domenica 4 agosto 2013

Imperocché: concorso per racconti di 200 caratteri

Come vi ho annunciato ieri nel post della rubrica Una parola al mese dedicato alla parola di agosto che è imperocché, apro questo post in cui potete postare i vostri racconti di massimo 200 caratteri contenenti la parola del mese.
La congiunzione imperocché in base al significato che assume regge modi verbali diversi (come ho detto ieri), quindi prestate attenzione.


Questo è il mio racconto, quello del post di ieri.

Colpo di grazia
Guardami, amore mio, mentre mi dici che non sono più nulla per te, imperocché io possa provare a rassegnarmi al fatto di averti perduto. Non voglio una spiegazione, ma un colpo di grazia. 


Nella parte terminale del blog c’è un contatore di caratteri, se ne avete bisogno.

Vi ricordo di postare i racconti in modo anonimo ed entro il 22 agosto, poi il 23 ci sarà un post con il vincitore che avrà il diritto di scegliere la parola di settembre in un mio elenco o di proporne un’altra con certe caratteristiche.

Imperocché questa iniziativa ritrovi il suo iniziale entusiasmo, spero partecipiate in tanti.
In bocca al lupo, buona partecipazione e grazie a tutti!


Racconti in gara

Nel Blu Dipinto di Blu
«Imperocché la diffusione di Rayleigh dice che vengono deviate maggiormente le alte frequenze della luce, allora il cielo è blu. Capito, ora?» disse il papà.
Carlino, cinque anni, scoppiò a piangere.

Sir NomeSenza
Tra sberleffi e intrighi della vita e del sogno, m'accingo a raccontarvi le tragicomiche avventure di Sir NomeSenza, imperocché son io cantastorie e ahimè, il maggior portatore delle di lui sventure.

Senza titolo (1) 
Sì, io vidi le stelle anche di giorno, imperocchè il dentista inveiva col trapano contro un mio grande molare.
  1. Notte silente
    L'inquetudine non passa, imperocchè nulla può spezzare il silenzio di questa impassibile notte di cristallo
La vita e' meravigliosa
Ho mangiato il tuo gelato, impercchè eri occupato al cellulare.

Cultura
"Imperocché vi sono gocce d'acqua sospese nell'aria, il riverbero ad una bassa altezza rispetto al nostro sguardo provoca una colorata dispersione ottica e..."
"Si chiama arcobaleno, ignorante!"


Forse è Meglio un Sinonimo
«Imperocché...»
«Impero-cosa?»
«Imperciocché...»
«Come?»
«Perciocché...»
«Ma che stai dicendo?!»
«Oh! Volevo solo introdurre il discorso in maniera un po' aulica!»
«Ma piantala! Favella come desini!»

Che stress!
Faccio l'idraulico e penso di essere stressato imperocchè vedo il lavandino che mi dice."Lasciami perdere!".

L'Opera
Sono uno psichiatra e amo l'arte. Mia moglie insiste ma stasera non andrò a teatro imperocchè si recita l'Edipo Re.

Buonanotte
La luna applaude la fine del giorno imperocchè ora è lei la star.

Nessuna apparente contraddizione
Imperocché è stata scelta una parola tanto impossibile, mi rifiuto di scrivere un racconto! Giammai!




Hanno parlato di questo articolo: 





31 commenti:

  1. Titolo: "Nel Blu Dipinto di Blu"

    «Imperocché la diffusione di Rayleigh dice che vengono deviate maggiormente le alte frequenze della luce, allora il cielo è blu. Capito, ora?» disse il papà.
    Carlino, cinque anni, scoppiò a piangere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, Carlino, non piangere... un giorno ti sarà tutto chiarissimo, ne sono certa!

      Grazie per il racconto e per aver avviato il concorso!

      Elimina
  2. Tra sberleffi e intrighi della vita e del sogno, m'accingo a raccontarvi le tragicomiche avventure di Sir NomeSenza, imperocché son io cantastorie e ahimé, il maggior portatore delle di lui sventure.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io adoro i cantastorie! Sopratutto quelli che raccontano di storie tristi. Quando ha finito con Sir NomeSenza, se vuole posso raccontargli qualcosa io! Grazie per il racconto.

      Elimina
  3. Sì, io vidi le stelle anche di giorno, imperocchè il dentista inveiva col trapano contro un mio grande molare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sempre le stelle sono romantiche donatrici di desideri, aimè! Grazie per la partecipazione.

      Elimina
  4. NOTTE SILENTE

    L'inquetudine non passa, imperocchè nulla può spezzare il silenzio di questa impassibile notte di cristallo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inquietudine e silenzio: pessima accoppiata! Poi i pensieri diventano un tormento e chi dorme più?
      Grazie per il racconto.

      Elimina
  5. LA VITA E' MERAVIGLIOSA.

    Ho mangiato il tuo gelato, impercchè eri occupato al cellulare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il gelato è meraviglioso!
      Ahahah! Grazie per la partecipazione.

      Elimina
  6. Mi permetto di sottolineare che nei racconti presentati ci sono errori di accenti gravi e acuti e di battitura... se gli autori vogliono correggere, possono farlo presentando nuove versioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "ahimé" è errato? In quel caso, riposto volentieri Sir NomeSenza con la giusta esclamazione.

      Elimina
    2. Sì, è errato. Si può scrivere "aimè" o "ahimè", ma la "e" è sempre con accento grave in questa parola.

      Elimina
  7. "Imperocché vi sono gocce d'acqua sospese nell'aria, il riverbero ad una bassa altezza rispetto al nostro sguardo provoca una colorata dispersione ottica e..."
    "Si chiama arcobaleno, ignorante!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah! Questo succede a frequentare gente colta! Grazie per il racconto.

      Elimina
    2. Scusa, ho scordato il titolo. Se ti va di aggiungerlo, metterei "Cultura".

      Elimina
    3. Nessun problema, aggiungo.

      Elimina
  8. Volendo, puoi intitolarlo "Sir NomeSenza".

    Tra sberleffi e intrighi della vita e del sogno, m'accingo a raccontarvi le tragicomiche avventure di Sir NomeSenza, imperocché son io cantastorie e ahimè, il maggior portatore delle di lui sventure.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, meglio un titolo. Ok, ora sistemo il racconto nel post.

      Elimina
  9. Titolo: "Forse è Meglio un Sinonimo"

    «Imperocché...»
    «Impero-cosa?»
    «Imperciocché...»
    «Come?»
    «Perciocché...»
    «Ma che stai dicendo?!»
    «Oh! Volevo solo introdurre il discorso in maniera un po' aulica!»
    «Ma piantala! Favella come desini!»

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me cose del genere capitano continuamente... ahahah! Si fa per celia, eh.

      Grazie per il racconto.

      Elimina
  10. Che stress!

    Faccio l'idraulico e penso di essere stressato imperocchè vedo il lavandino che mi dice."Lasciami perdere!".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari fa solo un po' il prezioso, no?

      Grazie per la partecipazione.

      Elimina
  11. L'Opera

    Sono uno psichiatra e amo l'arte. Mia moglie insiste ma stasera non andrò a teatro imperocchè si recita l'Edipo Re.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questione di gusti...

      Grazie per il racconto.

      Elimina
  12. Buonanotte

    La luna applaude la fine del giorno imperocchè ora è lei la star.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da vera e propria prima donna, no?

      Grazie per la partecipazione.

      Elimina
    2. Titolo: "Nessuna apparente contraddizione"

      Imperocché è stata scelta una parola tanto impossibile, mi rifiuto di scrivere un racconto! Giammai!

      Elimina
    3. Nessuna contraddizione, sono d'accordo... ahahah!

      Grazie.

      Elimina
  13. Per essere agosto mi sembra che stia andando molto bene il concorso stavolta ;)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...