lunedì 17 luglio 2017

Concorso di compleanno per i sei anni del blog

Come è ormai tradizione, ecco a voi il bando del concorso di compleanno del mio blog (dopo il post per il sesto compleanno).

Anche se sono parecchio affezionata a questo concorso, che ormai è arrivato al suo quarto anno (per i curiosi lascio i link ai bandi precedenti di tre anni fa, di due anni fa e dell'anno scorso) ho deciso di apportare qualche modifica e, soprattutto, di snellire la struttura (visto che il video ripescato dell'anno scorso è uscito pochi giorni fa!).

Vediamo ora il nuovo bando, dunque, con le sue piccole novità.

Come sempre si tratta di un concorso e non di un giveaway a estrazione perché, lo sapete, io voglio che vinca sempre la creatività!


Per partecipare
Se volete partecipare al concorso dovete scrivere un racconto breve a tema libero di massimo 300 parole. Dovete poi postarlo come commento a questo post. A differenza di tutti gli anni precedenti, NON dovete postarlo in modo anonimo, ma con il vostro account ben visibile (se commentate come anonimi, potete anche solo firmare il racconto in fondo al commento, l'importante è che si sappia di chi è).  
Altra differenza rispetto agli anni precedenti: potete inviare UN SOLO racconto. Potete cambiarlo, modificarlo o sostituirlo fino alla scadenza del concorso, ma alla scadenza solo un testo in una versione sarà ammesso alla fase successiva (il più recente).

Scadenza
Potete partecipare da oggi fino al 30 settembre.
Vi do più tempo degli scorsi anni, sperando che così tutti coloro che vogliono partecipare trovino il tempo di farlo, senza fretta.

Il vincitore del concorso
Quest'anno ho deciso di cambiare la modalità per decretare il vincitore. Non ci saranno più tre finalisti con i video da votare, ma sarà tutto molto più semplice.

Alla scadenza del concorso scriverò un post in cui spiegherò tutto per bene, ma intanto vi accenno qualcosa. Ogni partecipante al concorso dovrà votare uno dei racconti partecipanti inviando il suo voto via mail (tamericiromina@gmail.com). Tutti i partecipanti avranno l'obbligo di votare UNO E UN SOLO racconto (non il proprio, ovviamente) pena la squalifica dal concorso.
Se mi lasciate un contatto mail (scrivendomene una), vi avviserò quando saranno aperte le votazioni. 

L'autore che riceverà più voti sarà il vincitore e come premio il suo racconto diventerà un video come quelli degli anni scorsi.

Il vincitore votato dal pubblico
Negli anni passati i voti dei non partecipanti sono stati pochissimi, quindi quest'anno ho deciso di non inserirli nel conteggio per decretare il vincitore. Per i non partecipanti ci sarà un conteggio a parte che porterà all'elezione del racconto scelto dal pubblico (se i voti ricevuti saranno in totale almeno 20 e quelli del vincitore almeno 5, realizzerò anche per questo racconto un video).

I premi
Il vincitore del concorso avrà diritto a veder trasformato il suo racconto in un video. Riceverà inoltre un buono di 20 euro da utilizzare per uno qualsiasi dei miei servizi (valido per sei mesi).

Il vincitore del premio del pubblico (se avrà raggiunto i numeri previsti sopra) avrà diritto a veder trasformato il suo racconto in un video. In ogni caso riceverà inoltre un buono di 10 euro da utilizzare per uno qualsiasi dei miei servizi (valido per sei mesi).

Tutti i partecipanti avranno diritto a uno sconto (di cui vi parlerò più avanti) per la realizzazione del video del loro racconto partecipante al concorso.


Vi aspetto numerosi! E vi ringrazio già per la vostra partecipazione! 

Allora, tutto chiaro? Pronti a partecipare? Non preoccupatevi, ogni volta vi spiegherò cosa fare, quindi per il momento dovete solo ricordavi di partecipare prima del 30 settembre!

Sperando di incentivarvi ulteriormente, vi lascio qui di seguito i tre video finalisti dell'anno scorso dal primo al terzo classificato e il video del racconto ripescato dal pubblico!






  
AVVERTENZA: Esistono normative sul fenomeno dei giveaway e dei concorsi sui social a mio avviso poco chiare. Comunque io qui regalo il mio tempo e qualche sconto. E ho spesso fatto editing e video gratuiti, quindi... ho solo ideato un concorso per decidere a chi regalare qualcosa, sperando di stimolare un po' la creatività!






7 commenti:

  1. Io dovrei esserci se il diavolo non ci mette la coda.
    Bacio!

    RispondiElimina
  2. Io dovrei esserci se il diavolo non ci mette la coda.
    Bacio!

    RispondiElimina
  3. Cara Romina, io credo di esserci, ma subito intanto voglio congratularmi per i tuoi 6 anni del blog facendoti tanti auguri.
    Ciao e buona serata con un abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Renato Ghezzi17/07/17, 21:55

    Arriva il mio...

    RispondiElimina
  5. Renato Ghezzi17/07/17, 21:55

    Quando c’è l’amore


    Mi svegliai di colpo. Fuori era buio, troppo presto per alzarsi. L’orologio faceva le tre.
    Perché ero sveglio?
    Avevo la forte sensazione che qualcosa non andasse, non fosse come al solito. Mi misi su un lato, vicino alla mia compagna. Qualcosa mi toccò la gamba. Ma non era una pedata, di quelle che ci capita di scambiarci quando ci muoviamo nel letto. Era qualcosa di più grande, liscio, un po’ scivoloso.
    Allungai una mano e non trovai le sue gambe. Non capivo. Sapevo che l’avrei svegliata, ma accesi la luce.
    Lei si svegliò.
    «Che c’è, stai male?»
    «No, è che…» Sollevai il lenzuolo e restai lì, fermo.
    «Cosa fai, c’è qualcosa che non va?», chiese.
    «Guarda», riuscii appena a mormorare.
    Al posto delle gambe aveva una magnifica, verdissima, lucente coda di pesce che finiva in una larga pinna.
    Lei si sollevò sui gomiti. «Mi sa che l’incantesimo è finito», disse.
    «Scusa?»
    «Sì, non te l’ho detto perché pensavo fosse per sempre. Invece evidentemente no. Scusami.»
    «Non importa.» Perché risposi non importa me lo chiedo ancora oggi.
    Abbassai il lenzuolo. Mi sdraiai supino, fissando il soffitto.
    «E adesso?», mormorai.
    «Dobbiamo traslocare, tutto qui. Troviamo una casa vicino al mare.»
    «Cazzo», commentai.
    «Perché? Non ti va di stare al mare?»
    Mi voltai di nuovo, la baciai.
    «E se finisse il mio?»
    «Il tuo cosa?»
    «Non te l’ho detto nemmeno io, scusami. Prima di conoscerti ero un orso bruno, di montagna.»
    Lei tacque per un po’.
    Poi disse: «Casa al lago di Braies?»
    «OK» risposi, e spensi la luce.

    RispondiElimina
  6. Romina, congratulazioni per il traguardo dei sei anni.
    Te lo scrivo qui, c'è un premio per te... da me. :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...