mercoledì 3 luglio 2013

Alterco: la parola di luglio 2013

Settimo appuntamento con Una parola al mese. A gennaio ci siamo presi cura della parola panegirico, a febbraio di algido, a marzo di barbaglio, ad aprile di infingardo, a maggio di parapiglia, a giugno di albagia e ora ecco a voi alterco!


La parola è stata scelta dalla vincitrice del concorso di racconti di 200 caratteri con la parola albagia, Maria Todesco, che è stata un po’ combattuta nella sua scelta (sono così tante le parole che si vorrebbero salvare), ma mi sembra che poi abbia scelto un ottimo termine!

Etimologia della parola
La parola alterco deriva dal latino alter (l’uno dei due), indica dunque un litigio in cui si parla alternativamente.

Vediamo ora se il significato attuale coincide.

Definizione
Violento scontro verbale, litigio, diverbio.
La parola è presente nella lingua italiana dal 1848.

Pronuncia, forme, eventuali derivati
La parola alterco si pronuncia con l’accento tonico sulla e, da pronunciarsi aperta [al-tèr-co].

Si tratta di un sostantivo maschile.
Il plurale è alterchi.

Frasi d’autore
Troviamo il termine in uno dei pensieri di Baruch Spinoza (Benedetto Spinoza).
Noi sperimentiamo che le febbri e le altre alterazioni del corpo sono causate da deliri, e coloro che hanno il sangue tenace non immaginano che alterchi, risse, stragi e simili.
Baruch Spinoza in Epistolario

Ovviamente, se avete altri esempi illustri, spero me li direte, perché non è affatto facile trovarli!

E a chiamata risponde Marco Lazzara suggerendo ben due citazioni di Tolstoj! Grazie mille

«Principessina, bisogna che vi avvisi» soggiunse abbassando la voce «che il principe ha avuto un alterco» disse alterco biascicando molto l'erre e ascoltandosi con piacere «un alterco con Michele Ivanoff. È di pessimo umore, molto tetro. Vi avverto, sapete».
Lev Tolstoj in Guerra e Pace


La maggior parte degli argomenti di conversazione tra marito e moglie, soprattutto l'educazione dei figli, rinviavano a questioni per le quali vi erano ricordi di alterchi, e gli alterchi  a ogni istante, erano pronti a scoppiare.

Lev Tolstoj in La Morte di Ivan Il'ic
E l'instancabile Marco Lazzara ha trovato anche questa citazione!
Avreste dovuto rimuovere Elaida nel momento in cui avete appreso del suo disastroso tentativo di catturare Rand al'Thor. Avreste dovuto rimuoverla quando avete visto come i suoi alterchi e la sua meschinità stavano mettendo una Ajah contro l'altra.

Robert Jordan & Brandon Sanderson in La Ruota del Tempo, Volume XII - Presagi di Tempesta
Qualche esempio
Ora inserisco qualche breve frase scritta da me con la parola alterco.

  • Non era stato un alterco come gli altri: quella volta la loro storia era proprio finita.
  • Urla, urla continue: gli alterchi sempre più frequenti dei vicini appena arrivati turbavano la quiete del condominio.
  • L’alterco è sempre un momento di svolta: le cose o si aggiustano o si rompono.


Un racconto di 200 caratteri
E ora un mio racconto in meno di 200 caratteri con la parola alterco.

Dubbio
«Vattene via. Non ti voglio mai più rivedere» gridò lei.
Lui tacque e se ne andò, ponendo fine al lungo alterco.
Lei cominciò a singhiozzare.
Lui la sentì e indugiò nel dubbio: tornare o andarsene.

Finale aperto questa volta!

I sinonimi non esistono
I sinonimi di alterco sono: litigio, diverbio, scontro verbale
Tra le definizioni di alterco ho trovato anche scambio aspro e scomposto di parole e insulti. Non l’ho messa come definizione, però, perché la parola alterco in realtà, in base soprattutto alla sua etimologia, può avere una valenza particolare che collideva troppo con il termine scomposto di questa definizione. Il termine alterco infatti mette in luce che il conflitto è pur sempre una comunicazione, può essere violenta ma si parla uno alla volta, qualcosa che oggi sembra mancare molto nel dibattiti e nei litigi.  

Scopo dell’iniziativa
Ripeto anche questa volta lo scopo dell’iniziativa.
Io mi impegno a usare questa parola in almeno un post durante il mese.
In tali post evidenzierò in modo evidente la parola alterco, inserirò questa immagine e questa dicitura (con il link a questo post):




Questo post partecipa all’iniziativa Una parola al mese. La parola di luglio 2013 è alterco (al link maggiori informazioni).







 Chi vuole partecipare all’iniziativa deve segnalarmi in un commento il post (o i post) in cui ha utilizzato la parola (sono validi tutti i post fino al 31/07/2013 compreso). Volendo potete anche inserire l’immagine di questo post e il link, ma non è indispensabile: l’importante è che la parola rimbalzi di blog in blog il più possibile. Maggiori informazioni le trovate nel post che introduce la rubrica Una parola al mese.

Nella barra laterale del blog, per il mese di luglio, ho già inserito la nuova immagine per accedere direttamente a questo post, così che possiate trovarlo con facilità.

Il concorso
Continua anche questo mese l’iniziativa del concorso per racconti di massimo 200 caratteri contenenti la parola alterco, nonostante i partecipanti siano ormai quasi sempre pochissimi. Aprirò il post dedicato domani e avrete tempo fino al 22 luglio. Il racconto deve essere lasciato come utente anonimo e non firmato, così non mi accuserete di fare preferenze. Poi il 23 decreterò il vincitore che potrà scegliere la parola di agosto o tra un mio elenco di dieci parole o proponendone lui direttamente purché rispettino le poche regole spiegate nel post introduttivo. A quel punto ognuno potrà dire quale era il suo racconto, così aggiungerò i vostri nomi nel post.
E nel post di domani, aspettatevi una sorpresa speciale per questo mese!

Nella speranza di evitare almeno per un po’ alterchi vari (che in questo periodo mi hanno fatto fin troppa compagnia), vi saluto! Grazie a chi parteciperà all’iniziativa.

E ora un ringraziamento a chi ha partecipato per salvare albagia



Nel post dedicato ad albagia trovate tutti le citazioni tratte da questi post delle frasi con albagia e il racconto, quindi vi consiglio di farci un salto!


Io ho scritto solo un post, Maiuscole e minuscolo (25/06/2013). La parola l’ho aggiunta, tra l’altro, alcuni giorni dopo aver scritto il post… ho ben poca albagia, quindi lo ammetto. 

Il concorso per i racconti è stato poco seguito purtroppo (i primi tre racconti sono stati segnalati).


Se mi sono persa qualcosa, segnalatamelo, mi raccomando!

Grazie a chi ancora crede in questa iniziativa.



Elenco sempre aggiornato dei post partecipanti all’iniziativa

  • Il racconto di Marco Lazzara nei commenti a questo post.
Ho litigato con te almeno un milione di volte
Dannata donna! Hai avuto l'ultima parola! Ora che mi hai lasciato come farò? Era coi nostri alterchi che esprimevano il nostro amore. Dovrò venire fin qui al cimitero per poter litigare ancora con te?

[...] Come feci per "barbaglio", volevo provare un piccolo esperimento. Mi auguro che lo troverete gradito, nonostante il termine utilizzato sia alterco! [...] 



[...] Ovviamente il suo ultimo giorno non ha fatto eccezione: c’è stato il solito immotivato alterco quotidiano, evidentemente necessario per poter soddisfare quel  suo ego smisurato. [...]




[...] Credo che ciascuno di noi l'abbia detto almeno una volta in vita sua, specialmente nel bel mezzo di un alterco  Un cavallo di battaglia che la rabbia sfrutta a vele spiegate. [...]



[...] Ho risolto il triste alterco tra me e i messaggi di errore del programma che uso per montare i video. Pur avendo il file pronto non potevo caricarlo… Ora dovrebbe essere tutto risolto, mi scuso per il momentaneo problema. [...]



[…] Sei "alterco", in sei posizioni diverse, per sei frasi con sei parole... Perché sei? Così, l'ha deciso il destino. :D […]




Hanno parlato di questo articolo:




19 commenti:

  1. Ciao Romina.
    Come sempre, il mio mini-racconto. S'intitola: "Ho litigato con te almeno un milione di volte".

    Dannata donna! Hai avuto l'ultima parola! Ora che mi hai lasciato come farò? Era coi nostri alterchi che esprimevano il nostro amore. Dovrò venire fin qui al cimitero per poter litigare ancora con te?

    Marco Lazzara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto bello il racconto... Dopotutto si dice: "L'amore non è bello, se non è litigarello". Grazie, Marco.

      Elimina
  2. Davvero, questa parola sembra introvabile nella letteratura. Ma con un piccolo sforzo...

    - Principessina, bisogna che vi avvisi - soggiunse abbassando la voce - che il principe ha avuto un alterco - disse "alterco" biascicando molto l'erre e ascoltandosi con piacere - un alterco con Michele Ivanoff. E' di pessimo umore, molto tetro. Vi avverto, sapete. -

    (da "Guerra e Pace" di Lev Tolstoj)

    Marco Lazzara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, grazie mille! Non sono come hai fatto, io ho cercato ovunque! Aggiungo nel post.

      Elimina
    2. "Metà della conoscenza consiste nel sapere dove trovarla"
      (iscrizione all’ingresso della biblioteca dell'Università della Florida)

      M.L.

      Elimina
    3. Sono perfettamente d'accordo!

      Elimina
  3. Leggendo il tuo post ho trovato di aver scelto proprio una bella parola (seppure rappresenti qualcosa di molto poco piacevole)!
    Forse questa volta riesco ad usarla in più di un post... Sarebbe anche dovere, avendola decisa io. :D

    Molto bello anche il mini-racconto di Marco...!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto merito tuo! Dopotutto, pur trattandosi di un termine che indica un "litigio" ha anche una valenza molto "civile". Grazie a te!

      Elimina
    2. Ho usato la parola anche in un altro post, ma solo uno, purtroppo. A meno che io non abbia un'illuminazione immediata ora. :D Cosa che sto per avere... XD http://maria-todesco-marytod.blogspot.it/2013/07/la-volpe-e-luva-sei-come-tutti-gli-altri.html

      Elimina
    3. Eccolo in calcio d'angolo! XD
      http://maria-todesco-marytod.blogspot.it/2013/07/alterco-2.html

      Elimina
    4. Grazie per i post, li ho già aggiunti all'elenco. Sei sempre attivissima!

      Elimina
  4. Sembra che Tolstoj amasse molto questa parola (o forse era il suo traduttore!), infatti ho trovato anche:

    "La maggior parte degli argomenti di conversazione tra marito e moglie, soprattutto l'educazione dei figli, rinviavano a questioni per le quali vi erano ricordi di alterchi, e gli alterchi, a ogni istante, erano pronti a scoppiare."

    (da "La Morte di Ivan Il'ic" di Lev Tolstoj)

    Marco Lazzara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nomineremo Tolstoj "il più grande utilizzatore della parola alterco". E tu sarai il suo braccio destro! Grazie mille anche per questa citazione.

      Elimina
    2. Eeh, addirittura braccio destro di Tolstoj! Quale onore!
      Sto leggendo "La Ruota del Tempo, Volume XII - Presagi di Tempesta" di Robert Jordan & Brandon Sanderson, e quest'oggi mi sono imbattuto in questa frase:

      "Avreste dovuto rimuovere Elaida nel momento in cui avete appreso del suo disastroso tentativo di catturare Rand al'Thor. Avreste dovuto rimuoverla quando avete visto come i suoi alterchi e la sua meschinità stavano mettendo una Ajah contro l'altra."

      M.L.

      Elimina
    3. Braccio destro e pure sinistro, se vuoi!

      Che coincidenza! Bene, bene, direi che sei molto bravo a trovare citazioni! Grazie davvero.

      Elimina
    4. Tra l'altro terza parola che comincia con "al-":
      - algido
      - albagia
      - alterco

      Marco

      Elimina
    5. Avendole scelte persone diverse è piuttosto curioso!

      Elimina
  5. Come avrei potuto saltare proprio questo mese? Proprio questo mese che posso andarmene orgogliosamente in giro con lo "scudetto" cucito sulla maglia?
    Parola del mese usata nel post di oggi. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, già, non potevi! Ah! Ora vengo a leggere il post... Grazie.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...