martedì 8 gennaio 2013

Fun Cool 8: il concorso per racconti di una frase


La blogosfera è in fermento già da un po’ per la nuova edizione di un concorso davvero particolare e ora anch’io sento il bisogno di dire la mia (perché, in effetti, sto raramente zitta).
Si tratta del Fun Cool (per il non anglofoni, azzardo una traduzione come Divertimento eccezionale)  arrivato alla sua ottava edizione. Il concorso consiste nella scrittura di un racconto in un’unica frase. Non importa quanto la frase sia lunga (per mia fortuna), importa solo che ci sia un unico punto fermo e alla fine di tutto.


Un’idea davvero originale, non trovate? Secondo me, sì, infatti dopo averlo segnalato su Abaluth, visto che nella Palestra di scrittura ci stiamo allenando con i racconti di 200 caratteri, vengo a parlarne anche  a voi.

Trovate il regolamento e l’elenco dei premi sul blog Gelostellato (ideatore del concorso) ed è già presente un post continuamente aggiornato con i racconti partecipanti. Tra di essi, anche le mie due creaturine che vi riporto qui sotto.

Sguardo polemico
I suoi occhi lo fissavano con aria polemica e un po’ di sfida; aveva visto troppe ingiustizie, cattiverie e malignità, troppe vite spegnersi senza un motivo, troppe cose belle venir deturpate, troppe anime pure divenire corrotte e non poteva permettere che quel tormento continuasse anche solo un giorno di più: era stato doloroso ma nemmeno quanto immaginava e ora i suoi occhi, sanguinanti, lo fissavano appoggiati sul tavolo e lui, per la prima volta, si sentì libero dal ricordo di tutte le scene terribili che aveva dovuto osservare nella sua vita.
   
L’amore nel XXI secolo
S’incontrarono in una fredda mattina d’inizio primavera; subito si piacquero, complice una scintilla, un brivido che li fece pensare subito all’amore vero; si lasciarono andare ai sentimenti, come travolti da una forza che non potevano contrastare; si amarono, come se non ci fosse altra possibilità, come se non esistesse un senso al di fuori del loro essere un “noi”; cominciarono a fare progetti, a sognare una casa con un camino, dei bambini vivaci, un cane pronto ad accoglierli festoso al ritorno dal lavoro; si sposarono un giovedì d’aprile tra i sorrisi degli invitati e qualche battuta ironica del testimone dello sposo; litigarono presto furiosamente perché non si capivano, perché triste era stato rendersi conto di non aver nulla in comune; si odiarono, dimentichi ormai del tutto del loro amore, come se non fosse mai esistito, come se improvvisamente si fossero svegliati dal loro sogno dorato; si separarono quando ancora la primavera non aveva lasciato spazio all’estate: un’unica stagione durò la loro storia d’amore.

Che ne dite? Se vi va di partecipare avete tempo fino al 12 gennaio. In bocca al lupo!



Aggiornamento del 2/02/2013
Sul blog di Gelo Stellato sono presenti i risultati del concorso.



6 commenti:

  1. credo proprio che parteciperò. grazie mille per l'informazione.

    RispondiElimina
  2. Bei racconti tutti e due, anche se preferisco il secondo per la sua descrizione di un matrimonio finito male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Nick.
      Per il secondo racconto, be', ormai lo sapete che non sono romantica!

      Elimina
    2. Concordo! Belli entrambi ma ho preferito il secondo :)

      Elimina
    3. Ho fatto bene a mandarli entrambi allora, perché tra i due io avrei scelto il primo. Grazie!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...