domenica 23 settembre 2012

Video poesie: "La pioggia nel pineto" di Gabriele D'Annunzio


 Oggi comincia l’autunno e quale modo migliore per festeggiarlo che con una video poesia? I colori autunnali sono meravigliosi (non a caso sia sul blog sia su G+ ho messo come sfondo delle bellissime foglie autunnali, no?), ma molti non amano l’autunno perché caccia l’estate e porta pioggia. Dato che odio il caldo e amo la pioggia io invece sono molto felice e voglio farvi un regalo, questa video poesia che parla proprio di pioggia. Si tratta della notissima La pioggia nel pineto di Gabriele D’Annunzio.


D’Annunzio non è tra i miei poeti preferiti, soprattutto per il suo pessimo (a mio avviso) carattere! Comunque questa sua poesia mi piace da sempre e sono molto legata a essa per diversi motivi. Inoltre di solito quando mi presento a qualcuno che non mi conosce la risposta è sempre: Tamerici?! Ah, come le “tamerici salmastre e arse” della poesia? Quindi prima o poi dovevo per forza parlarne qui! E quale occasione migliore del duecentesimo post su questo blog?

Spero che il video sia un po’ meglio dei precedenti visto che l’ho rifatto ben quattro volte cambiando grafica… e poi in questa poesia, come vi avevo annunciato nel post sugli accenti gravi e acuti, ho tentato per la prima volta di correggere un po’ i miei accenti sbagliati. Sono ancora lontana dalla corretta pronuncia, ma si fa quel che si può!

Giudicate voi e fatemi sapere cosa ne pensate!



E adesso qualche spunto, sicuramente non esaustivo, per l’analisi con le cose più importanti che mi sono venute in mente. È una poesia molto particolare, ma qualche accenno penso possa essere interessante.

  
  Cliccando sull'immagine dell'analisi potete aumentarne la dimensione e poi premendo ctrl+ potete ingrandirla ulteriormente (se anche ingrandita non vi risulta chiara, potete salvarla nel vostro PC: a quel punto si aprirà come l'ho creata io).

Spero che la sorpresa vi sia piaciuta e che da oggi guarderete la pioggia da un altro punto di vista!


24 commenti:

  1. innanzitutto ti ringrazio per aver citato il mio post e poi ti dirò che hai davvero una bella voce. avrei reso la poesia in maniera più diretta, più colloquiale invece di recitarla però mi piace il suono della tua voce così sottile e sussurrata.

    P.S.: Eh ti capisco. Gli accenti sono uno dei miei problemi e facendo teatro la questione è più seria. Ma prima o poi li saprò dire al meglio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La citazione era proprio dovuta. Stavo già preparando questo post da tempo, quando tu hai scritto il tuo e ho subito pensato che sarebbe stato un link perfetto!
      Grazie!

      P.S. Per gli accenti, be', in bocca al lupo a te e a me!

      Elimina
    2. se rivai nel mio post, troverai un video che ho aggiunto da poco :)

      Elimina
    3. Grazie mille! Fa un certo effetto vedere da te il mio video.

      Elimina
    4. Nel mio blog la popolarità di una persona non importa. Quello che mi importa è ciò che dice, come lo esprime... quindi mi è sembrato naturale aggiungere il tuo video.

      Elimina
    5. Continua così! E grazie ancora!

      Elimina
  2. Auguri per il 200° post! Noto un miglioramento rispetto alla lettura dell'Infinito, brava! Chissà cosa ci aspetta in futuro, magari al 400° post? E' un augurio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Migliorare è una delle cose che mi dà più soddisfazione nella vita. Insomma, continuare a lottare per crescere un po' alla volta. Non voglio essere migliore degli altri, ma essere nel tempo migliore di me stessa... Forse il fatto che ho realizzato più versioni diverse mi ha permesso di migliorare un po' la situazione. E poi ho trovato qualcuno che mi ha dato degli utili consigli. Sono felice che il risultato ti sia piaciuto.
      Grazie per l'augurio!

      Elimina
  3. Complimenti a te per il tuo duecentesimo post e per quanto riguarda la poesia, devo dire che D' Annunzio non é nemmeno uno dei miei poeti preferiti.
    Però darò un occhiata lo stesso al tuo video. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Secondo me, questa è la poesia più bella di D'Annunzio. Bisogna poi separare il poeta (famoso e rispettabile) dall'uomo (no comment) D'Annunzio.
      Guarda il video e poi, se ti va, fammi sapere.

      Elimina
  4. Che voce sensuale, stavolta! ^*
    La pioggia nel pineto piace molto anche a me. D'Annunzio... mah! Non mi ha mai preso. Avevo letto per intero "Il Notturno" - una cosa illeggibile, non ti dico! - e quello che, naturalmente, si legge a scuola. Personaggio interessante, quel D'Annunzio!
    Tra parentesi, complimenti per gli effetti sonori. Tutto è più bello con la pioggia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sensuale?! Be', non esageriamo... questa poi è la versione censurata! Dai, scherzo, ovviamente.

      Per quanto riguarda gli effetti sonori non sono farina del mio sacco, però riporterò i tuoi complimenti a chi li ha realizzati e sono sicuro che ne sarà felice.

      Grazie per il commento.

      Elimina
  5. Neppure io amo d'annunzio ma il video abbinato alla poesia mi piace.
    p.s. le tamerici per me sono le omonime terme a montecatini, stupende.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto sul mio blog!
      Direi che D'Annunzio non è molto amato allora...

      Di certo le terme sono tamerici molto più rilassanti di me!
      Come arbusti, le tamerici sono spesso oggetto di attenzione dei poeti, ma poco note ai più!
      Grazie per il commento!

      Elimina
  6. Accidenti che bella voce che hai :D
    Ha ragione Salomon ;)
    E bella interpretazione, anche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie...
      Se andate avanti con questi complimenti non so però se avrò il "coraggio" di preparare altri video! Ah ah ah! Sono felice che l'interpretazione ti sia piaciuta.

      Elimina
  7. Risposte
    1. Grazie! Duecento post in più di un anno non sono quanti speravo in realtà, ma sono comunque contenta di quel che sono riuscita a fare.

      Elimina
  8. Si sente benissimo e hai una bella voce.
    Sentir recitare una poesia è l'unico modo in cui riesco ad apprezzarla. Spero che ne farai ancora.
    Sono riuscita ad arrivare quasi alla fine anche di questa che ricordavo dai tempi della scuola solo per quanto non era piaciuta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!
      Questa è solo la seconda video poesia del mio blog, vado avanti un po' a rilento soprattutto perché non sono un'esperta con i video e quindi mi serve diverso tempo per far quadrare tutto, comunque ne metterò altre, vedrai!
      Sono felice che tu l'abbia ascoltata tutta nonostante i pessimi ricordi scolastici, anche perché è una poesia piuttosto lunga! Grazie del commento.

      Elimina
  9. E' una poesia spettacolare: suono e significato si confondono, il verso diventa liquido e a tratti sembra quasi che le parole vadano in svanenza, come con la musica.

    D'Annunzio è un poeta da riscoprire. Libero dalla retorica nazionalista e da un eccesso di sentimentalismo, è stato fondamentale per la sperimentazione poetica del Novecento, pur restando nella tradizione, come tutti i grandi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualcuno dalla parte di D'Annunzio ci voleva proprio! Ma, correggimi se sbaglio, D'Annunzio non era nazionalista?
      Per la storia della poesia è stato importantissimo, infatti per me è un bravo poeta, è solo con il suo carattere che ho qualche problema.
      Grazie per il commento!

      Elimina
  10. In effetti avrei dovuto scrivere più chiaramente: "guardando oltre il suo nazionalismo e i suoi eccessi sentimentalisti, è stato..." :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, ok! Scusa, non avevo capito. Grazie per il chiarimento!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...