sabato 3 marzo 2012

Selezionare gli editori a cui inviare un libro


 Una volta preparati i documenti per gli editori, bisogna presentarli agli editori. Logico, non è vero? Sì, ma non per questo semplice!
Quando il libro è ben revisionato e tutta la documentazione è pronta, sorge il problema di stabilire a chi mandare il tutto. Bene, in questo secondo post di “AAA Editore Cercasi” vi riporterò alcune delle mie considerazioni/ricerche sul tema.

Il rifugio dell’esordiente
Io ho provato spesso a cercare su internet inserendo chiavi di ricerca come “pubblicare un libro”, “editore per esordienti”, … e chi ne ha più ne metta. Ho fatto così tante ricerche in questi anni che nemmeno mi ricordo più quando ho cominciato. Spesso i risultati sono pochi e insoddisfacenti. Sui motori di ricerca escono spesso solo “i soliti nomi” di case editrici un po’ sospette che non si dichiarano print on demand o editoria a pagamento, ma che analizzando un po’ in rete rivelano il loro lato oscuro. Durante queste navigazioni, qualche anno fa ho trovato un sito web interessante, “Il rifugio dell’esordiente”, che offre un archivio con oltre 900 case editrici. Lì è possibile fare una indagine tramite una maschera di ricerca.

In tal modo si ottengono i contatti di una o più case editrici.
È un buono strumento, ma non sufficiente se volete cercare un editore per il vostro libro. Perché? Perché non avete informazioni su quegli editori e dunque dovrete visitare a uno a uno i loro siti e informarvi di più. Un bel lavorone, vero? Anche se sicuramente più rapido che cercare su un motore di ricerca tutti gli editori senza fare prima una scrematura resa possibile da questo sito. Quindi, se non sapete da che parte sbattere la testa, potete cominciare a farvi un’idea lì, inoltre molte delle case editrici in archivio sono valutate da chi ci ha avuto a che fare, quindi potete sondare il terreno.

La Guida 2011 agli editori che ti pubblicano
Ultimamente, grazie al consiglio di Lisa Corradini che non finirò mai di ringraziare, ho scoperto un libro, “La Guida 2011 agli editori che ti pubblicano” di Leonardo Pappalardo. Il libro a prima vista sembra una sorta di elenco del telefono ma non è così! L’introduzione a mio avviso è molto ironica ma allo stesso tempo non cerca di indorare la pillola: cercare un editore è difficile, ma bisogna anche tener presente il punto di vista degli editori. Eh, sì, immaginatevi di ricevere costantemente cumuli e cumuli di manoscritti di ogni genere, spesso totalmente fuori dalla vostra linea editoriale, senza una riga di presentazione, inviati alla rinfusa e con supponenza… dopo un po’ non comincereste a perdere la pazienza? Beh, è per questo che gli autori esordienti devono comportarsi bene: non serve inviare il proprio dattiloscritto a tutti gli editori di Italia. Bisogna escludere tutti coloro che non pubblicano il genere che abbiamo scritto  (es. non mandare favole a un editore horror e viceversa), non inviare raccolte di poesia a chi fa solo narrativa e non racconti a chi pubblica solo romanzi. È una forma di rispetto, così come presentare il romanzo secondo le modalità previste dall’editore (per posta, via mail, in forma integrale, solo primi capitoli, …). Lo so cosa state pensando: ma selezionare un editore così diventa un lavoro interminabile! E avete ragione, però è a questo punto che questa guida diventa importante. Essa vi permetterà di selezionare in poco tempo gli editori più rispondenti a ciò che state cercando.
Il volume contiene circa 350 editori (selezionati tra molti altri secondo le indicazioni presentate nell’esilarante introduzione) e per ognuno riporta importanti informazioni:
  • Contatti (indirizzo, telefono, fax, e-mail, sito, …).
  • Staff editoriale
  • Linea editoriale
  • Argomenti trattati
  • Generi accettati
  • Guida per l’inoltro delle opere
  • Le opere in visione vanno inviate (per posta tradizionale, via mail, …).
  • Modalità di valutazione (si valutano esordienti o no, tramite concorsi e agenzie o no, …).
  • Modalità di invio delle opere in visione (dattiloscritto completo o solo primi capitoli, sinossi, presentazioni, …).
  • Lunghezza delle opere accettate (racconto breve, racconto, racconto lungo, romanzo breve, romanzo, …. con indicazione delle cartelle minime e massime).
  • Tipologia delle opere accettate
  • Tempo medio per una risposta
  • Cosa si richiede all’autore
  • Contratto (a royalities, con contributo, con vincoli di acquisto copie, …).
 In questo modo potete farvi un’idea di come lavora quell’editore e di cosa cerca ed escludere quelli che non fanno al caso vostro. Ovviamente poi dovrete comunque visitare il sito di questi editori e controllare la situazione, ma il numero degli editori che dovrete verificare sarà infinitamente inferiore! Inoltre questo libro ha in fondo una sezione in cui elenca le case editrici in base ai generi che pubblicano e questo è molto utile perché, se scrivete un genere particolare, vi eviterà di leggere tutte le pagine della guida.

Conclusione
Combinando le risorse del web a questa guida è possibile selezionare un ristretto numero di editori che potrebbe avere interesse a leggere il nostro dattiloscritto. Sapremo che materiale inviare a ciascuno di loro e come inviarlo, quanto dovremo aspettare per una risposta e che tipo di contratto potremo ricevere in caso di esito positivo, che cosa ci verrà richiesto e quali diritti avremo. Il tutto senza più strane e misteriose sorprese.

Che ne pensate? Come cercate un editore? Vi sembrano utili questi strumenti?


Hanno parlato di questo articolo:

12 commenti:

  1. Io lo faccio a tempo perso perché non ho nulla da presentare. Comunque ero incappato anch'io in quel sito, che se ben ricordo contiene anche parecchi consigli utili che però ho prontamente dimenticato!
    Diciamo che cerco di capire qual è lo stile dell'editore. Se mi interessa, navigo un po' il sito, leggo cosa scrive, vedo cosa pubblica, cerco di procurarmi uno dei suoi libri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, il sito è pieno di buoni consigli.
      Ora che ho selezionato gli autori grazie alla guida anch'io sto dando un'occhiata ai loro siti... ho appena scritto la lettera di presentazione e sono ancora alle prese con la sinossi. Che fatica! Grazie per il commento!

      Elimina
  2. Conosco sia il sito sia il libro. In effetti la ricerca è estenuante e lunga. Ho cercato anche io parecchio un editore, ma nel mio caso il campo era abbastanza ristretto, l'informatica, quindi c'erano ben poche case editrici da selezionare.

    Il libro sembra interessante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La ricerca di un editore è davvero "estenuante e lunga"... spero almeno che alla fine potrò essere felice della fatica e del tempo speso! Alla fine tu l'editore l'avevi trovato?

      Elimina
    2. Sì, ne ho trovati 3 a cui ho spedito il manoscritto, ma zero risposte.

      Elimina
    3. Mi dispiace... siamo tutti sulla stessa barca, chissà se un giorno troveremo un porto sicuro in cui attraccare!
      In ogni caso non bisogna mai arrendersi!

      Elimina
  3. Sai che quella guida mi è familiare!? Sarà!

    Mi sono appellata al rifugio dell'esordiente per un parere tecnico, sai hanno pure un legale in materia editoriale che mi ha aiutata a risolvere alcuni dubbi.
    Bel sito e bel post

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Il rifugio dell'esordiente" offre molte opportunità... sai che prevede anche un servizio di lettura incrociata? Ho in programma un post sull'argomento, ma non riesco a capire quando lo scriverò/posterò. Non mi sono mai rivolta a quel sito per una ragione specifica, ma offre tanti suggerimenti utili!
      Grazie Lisa!

      Elimina
  4. "Il rifugio dell'esordiente" è un'ottima risorsa. Io sono partita da lì quando si è cominciato a parlare di spedire il manoscritto alle case editrici. Anche il libro l'ho trovato una risorsa molto utile.
    Purtroppo, però, scrivo un genere (la fantascienza) che al momento non è tanto popolare e poi a trattarlo sono solo una manciata di grandi case editrici. Ne ho selezionate quattro, ma per il momento mi sono tornate indietro solo delle lettere di rifiuto.
    Al momento sto aspettando gli esiti del concorso Odissea della Delos e non ho intenzione di arrendermi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente non è facile... anzi è proprio una missione complessa, ma la tua forza è da ammirare. Continua così e in bocca al lupo davvero!

      Elimina
    2. Grazie e che crepi!
      Non ho fretta. Per adesso il mio primo impegno rimane lo studio, quindi posso anche provare e riprovare a spedire i manoscritti finché qualche editore non sarà mosso a pietà e deciderà di pubblicarli. 3:)

      Elimina
    3. Sì, bisogna avere la costanza e la pazienza di aspettare...
      Non serve che un editore si muova a pietà, qualcuno prima o poi noterà i tuoi lavori per il loro valore! Ti auguro che ciò avvenga presto!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...