sabato 5 gennaio 2013

"Chiavi di ricerca"


Chiavi di ricerca: tutta la verità!

Era destino. Prima o poi dovevo scrivere questo post. Lo sto rimandando da mesi. Lo inserisco nella programmazione e poi, qualche giorno prima di postarla, lo tolgo e lo sostituisco con un altro aforisma. Oggi, però, è tempo per la verità. E potrebbe farvi male, sappiatelo!
Sto per parlare delle chiavi di ricerca. Ebbene sì.


Ogni blog che si rispetti prima o poi inizia una rubrica o anche solo un post sulle stringhe di ricerca, che, per chi non lo sapesse, sono le parole che qualcuno ha digitato su un motore di ricerca prima di cliccare una pagina del nostro blog tra i risultati. E perché questa insana decisione? Perché le chiavi di ricerca sono spesso sorprendenti, perché alcune sono inverosimili e incredibili, perché è divertente. Ebbene, io sto per svelarvi l’arcano mistero delle chiavi di ricerca. Forse.

Lamentele che incrementano il processo…
Ho sentito troppi blogger lamentarsi di avere tra le loro stringhe di ricerca delle cose incomprensibili elencandole e commentandole. Bene. Segreto numero uno (sì, sarà più di uno): se voi inserite le vostre stringhe di ricerca folli in un vostro post, quando qualcuno digiterà cose simili sarà ancora più facile che capiti sul vostro blog. Quindi il parlare delle chiavi di ricerca assurde altro non fa che incrementarne la nascita! E questo è il motivo per cui io non ho mai riportato le mie qui.

… e le visite
Secondo segreto (ma lo dico pian piano per non farmi troppi nemici): qualcuno secondo me dissemina appositamente nel blog frasi che possono essere fraintese perché in tal modo le visite aumentano, soprattutto con temi volgari e simili. E quale occasione migliore di un bel post sulle chiavi di ricerca per aumentare il processo? E in più con la coscienza pulita, perché si riporta solo quello che le statistiche dicono e lo si fa prendendone le distanze.

E le mie chiavi?
Ok, non arrabbiatevi, sono solo mie supposizioni, ma sono piuttosto fondate sui dati, almeno per quanto riguarda il mio blog. Ho inserito un programma per tener traccia delle chiavi di ricerca solo quattro mesi fa eppure in tutte quelle chiavi non c’è niente di volgare o incomprensibile o strano. Tutte le cose che sono state cercate sono effettivamente presenti sul mio blog (a volte in modo completo a volte solo per alcuni accenni).

Ciò è per me fonte di grande soddisfazione. Non sopporto le parolacce e le volgarità e non ne ho mai usate nel blog e i risultati si vedono. Sì, sono abbastanza fiera di me (eh, il programma Scrivere nel 2013, mi sta dando fiducia!). Non mi importa se ho poche visite. Quelli che vengono qui trovano quello che cercano e si astenga chi ha fini diversi e loschi.
Anche per questo vi chiedo di essere morigerati nei commenti e rispettare la mia volontà di tenere il blog lontano da parolacce e volgarità.
E cosa cercano? Soprattutto post sui grandi autori e sugli errori da evitare.

L’eccezione c’è sempre (ma io ho indagato!)
C’è stata solo una chiave di ricerca che mi ha stupita per la sua volgarità (e no, non ve la dico), ma ho fatto un test digitandola su Google e ho scoperto che il mio blog risultava tra quelli in home page solo per un link nel blogroll di un post di un collega blogger! Tranquilli, è ancora vivo. E non lo sa. Si perdona e si dimentica. Ah ah ah!

Spunti di approfondimento
Come vi ho accennato, non tutte le chiavi di ricerca che ho hanno totale risposta nel blog, ma sono tutte su temi letterari e su cose che ho almeno accennato o strettamente collegate. Alcune di queste diventeranno per me spunti per approfondire argomenti gettonati. E questo è il segreto numero tre: il modo giusto per usare le chiavi di ricerca, secondo me, è per capire quali dei nostri argomenti sarebbe bene approfondire perché interessanti per chi ci legge (ma non vendetevi l’anima con temi che con il vostro blog non c’entrano solo per fare audience!).

Il ritorno del mistero? Nah…
Però, in verità, una chiave di ricerca che non è stata accontenta e che non ha a che fare con i temi del blog esiste e questa ve la voglio dire perché vi sia di monito. Siete pronti?
Cornicette per il quaderno del catechismo.
Eh, già. E io non ho mai nominato le parole catechismo e/o cornicette.
E allora torna l’idea del mistero e del complotto informatico? No. Ho nominato una volta il termine catechesi e una volta in un commento è comparsa la parola catechismo. E ciò è stato sufficiente. Per questo non voglio mai dire, nemmeno per burla, una parolaccia sul blog, per evitare che poi Google possa procedere alle sue macchinazioni. E per questo, anche se per errore qualche collegamento di qualche amico blogger nel blogroll porterà qui drammatiche chiavi di ricerca, io non le citerò mai qui per non creare un effetto moltiplicatore.

Le chiavi di ricerca non rispondono a logiche del tutto misteriose, ma non sanno capire se si scherza o se si parla sul serio, prendono solo tutto ciò che c’è e lo assemblano a modo loro.

Conclusione
E questo post che significa? Mah, probabilmente poco o nulla. In ogni caso non voglio farvi la morale. Continuate pure a scrivere post con termini allusivi, scrivete pure post sulle chiavi di ricerca, sono anche divertenti da leggere, a volte! Volevo solo dimostrare che una logica c’è. Esiste. E spero che prenderete questo post con un sorriso perché l’intento era ironico, anche se può non sembrarlo. Insomma, ridiamoci su!

P.S. Ogni commento losco verrà eliminato e riportato da me con asterischi censuranti! Ah ah ah… No, adesso non scherzo! Fate i bravi… 


28 commenti:

  1. Beh è chiaro che una logica sotto ci sta :) Io sono ben consapevole che creando post sulle chiavi di ricerca assurde aumento le stesse :D questo però mi porterà a prossimi post su chiavi di ricerca ancora più strambi! Delle visite poco mi interessa in realtà. Meglio avere lettori che leggono seriamente ciò che scrivo e che commentano piuttosto che meri numeri rappresentativi di persone che capitano a caso su cervellobacato e ci restano per nemmeno due secondi :) Comunque chiedo perdono se sono scurrile ogni tanto, lì da me. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insomma, cerchi argomenti per strambi post!
      I lettori che passano e se ne vanno per non tornare più mi mettono tanta tristezza...
      Comunque non devi chiedere scusa, finché "combini danni" in casa tua.
      Grazie per il commento. Vedo che hai afferrato l'intento ironico.

      Elimina
  2. Il mio blog ha pochissime visite, praticamente solo gli aficionados, ma non sono stato mai tentato di usare "trucchetti" per aumentare quantomeno le visite estemporanee. Eppure un paio di volte ho deliberatamente messo (dichiarandolo nel corpo del post) un titolo fuorviante ma "stuzzicante". Non lo citerò per non inquinarti il blog, ma effettivamente ho registrato almeno il triplo delle visite solite.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto nel blog! Questo post sulle chiavi di ricerca, se non altro, ti ha portato su questo blog (e senza scomodare trucchetti). Direi che posso già essere contenta. Grazie per non aver citato titoli inquinanti! Quello che dici mi pare l'ennesima riprova di come, purtroppo, "gira" il web!
      Farò un salto sul tuo blog! Grazie per il commento.

      Elimina
  3. Bell'articolo Romina.
    Anche io non uso trucchetti (anche perchè non sono ancora così "addentro" blogger per permettermelo), ma mi sono resa conto che, recensendo un particolare libro di Irvine Welsh che inizia con la P e finisce con la O (cerca su wikipedia, non lo voglio scrivere sul tuo blog! ^_^ ) ho ricevuto visite di chi non cercava proprio informazioni su quel libro... ma ci sta.
    Per il resto è sempre carino per me dare un'occhiata alle chiavi di ricerca, ma non ne ho ancora fatto nessun articolo anche perchè, avendo il blog bilingue, non credo salterebbe fuori una cosa sensata.
    Ma che programmino hai scaricato tu? :)

    Valentina
    www.peekabook.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Valentina.

      Sono andata a cercare il titolo e in effetti era proprio da evitare su queste pagine! Ah ah ah! Non mi sorprende che sia arrivata gente con fini diversi dalla letteratura, sai?

      Blogger tiene traccia solo delle chiavi di ricerca più frequenti, così a settembre mi sono registrata a "Histats.com". Trovi un link nella barra laterale destra del mio blog nella sezione delle statistiche. Per ora è stato l'unico strumento statistico a non darmi problemi. Lo uso poco, però, perché non sono ancora abbastanza interessata a incrementare il traffico (per esempio posto i post a mezzanotte circa, quando invece avrebbero maggiore visibilità nei blogroll se postati qualche ora dopo, ma sono una persona abitudinaria...).

      Grazie per il commento! A presto.

      Elimina
  4. Analisi molto lucida. Brava Romina.
    Però devo ammettere che i post sulle chiavi di ricerca assurde di alcuni colleghi blogger sono molto divertenti da leggere.
    Io? Non ho ancora controllato le chiavi di ricerca che portano sul mio blog. Ma credo che andrò a dare una sbirciatina.
    P.S. Come sai non uso trucchetti per aumentare le visite sul mio blog. Sono la quintessenza della correttezza (e infatti quando sono in compagnia mi chiedono "ma sei sempre così seria?"). ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sono molto divertenti, lo ammetto anch'io. Spesso le leggo, anche se non commento. Mi piace soprattutto lo stile che usa Camilla di Bibliomania, perché lei risponde alle chiavi di ricerca!

      Sono felice che tu sia una persona corretta e seria, non ne avevo dubbi! Io o sono serissima o sembro un clown: non conosco mezze misure. Grazie per il commento.

      Elimina
  5. Io ne trovo un tale numero da poterci fare una rubrica con cadenza settimanale, che non smette mai di darmi soddisfazioni (ed è anche l'unica cosa a essere letta sul mio blog).
    Il bello è che non funziona come si potrebbe pensare: cercano cose assurde, e google li manda da me - ma mai verso i post delle chiavi di ricerca.
    A volte sono domande un po' strane, altre volte richieste di definizioni. Dimostrazioni evidenti del fatto che la gente non sa usare i motori di ricerca, e che i motori di ricerca non hanno molto senso dell'umorismo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto su questo blog! Sei già la seconda persona che commenta per la prima volta il mio blog "grazie" a questo post. Sarà il fatto che le chiavi di ricerca attirano proprio così tanto? Mah, intanto sono contenta di aver ricevuto il tuo commento.

      Molta gente fa ricerche su google ponendo proprio delle domande stile "mi sai dire...?", ma Google non è un oracolo e, come dici tu, non ha senso dell'umorismo.

      Verrò a curiosare nel tuo blog. Grazie per essere passato!

      Elimina
    2. Manco a dirlo, previsione avverata. Qualcuno ha fatto a google una domanda talmente assurda che google lo ha mandato direttamente a uno dei miei post sulle chiavi di ricerca, che aveva esattamente quel titolo - solo che era un titolo sarcastico. Continuo ad accumulare prove... :)

      Elimina
    3. Google non capisce il sarcasmo. Non credo servano altre prove, comunque tu accumulale e poi fai un post di denuncia!

      Elimina
    4. Vado direttamente in procura, altro che post.

      Elimina
    5. Perfetto! Fammi sapere, eh! Devi aver scoperto qualcosa di molto losco...

      Elimina
  6. Segreto numero uno: sono più che sicura che certi blogger elenchino le chiavi di ricerca per aumentare gli accessi al proprio blog, perché a qualcuno interessa il numero di visitatori più che il contento dei propri post.
    Sono contenta che anche tu sia fiera del tuo blog pulito e senza parolacce: dimostri ancora una volta di essere una persona intelligente e professionista!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella vita spesso si fanno le cose per soldi o per un tornaconto. Qui sul blog invece so che tutto il mio lavoro e tutto il tempo speso non mi porta altro che a conoscere persone che condividono la mia stessa passione. Per questo non ci tengo a incrementare visite con dei trucchetti che fanno solo aumentare i numeri ma non la condivisione di idee e l'aiuto reciproco. Che qui passino duecento persone al giorno (media attuale, circa) o cinquemila, io non guadagno di più o di meno. L'unico motivo che mi rende felice di una crescita delle statistiche è la possibilità di conoscere più gente appassionata di scrittura e l'illusione che per qualcuno sia interessante ciò che dico. Voglio che questo blog cresca e sono felice che un passettino alla volta lo stia facendo, ma crescerà solo con la fatica e la dedizione non con la furbizia. Le cose facili del resto non mi sono mai piaciute!
      Grazie davvero, Kinsy, anche il tuo blog è pulito e tranquillo!

      Elimina
  7. Dato che è la terza volta che provo a scrivere questo commento, sarò stringato: incrementare le visite in questo modo non serve a nulla. (A blogger come me e te, non a chi, per esempio, con il traffico fa qualche soldino tramite banner pubblicitario.) Penso che chi pubblichi post sulle chiavi di ricerca lo faccia per divertimento e basta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come mai è la terza volta che scrivi il commento? Ci sono problemi con l'area commenti del blog?
      Il tuo discorso ha senso proprio per blogger come noi che non guadagnano denaro con il loro blog, ma la blogosfera è bella perché è varia!
      Grazie per il commento (ancora di più visto che ti è toccato scriverlo tre volte!).

      Elimina
    2. No, problema mio. L'area commenti va benone!

      Elimina
    3. Hai tutta la mia solidarietà. Io ho internet a singhiozzo da ieri sera e non riesco a fare quasi niente! Grazie per avermi rassicurata almeno sull'area dei commenti.

      Elimina
  8. Beh, come sai io mi diverto un mondo a rispondere alle chiavi di ricerca :) Però, e spero si sia notato, evito volutamente quelle di contenuto volgare: onestamente, non vorrei proprio che la gente cominciasse ad arrivare su Bibliomania cercando il proprio sollazzo. Insomma, si parla di libri, mica di... aspetta, meglio non scrivere niente, non voglio disturbare il tuo bel blog :)

    Comunque, sappi che questo tuo post è arrivato in un momento perfetto per me e che mi ha aiutata a prendere una decisione che riguardava certe chiavi di ricerca, quindi grazie! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualche commento fa ti ho citata, perché il tuo modo di parlare delle chiavi di ricerca è il mio preferito, poiché lo fai rispondendo alle domande e quindi creando contenuti di rilievo.

      Grazie per esserti censurata e sono lieta che il mio post ti abbia aiutata a prendere delle decisioni (che a questo punto spero siano giuste!).

      Grazie per il commento.

      Elimina
    2. Sono lusingata per la citazione! E ovviamente sono contenta che ti piaccia come tratto le mie chiavi :)

      Io credo di aver fatto la scelta giusta, ce lo dirà il tempo se sarà effettivamente così o meno...

      Figurati, è sempre un piacere!

      Elimina
    3. Le tue chiavi insegnano sempre qualche curiosità per questo mi piacciono!

      Aspettiamo che il tempo riveli la bontà della tua scelta, dunque!

      Elimina
  9. Salve, devo dire che grazie a questo post i miei sospetti si fanno sempre più concreti. Ho sempre pensato che parlare delle chiavi di ricerca sui blog fosse un mero trucco per attirare più visite ed è un comportamento che non condivido, così come non tollero chi mette immagini sul blog che non abbiano un'attinenza con quello che si scrive, sempre con lo stesso intento... Non voglio fare la "moralista", ognuno fa quello che preferisce (senza contare che spesso anch'io mi diverto a leggere i post sulle chiavi di ricerca), ma sono fiera di non fare nulla per attirare gente sul mio blog.. Probabilmente sbaglio io, dovrei cercare di renderlo più "succulento", ma non ne ho il minimo interesse e mi infastidirebbe moltissimo doverlo fare, mi sentirei "in colpa" con me stessa, non so se mi spiego:). Mi scuso per la logorrea. Perla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta sul mio blog!

      Io l'ho sempre pensato, però non volevo creare polemiche. Alla fine ho pensato fosse giusto esplicitare il mio pensiero in merito. Io ne faccio proprio un po' una questione personale. Non voglio che la gente arrivi nel mio blog cercando cose che qui non ci sono, soprattutto se sono cose di cui non andrei fiera. Le fotografie sono un'altra questione strettamente collegata, hai ragione!
      Anch'io mi sentirei in colpa usando trovate per aumentare le visite e poi non vedo perché, visto che tanto non guadagno nulla comunque. Non mi svenderei nemmeno per soldi, quindi non lo farò gratis!

      P.s. Io sono logorroica, quindi i commenti più sono lunghi più mi fanno piacere!

      Elimina
  10. Mi sento molto soddisfatta perché quasi tutte le chiavi di ricerca che ho trovato per il mio blog sono di argomento teatrale :) Una sola riguardava l'autore di una delle illustrazioni che ho usato (ma mi sembra corretto mettere sempre le fonti, quando le trovo)...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto bene! Vuol dire che non usi trucchetti per aumentare le visite. Secondo me, la qualità alla fine premia, anche senza mezzucci.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...