lunedì 10 ottobre 2016

Disgustosa ostentazione di plutocratica sicumera

Disgustosa ostentazione di plutocratica sicumera: un'espressione dal mondo dei fumetti!

Oggi vi voglio parlare di un'espressione che non è di certo tra le più comuni e si discosta anche molto dai canoni delle espressioni di cui normalmente mi occupo in questa rubrica, ma, vista la gentile richiesta di Elisa Elena Carollo del blog Drama Queen, ecco qui il mio post su disgustosa ostentazione di plutocratica sicumera.

Sapete cosa significa e da dove ha origine questa espressione? Scopriamolo insieme!


Quando si dice?
In genere si usa l'espressione disgustosa ostentazione di plutocratica sicumera per lamentarsi di un'ostentazione di ricchezza.

Facciamo un esempio pratico. Se una vostra amica, viene da voi e parla per quindici minuti della sua nuova borsa di Gucci, mentre voi state faticando ad arrivare  a fine mese, a un certo punto potreste dirle: «La tua è una disgustosa ostentazione di plutocratica sicumera». Ovviamente con tono, ironico, eh, non strozzatela! Ahah!

Un controsenso
Sto parlando di questa espressione in Lo dicono tutti, ma sappiamo tutti (io compresa!) che non è un'espressioni d'uso comune. Vi assicuro però che ci sono persone che trasformano frasi di fumetti e film in veri e propri meme. Altri esempi? Da un grande potere derivano grandi responsabilità; Non può piovere per sempre… dai, non ditemi che non le avete mai sentite!

L'espressione di cui ci occupiamo oggi viene pronunciata da Paperino in una storia pubblicata su Topolino, più precisamente, in questa vignetta:


L’interpretazione più convincente
L'espressione di per sé non è molto da interpretare: basta conoscere il significato di tutte le parole che la compongono e, se per le prime due non dovrebbero esserci problemi, le altre potrebbero causare qualche incertezza in più. Comunque, nel dubbio, le vediamo tutte rapidamente, prima di parlare del significato globale dell'espressione.

  • Disgustosa: che offende il senso del gusto, nauseante; (in senso figurativo) ripugnante.
  • Ostentazione: esibizione compiaciuta e vistosa, spesso esagerata di qualcosa.
  • Plutocratica: relativa ai plutocrati e alla plutocrazia, cioè a un regime politico in cui gli esponenti dell'alta finanza e dell'industria condizionano la vita politica.
  • Sicumera: ostentata esibizione di sicurezza o di una presunta superiorità; presunzione.


Che cosa vuol dire dunque disgustosa ostentazione di plutocratica sicumera? Per prima cosa possiamo notare che il concetto di ostentazione è ripreso poi anche nel significato del termine sicumera. Si tratta quindi di una ripugnante esibizione compiaciuta di una presunzione dovuta al proprio potere finanziario o industriale capace di condizionale la vita politica. Semplice no? Be', probabilmente è solo un modo per dire che l'ostentazione del potere dato dalla ricchezza è disgustosa. Ma questa è solo la mia interpretazione. Voi potete dirmi nei commenti la vostra! Magari conoscete meglio di me questo fumetto e quindi anche il contesto in cui l'espressione viene usata.

Senza dubbio è un'espressione molto artistica e particolare, al punto che è stata capace di diventare una frase fatta.

Altre interpretazioni
Dato che il problema dell'interpretazione di questa espressione è dato solo dalle parole di scarso utilizzo, una volta definite quelle non dovrebbero esserci ulteriori interpretazioni possibili (ma sicuramente ci sono vari modi di interpretare e legare tra loro i termini).
Ed è straordinario pensare che un tempo i  bambini erano sottoposti a stimoli del genere e  non a cartoni animati spazzatura. Peccato che i tempi siano peggiorati così…

Conclusione
Io non conoscevo questa espressione mentre negli ultimi anni l'ho sentita molto spesso. Questo succede a frequentare certe persone (vero Marco ed Elisa?), ahah!
Comunque è stato positivo scoprirne di più e spero che anche per voi questo viaggio sia stato interessante!

E voi? Avete mai usato questa espressione? Se sì, quando?


14 commenti:

  1. Davvero straordinario che una frase del genere sia apparsa su un Topolino. Comunque il senso della frase sono sicuro sia comprensibile anche da un bambino, visto che è inserita in un contesto specifico. Forse l'unico termine ostico è sicumera, ma se uno è curioso esiste sempre il dizionario (e noi bambini di allora eravamo curiosi).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il contesto aiuta moltissimo e la curiosità fa il resto del lavoro! Io penso che anche i bambini di oggi siano molto curiosi, solo che vengono sottoposti a meno stimoli di questo tipo. Magari oggi non prenderebbero in mano un dizionario, ma hanno quasi tutti uno smartphone che può dar loro le risposte se decidono di cercarle.

      Elimina
  2. Topolino? Io pensavo fosse un'espressione presa da qualche proclama di Mussolini, pensa un po' :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm, spero di non scoprire che viene davvero da lì, sarebbe un po' traumatico.

      Elimina
  3. Io l'ho letta su Topolino e non solo in quella vignetta. L'hanno ripetuta in altre storie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, l'ho trovata ripetuta in altre vignette, ma nella altre che ho visto io non appariva mai per intero (per esempio perché mancava un aggettivo).

      Elimina
  4. Ne abbiamo sentite di tutti i colori!!! ma ci hanno sempre fatto sorridere, cara Romina.
    Ciao e buona settimana, con un abbraccio e un sorriso:)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho una grande esperienza nei fumetti, ma sto cercando di rimediare in questi anni.
      Grazie e buona settimana anche a te.

      Elimina
  5. Non hai detto che la frase è famosa (e quindi citata in altre storie di Topolino) perché viene da "Paperinik il diabolico vendicatore", la prima storia in cui compare il supereroe alter ego di Paperino.
    Per contestualizzare la scena, zio Paperone aveva appena offerto un lavoro a Paperino, che rifiuta, e i due prendono ad insultarsi per qualche vignetta. Alla fine, Paperone si vanta di fare il bagno nelle monete d'oro mentre Paperino è perennemente squattrinato. La disgustosa ostentazione di plutocratica sicumera era appunto questa. Infatti l'interpretazione che hai dato tu è giusta :)

    Io te l'avevo segnalata perché contiene molti termini "da recuperare" (infatti due vignette dopo c'è anche "iettatura").
    Forse a chi legge Topolino adesso può sembrare strano che zio e nipote si insultino senza pietà... ma erano i tempi in cui Paperino minacciava i nipotini con il battipanni. Ora i metodi educativi sono cambiati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sapevo che avrei dovuto far scrivere il post a te come guest post...
      Grazie per le precisazioni!

      Elimina
    2. Prego e scusa se sono stata prolissa... È che adoro Paperinik e adoro quella storia, credo di averla riletta un centinaio di volte ^^"

      Elimina
    3. Non sei affatto stata prolissa, anzi, sono felice di aver scoperto qualcosa di nuovo! Grazie!

      Elimina
  6. Paperinik il diabolico vendicatore, del 1969, di Elisa Penna, Guido Martina e Giovan Battista Carpi. Contiene anche un'altra celebre espressione, come ricordato da Elisa, "Dentro spazzatura! Fuori iettatura!".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fino a qualche anno fa, non sapevo assolutamente niente di fumetti... ora mi riscopro a dire anch'io: "Me la ricordo quella vignetta!". Grazie, Fabrizio.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...