri errori. Certo, a volte la tranquillità dell’isola fa venir voglia di restarsene lì, ma di fatto è meglio cercare di costruire una zattera e sfidare la tempesta. Meglio un rimpianto che un rimorso dice la saggezza popolare. Be’, in realtà sarebbe meglio non avere entrambi, ma se proprio si deve scegliere… sì, meglio un rimpianto.

E per il viaggio, Daniele consiglia sincerità, umiltà e autocontrollo… ottimi ingredienti! Mi sa che non ho tutti e tre o non tutti contemporaneamente, quindi si vedrà… ahahah!

Accetto il mio status
Sì, sono una scrittrice.
Sì, sogno un giorno di poterlo fare in maniera professionale (non sogno di mantenermi con quello, però magari di avanzare un pochino sì).
Sì, so che c’è ancora tanto da fare.
Sì, sto facendo tanto.
E sì, non sto facendo abbastanza.

Costruisco le basi del mio io-scrittrice
Ora commento alcuni punti del post di Daniele che ha inserito alcune interessanti regole che vi consiglio di andare a leggere.
  • La comprensione del lettore. La paura di non essere capita ogni tanto mi viene, quella di essere criticata no, spero sempre in qualche critica costruttiva che mi possa far migliorare. S’incassa il colpo e se ne fa tesoro. E che fare dei commenti gratuitamente meschini e non circostanziati? A volte capitano anche quelli… be’, da quelli si impara ad avere spalle larghe e a rialzarsi più in fretta. La cosa importante è raggiungere i lettori e consentire a loro di dire ciò che pensano di ciò che scrivo.
  • Scrivere ogni giorno è la mia ricompensa. Oh, sarebbe un bel sogno, ma al momento non è proprio fattibile per troppi altri impegni che non posso rimandare. Comunque sarebbe una grandiosa ricompensa!
  • I cambiamenti nella mia scrittura. Questo programma mi ha fatta scontrare con tanti limiti, con tanti posticipi, con tanti conflitti tra varie priorità nella mia vita. Sì, devo cambiare nella scrittura e non solo. Lavori in corso, gente.
  • I lettori sono ciò che mi manca. Qualcuno l’ho trovato grazie al blog e altri spero di incontrarli strada facendo. Spero il più possibile obiettivi e disposti a dirmi dove sbaglio così che io possa correggermi. Insomma, lettori pistini (pignoli) fatevi avanti!
  • Socializzo la mia scrittura. Il tempo dei caffè letterari è finito, ma ci sono blog, forum, iniziative… e in questo caso si può proprio dire che sono un po’ ovunque da brava zizzania!

  
Rendi effettivi i tuoi miglioramenti
Come al solito vi rimando all’interessante post di Daniele Imperi che su Penna blu ha poi ispirato questo mio: Rendi effettivi i tuoi miglioramenti. Ci sono davvero spunti interessanti, quindi date un’occhiata.

Conclusione
Con ciò si chiude il programma Scrivere nel 2013, ma di certo le domande che sono nate da questa   serie di post saranno ulteriore motivo di riflessione, perché il cammino per diventare scrittrice è ancora lungo e, anzi, spero di continuare a fare passi avanti senza fermarmi mai. Non c’è un punto di arrivo, c’è solo l’importanza di un viaggio che spero di fare con voi lettori e compagni scrittori al mio fianco.

Un sentito ringraziamento a Daniele Imperi per l’interessante programma.          

5 commenti:

  1. Mi fa piacere che sei riuscita a completare gli esercizi :)
    Non hai imbrogliato, vero? :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho dimenticato qualcosa? Perché non mi stupirebbe... ultimamente ho troppi pensieri.
      In caso fammi sapere, così rimedio.

      Elimina
  2. La cosa che mi stupisce è che riesci ad affrontare sempre tutti i temi proposti da Daniele, senza tralasciarne mai uno, ma in modo personale. Proprio come la prima della classe!

    RispondiElimina
  3. P.S. Il mio era un complimento. Perché è vero che purtroppo, ultimamente si tende a dare un'accezione negativa a questa definizione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Kinsy! Troppo buona!
      "Prima della classe" non è una cosa negativa... per quello c'è il termine "secchiona"!
      Be', comunque non credo di esserlo... ho consegnato il compito molto in ritardo questa volta! Ahahah!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...