giovedì 4 luglio 2013

Alterco: concorso per racconti di 200 caratteri

Come vi ho annunciato ieri nel post della rubrica Una parola al mese dedicato alla parola di giugno che è alterco, apro questo post in cui potete postare i vostri racconti di massimo 200 caratteri contenenti la parola del mese.
Vi ricordo che ho inserito nella parte terminale del blog un contatore di caratteri, se ne avete bisogno.
 Tutto come sempre, questo mese però c'è una sorpresa!



Questo è il mio, quello del post di ieri.

Dubbio

«Vattene via. Non ti voglio mai più rivedere» gridò lei.
Lui tacque e se ne andò, ponendo fine al lungo alterco.
Lei cominciò a singhiozzare.
Lui la sentì e indugiò nel dubbio: tornare o andarsene.

Vi ricordo di postare i racconti in modo anonimo ed entro il 22 luglio, poi il 23 ci sarà un post con il vincitore che avrà il diritto di scegliere la parola di luglio in un mio elenco o di proporne un’altra con certe caratteristiche.

Dato che questo mese è importante per il blog, ho pensato di mettere in palio in questo caldo luglio un premio speciale per il vincitore della competizione!
Il vincitore non solo sceglierà la parola di agosto, ma riceverà anche una copia di uno dei miei libri (potrà scegliere tra Voliamo Insieme con la Fantasia e La mia amica Clorinda).
Spero che questo incentivi la partecipazione e che, comunque, vi sia piaciuta la sorpresa!

Insomma, poche righe, un racconto brevissimo e un libro in palio…
Allora… niente alterchi e si parte!

Grazie a tutti!


Racconti in gara

La fine
Avrebbe voluto parlare anche lui. Così si fa in un alterco, ognuno dice la sua. Ma le parole dell'ex amico erano spine velenose nell'animo. Solo se ne andò, chiuso in sé, scosso da quello sconosciuto.

Senza titolo (1)
L’algido infingardo si presentò con un panegirico pieno di albagia. L’alterco sfociò rapidamente in un parapiglia. Qualcuno poi prese una pistola ed un improvviso barbaglio chiuse la questione.

Lucifero
Mi ribellai all’ordine costituito, a chi fece le leggi e ne pretese l’osservanza. Prima fu solo un alterco  poi divenne una guerra senza più regole. Infine precipitai sulla terra, offeso ma non vinto.

Bianco e Nero
Il nostro alterco durava già da diverse ore. A ogni mia battuta, il mio avversario rispondeva con un'adeguata contromossa. Ma alla fine trionfai ed esclamai le parole della vittoria: "Scacco matto."


Armonia
Cominciò piano, poi un crescendo, finì con un forte. Subito dopo, l'alterco tra canto e violini si concluse in un armonioso connubio e uno scroscio d'applausi.

Vita
L'alterco presto mutò: le urla della coppia furono interrotte da uno strillo di lei. Pace fu subito fatta, poiché il loro frutto stava per affacciarsi alla vita e gli era dovuta amorevole quiete.





Hanno parlato di questo articolo: 





16 commenti:

  1. "La fine"
    Avrebbe voluto parlare anche lui. Così si fa in un alterco, ognuno dice la sua. Ma le parole dell'ex amico erano spine velenose nell'animo. Solo se ne andò, chiuso in sé, scosso da quello sconosciuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ritrovo molto nella triste vicenda, purtroppo... Grazie per aver inaugurato il concorso!

      Elimina
  2. L’algido infingardo si presentò con un panegirico pieno di albagia. L’alterco sfociò rapidamente in un parapiglia. Qualcuno poi prese una pistola ed un improvviso barbaglio chiuse la questione.

    P.S.: questa non te l'aspettavi, eh?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima o poi sospettavo che sarebbe capitato, però non ora, quindi sono piacevolmente sorpresa! Grazie per la partecipazione e per l'utilizzo di tutte le parole!

      Elimina
  3. "LUCIFERO"
    Mi ribellai all’ordine costituito, a chi fece le leggi e ne pretese l’osservanza. Prima fu solo un alterco, poi divenne una guerra senza più regole. Infine precipitai sulla terra, offeso ma non vinto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto bello anche questo racconto! Grazie!
      Mi sa che sarà particolarmente difficile scegliere questo mese...

      Elimina
  4. TITOLO: "Bianco e Nero"

    Il nostro alterco durava già da diverse ore. A ogni mia battuta, il mio avversario rispondeva con un'adeguata contromossa. Ma alla fine trionfai ed esclamai le parole della vittoria: "Scacco matto."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io adoro gli scacchi e mi piace l'idea di vedere una partita come un alterco. Grazie per il racconto.

      Elimina
  5. ARMONIA

    Cominciò piano, poi un crescendo, finì con un forte. Subito dopo, l'alterco tra canto e violini si concluse in un armonioso connubio e uno scroscio d'applausi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un alterco musicale: bella idea. Grazie per la partecipazione.

      Elimina
  6. Vita

    L'alterco presto mutò: le urla della coppia furono interrotte da uno strillo di lei. Pace fu subito fatta, poiché il loro frutto stava per affacciarsi alla vita e gli era dovuta amorevole quiete.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto bello... peccato non sempre succeda! Grazie per la partecipazione.

      Elimina
  7. E però bisognerebbe ora proclamare il vincitore di questo mese, no? Non vorrai mica che scoppi qualche alterco, vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ho avvisato nella barra laterale del blog, un guasto a internet mi ha impedito di postare il post come previsto. Da pochissimo ho di nuovo accesso alla rete: rispondo ai commenti e poi provvedo. Mi scuso tanto per il ritardo.

      Elimina
    2. Non c'è bisogno di scusarsi, capita! Diciamo che hai avuto un alterco con la connessione internet, allora. ;-)

      Elimina
    3. Sì, decisamente. Comunque sto scrivendo il post, a breve lo posto.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...