mercoledì 20 agosto 2014

Poesia collettiva: "Ho incontrato... e..." - Stesura collettiva

Poesia collettiva: ne scriviamo una insieme?

Qualche tempo fa ho scritto due post su come sbloccare la creatività: uno riferito alla narrativa e uno alla poesia. Nel secondo si parlava anche di poesie collettive, ricordate?



Come fare?
Il procedimento è semplice: si sceglie una struttura e ognuno può contribuire scrivendo un verso (in questo caso saranno due, per non allungarli troppo) da aggiungere al componimento. Il fatto che i versi abbiano una struttura comune dà organicità al testo. Ovvio che il testo non sarà organico come se scritto da una persona sola, ma è agosto e possiamo giocare un po', no?

Il tema e la struttura
Sembra divertente, vero? Allora passiamo al tema. Ho deciso che questa poesia collettiva parlerà di incontri che cambiano (poco o tanto, non importa) le nostre vite o quelle di chi incontriamo.
La struttura che dovete seguire è questa:

Ho incontrato…
e…

Al posto dei primi puntini potete mettere quello che volete: potete parlare di una persona, di un oggetto, di un animale, di un sentimento… nessun limite!
Al posto dei secondi, ovviamente qualcosa di breve che stia in un verso (anche lungo, ma pur sempre un verso!).

Attenzione: non dovete necessariamente legarvi a temi o cose scritti da altri prima di voi! Lasciate il vostro commento senza preoccuparvi degli altri.

Il verso di apertura
I due versi di apertura li ho scritti io, così la struttura forse è più chiara:

Ho incontrato fiori che non osavano sbocciare
e ho cantato per loro di speranze future.

La conclusione
In base ai versi che riceverò e poi assemblerò in un testo unico, scriverò anche qualche verso di conclusione. Di solito questo dà maggiore significato a una poesia collettiva.


Che ne dite? Vi va di partecipare? Ci vuole solo un minutino! Avete tempo fino al 18 settembre, così il 20 posto l'opera completa con la firma dei suoi autori!



Hanno parlato di questo articolo:





20 commenti:

  1. Non sono mai stata brava con le poesie... Ora provo a pensarci, ma magari aspetto che qualche scrittore più bravo di me dia il "la", nel frattempo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', è l'occasione giusta per provare... in fondo devi scrivere solo due versi e non una poesia intera!
      Vediamo, dai...

      Elimina
  2. "Ho incontrato due occhi cupi come un giorno di pioggia
    e nonostante il buio, ho trovato la strada per raggiungermi."

    Io ci provo, ma le mie poesie mi suonano sempre così stupide e banali! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me sembrano due bellissimi versi! Grazie mille!

      Elimina
  3. Quante iniziative che lanci quest'estate!

    RispondiElimina
  4. Provo a comporla secondo lo schema di un haiku, le uniche composizioni poetiche (eufemismo presuntuosissimo da parte mia) che mi concedo da qualche anno a questa parte:

    Ho incontrato lei -
    e l'estate dei vent'anni
    ancora brucia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il contributo! Dovrò però metterlo su due versi nella poesia collettiva per non sbilanciare la struttura. Va bene?

      P.S. Credo non sia classificabile come haiku per via della presenza umana troppo evidente. Non so spiegartelo meglio, ma ho un "collega" su Abaluth che si occupa di haiku e mi fa sempre questa "critica".

      Elimina
    2. E' una critica più che giusta, però ho inserito un riferimento stagionale per restare nello spirito del haiku. Poi, è ovvio che se la leggesse un maestro di haiku si farebbe grasse risate.

      Elimina
    3. No, no, Marco Pilotto a "capo" della scuola di haiku non ride dei testi dei suoi "studenti"... anzi, potresti fare un salto, anche se non è più molto attiva al momento (http://abaluth.forumfree.it/?f=11487832)

      Elimina
  5. Giungo a mia volta!!! Vediamo che posso combinare...

    "Ho incontrato anime da altri mondi
    e ho trasceso più di mille vite in una"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benissimo, grazie mille, molto profondi questi versi!

      Elimina
  6. "Ho incontrato a frotte luccicanti libellule
    e non mi stancherò, d'esser ribelle"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai stancarsi di ribellarsi! Bei versi, grazie mille!

      Elimina
  7. Ho incontrato la voce del vento
    e non dimentico le sue storie di luce e mare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la partecipazione! Belli questi versi ventosi!

      Elimina
  8. Ho incontrato un vecchio curvo nel maestrale,
    e lui, controvento, puzzava come un maiale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, be', non si fanno sempre e solo begli incontri, del resto!

      Elimina
  9. Ho incontrato nei tuoi gesti il mio amore e sorrido, sorrido silenziosa.

    Un delirio da ora tarda... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me il tuo delirio piace! E sono una fan delle notti creative! Grazie per i tuoi versi!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...