venerdì 16 agosto 2013

Il vincitore del giveaway per il secondo anno di blog

Oggi, come previsto, vi annuncio il vincitore del giveaway per il secondo compleanno di questo blog. Purtroppo i partecipanti sono stati davvero pochi... mi dispiace perché questa volta credevo di aver trovato il giusto compromesso tra un giveaway insensato e uno troppo complicato.
Mah, forse dovrei solo offrire premi più sostanziosi... se arrivo al terzo anno di blogging ci penserò!


Comunque, lagne a parte, ecco il testo vincitore che ha diritto di ricevere una copia a scelta di uno dei miei libri (Voliamo Insieme con la Fantasia e La mia amica Clorinda).

Il brano vincitore
Il brano vincitore è il numero 4.

Senza titolo (04) di Salomon Xeno
Quando venne il suo turno, il pastore versò l'obolo ed entrò nel Tempio. Era umido, ma coperto; la lunga coda sotto l'Occhio di Dio l'aveva quasi ammazzato. Si avvicinò allo scranno del Sacerdote, che lo fissava con condiscendente alterigia, e si preparò quindi a pronunciare la sua richiesta.


«Cosa ti ha detto?»
Era un ometto tarchiato, con un ampio torace e vesti pregiate. Indossava il sorriso furbetto di chi crede di ingannare il divino ed era ben lungi dall'essere convocato.
«Mi ha detto che la paura è veleno,» rispose il pastore, «che l'accidia prosciuga fino all'ultima goccia di sangue e ti lascia senza le forze. Poi...» il pastore si fermò per qualche momento a radunare i ricordi, «poi mi ha mostrato che venire qui è stata solo una perdita di tempo, consigliandomi di non affidarmi più al Tempio in futuro.»
L'ometto sussultò. Abbassò il collo e si guardò davanti e alle spalle per sincerarsi che gli altri fossero ancora in fila serrata. «Davvero ti ha detto questo?» sussurrò. «I Sacerdoti hanno consigliato la mia famiglia per sette generazioni! Penso che qualcuno, non certo un sant'uomo, ti abbia raggirato. Sei un sempliciotto!»
«Certo che no,» rispose il pastore, tendendo la mano con il palmo aperto e rivolto verso l'alto. «Non me lo ha solo mostrato, ma mi ha anche dato la prova. Per una moneta, la mostrerò a te.»
L'altro, per il quale una moneta era un nonnulla, volle ascoltare e pagò. Il pastore sorrise e i due si appartarono a una certa distanza dagli altri questuanti, da cui provenivano risatine e sguardi sbiechi.
Il pastore disse: «Non ero convinto dell'oracolo, così ho pensato che posso raccontare questa storiella a chi è in fila. Vendo risposte a prezzo più basso e non solo mi ripagherò il viaggio, ma tornerò al villaggio con il denaro che il Sacerdote non ha potuto consegnarmi.»
L'ometto diede in escandescenze, non curandosi più della segretezza: «Ma è un atto sacrilego! Come è possibile che il Dio non ti punisca?»
«Perché il suo Sacerdote è morto da tempo. E là dentro c'è solo un funzionario, che ripete gli oracoli di maggior successo da dietro un sudario. Per fortuna la fila è ancora lunga, altrimenti avresti allarmato tutti. Buona attesa, io ho del lavoro da fare!»

Motivazione: Il tema del concorso era libero e questo elaborato mi è parso il più originale. è ben scritto, particolare e tratteggia in poche frasi una storia. L'argomento mi ha ricordato un libro che mi piace molto e la struttura è chiara e incisiva.

Gli altri partecipanti
Riporto qui di seguito anche i testi degli altri tre partecipanti e ringrazio tutti e quattro per aver aderito a questo giveaway.


Senza titolo (01) di Maria Todesco
Scivolano
Come
Rugiada
Inni,
Voci
Eterne,
Romanzate
Emozioni.

 Senza titolo (02) di Maria Todesco
Germina pianta
nel luccicore caldo -
vita matura.

 Senza titolo (03) di Marco Lazzara
Gocce di pioggia cadono sulle tamerici
Colpiscono le seriche foglie
Si smarriscono per le fronde
Giocano coi delicati fiori
Battono insistenti il fusto
Ogni goccia un suono
Ogni goccia una parola
Ogni goccia una storia
Da leggere, da raccontare, da scrivere
E ogni goccia è al contempo
Nutrimento e vita
Necessità e bisogno
Passione e sfida
Amore e sogno
Conclusione
Ora aspetto che il vincitore o la vincitrice si palesi per ricevere il premio, ovviamente anche gli altri possono prendersi la paternità della loro creatura scrivendo un commento qui sotto.

Grazie a tutti. 




17 commenti:

  1. Senza titolo (03) (detto così però è brutto!, avrei dovuto dargli un titolo) è mio.

    Marco Lazzara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto dannunziano! Grazie per la partecipazione.

      P.S. Lo so, chiamarli "Senza titolo" è triste, ma così si distinguono con più facilità.

      Elimina
    2. Ovviamente non potevi non cogliere la citazione!
      Come anche il mese scorso con alterco la citazione di Montale.

      M.L.

      Elimina
    3. "La pioggia nel pineto" di D'Annunzio mi perseguita (in senso negativo e positivo) da tanto! Non potevo non notare il riferimento.

      Elimina
    4. Era voluto infatti.

      Marco

      Elimina
    5. Niente avviene per caso nella scrittura consapevole.

      Elimina
    6. Allora dovresti vedere le celeberrime scene con Renato Pozzetto in "E' arrivato mio fratello".

      Marco

      Elimina
  2. Ciao Romina, forse non te l'aspettavi ma sembra proprio che debba farmi avanti, in quanto autore di "Senza titolo (04)". Sono contento che ti sia piaciuto. Mi spiace solo che ci sia stata poca partecipazione. Posso testimoniare che questa volta le regole non erano così astruse!
    Grazie a te e agli altri partecipanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Squillino le trombe: ecco il vincitore! No, non mi aspettavo che fosse tuo quel brano, sinceramente, ma sono contenta.
      Tu hai partecipato all'Olimpiade per scrittori, questa al confronto era una passeggiata (a livello di regole di partecipazione, intendo). Grazie per aver partecipato, per il premio ci accordiamo via mail.

      Elimina
  3. Ecco, gli altri due sono miei! (non c'era un limite, no?)
    Complimenti a Salomon, veramente arguta la storiella! :D E mi è piaciuta molto anche la poesia di Marco. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non c'era un limite, tranquilla!
      Però ciò significa che i partecipanti sono stati solo tre. Anche l'anno scorso con l'Olimpiade i partecipanti erano solo tre.
      Uff... Finito il momento di commiserazione, ti ringrazio per la partecipazione al giveaway!

      Elimina
    2. Eh, mi dispiace. :(
      Penso, però, che senza un ban o un "nodo" sul blog era difficile che molti si ricordassero... Soprattutto vista la gran quantità di bellissimi post che hai sfornato il mese scorso!

      Elimina
    3. E' stato un mese bello pieno, ma li meritava, dopotutto era un mese di festeggiamenti o sbaglio?

      Marco

      Elimina
    4. @Maria: Il banner c'era sulla barra laterale del blog (ora l'ho tolto, tanto non serviva più). E poi ho mandato spesso l'annuncio su G+. Va be', si vede che con i giveaway sbaglio qualcosa (e il fatto che li faccio in estate non aiuta...). Grazie per i complimenti.

      @Marco: Sì, sì, era un mese di festeggiamenti! Due anni da blogger non sono pochi, in fondo.

      Elimina
    5. Se ti posso fare una critica, è che quest'iniziativa era un po' troppo vaga, avresti dovuto essere più specifica (ma senza troppe complicazioni), decidendo bene quale dovesse essere l'elemento di partecipazione. Poi sì, luglio-agosto non aiutano!

      Vero, 25 mesi di blog non sono pochi, e mi ha fatto molto piacere contribuire ai festeggiamenti coi miei 4 guest post.

      Marco Lazzara

      Elimina
    6. Critica molto sensata. Solo che l'anno scorso avevo esagerato nell'altro senso (troppi vincoli!), quindi sto ancora cercando il mio equilibrio. Per i vent'anni di blog conto di trovarlo! Ahahah!

      I tuoi guest post sono stati davvero un bel regalo di compleanno. Ancora grazie.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...