sabato 7 dicembre 2013

(Quasi) tutto tace nel Dedalo

Dopo il post del 7 novembre sulla situazione del mio secondo blog (Il dedalo delle storie) pareva che la situazione potesse prendere finalmente una piega positiva. Sembravano esserci dei nuovi costruttori all'orizzonte e tante nuove prospettive. La realtà si è rivelata decisamente meno entusiasmante del previsto.


Le parti del Dedalo sono attualmente 83, di cui 15 risalgono all'ultimo mese (dal 7 novembre a  oggi). Di per sé è un ottimo numero, tuttavia 14 di queste parti sono di Ivano Landi e continuano solo il filone A (quello di Luisa, per chi segue la vicenda). Una invece appartiene  a Belle, un nuovo acquisto per il Dedalo, che ha proseguito il filone D (quello della vita d'ufficio).
Di entrambi potete leggere la biografia nella pagina dedicata ai Costruttori del Dedalo o visitare i blog, cliccando sul loro nome.

Ovviamente li ringrazio entrambi e sono molto felice della loro partecipazione.

Io non ho scritto nessuna parte e non mi inventerò scuse. Il progetto mi sta deludendo e quindi gli dedico una mezzora ogni due giorni circa, che è il tempo necessario per preparare i post e fare un po' di promozione sui social. Qualche giorno fa avevo deciso di scrivere alcune parti, ma alcuni problemi personali hanno invocato la loro priorità. Così vanno le cose.
Sono assolutamente certa che se il Dedalo fosse ciò per cui l'ho creato, allora ritroverei l'entusiasmo necessario per sacrificare l'ennesima ora di sonno e occuparmi anche di questo.

Insomma, sono molto perplessa sulle sorti del Dedalo, che doveva essere intricato labirinto e non sede di un romanzo e qualche particina vacante qua e là.

Vi comunico pertanto che, se la situazione non prende una svolta, il 7 gennaio il blog chiuderà i battenti (per sempre o fino a data da destinarsi).

Se però ci sono tra voi lettori persone che vogliono partecipare, io credo che anche solo un post al mese da parte di una decina di persone potrebbe creare davvero la rete che occorre per dare senso al blog, quindi fatemi sapere nei commenti se siete effettivamente interessati (ovviamente non ci saranno scadenze o imposizioni, insomma, niente di vincolante,  è solo per decidere con più cognizione se chiudere o meno il blog).

Speravo sinceramente di portarvi prospettive migliori, ma al momento questa è la soluzione. Vediamo ora che cosa succede.


Infine ancora un grazie ai costruttori e ai lettori.



Hanno parlato di questo articolo: 



16 commenti:

  1. Personalmente io avevo cominciato un altro pezzetto per la storia della tigre, solo che era un momento in cui non potei finirlo. Sto progettando di terminarlo in questi giorni, e mi farebbe piacere un po' alla volta sapere di poter continuare le parti o crearne di altre. Ovviamente, se fossi solo io, non credo la cosa sarebbe molto più attiva... anche perché lo so (e lo sappiamo) che ho tempistiche abbastanza lunghe. Di certo mi dispiacerebbe se tu lo chiudessi, d'altronde per molti siti e un buon numero di blog capita di avere un periodo più o meno lungo di quasi piattezza. Crederci è la cosa che gli aiuta di più. Poi ecco, sta a te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Maria, è già qualcosa. Non voglio certo che il Dedalo diventi un impegno o un obbligo: è nato come divertimento e così deve restare. Anche una parte ogni due mesi sarebbe abbastanza, se ci fossero più costruttori e, in origine, io l'avevo pensata così. Chiaro che se i costruttori sono pochissimi la cosa non funziona.

      Forse non ci credo abbastanza io (anzi, quasi sicuramente) o forse ho semplicemente la testa affollata da troppi pensieri.

      Vediamo cosa succede dopo questo appello... intanto grazie!

      Elimina
  2. Hai fatto bene a fissare un termine. Spiace dirlo, ma la tua perplessità è ben fondata. C'è persino chi ha scritto un solo brano e poi si è allontanato senza dir nulla (sarei io)!
    Grazie a te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho un sacco di perplessità e alcune sono ben fondate!
      L'importante è che la punteggiatura del tuo commento sia giusta e la frase non sia: "Si è allontanato senza dir nulla, grazie a te". Ahaha!

      Elimina
  3. A me l'idea piaceva molto e sono sempre aggiornata sulle nuove aggiunte sul blog... ma forse il fatto che ognuno continui la propria storia lascia un po' titubanti sul continuare! Cioè, se io scrivo un brano e poi mi continuo il mio pezzo tanto vale che mi scriva una storia tutta mia, no? ... ma ho visto che qualcuno ha continuato il mio pezzo, quindi chiudo il commento e vado a dare un'occhiata! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, in realtà il Dedalo dovrebbe essere il più collaborativo possibile, però ho deciso di non imporre vincoli (magari una persona ci tiene alla sua storia e, se nessuno la continua, può decidere di procedere).

      Sì, Salamandra ha continuato la tua parte proprio oggi!

      Elimina
  4. Mi trovo un po' in sintonia con Belle, ossia pensavo che ciascun racconto (con un comune incipit) sarebbe stato costruito a più mani, quindi, vedendo che non andava esattamente così mi sono ritirata. Forse ho frainteso il regolamento:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece è esattamente così. A parte il filone A che è quasi tutto stato scritto da Ivano, gli altri sono tutti a più mani. E così deve/doveva essere. Tra l'altro nulla vieta di continuare anche il filone A (io stessa ho aperto un ramo alternativo a un certo punto).

      Elimina
    2. Personalmente penso che la mia storia si presti in molti punti a essere dirottata per altre vie.
      Io stesso del resto ho acconsentito all'inizio a un dirottamento. Nella mie intenzioni la storia doveva aprirsi con un flashback sul passato di Luisa, ma Marcella con il suo "post sull'imprevisto" mi ha fatto cambiare idea e deviato su un altro percorso. Senza questa deviazione la storia sarebbe forse molto diversa da come è adesso.

      Elimina
    3. Sì, vero, sei andato avanti dal post di Marcella, quasi me ne dimenticavo. Io invece ho tentato un solo dirottamento del filone "A", che però è rimasto senza seguito.
      Vediamo cosa succede. Magari ora qualcuno viene a scombinarti i piani.

      Elimina
    4. Sì ricordo bene... Fabrizio in versione stalker!
      In compenso ho tratto dalla tua deviazione il nome "Fabrizio" e il suo nickname "Fabri84". E di conseguenza anche il suo anno di nascita. Quindi non l'ho completamente ignorata.

      Elimina
    5. Non mi ricordavo più del nickname. Be', poteva anche non essere la data di nascita, ma è una bella interpretazione.
      Chissà, magari il sottofilone con Fabrizio stalker tornerà!

      Elimina
    6. Be', '84 come anno di nascita calzava a pennello con l'idea che avevo di Fabrizio, che nelle mie intenzioni avrebbe in realtà dovuto chiamarsi o Vincenzo o Giuseppe.

      Elimina
    7. Sì, in effetti, come età è perfetto!
      Il nome ovviamente avresti potuto cambiarlo, ma apprezzo che tu abbia tenuto conto, almeno per questa informazione, dalla mia parte.

      Elimina
  5. Io capisco le tue perplessità, ma penso che dovresti concederti un po' più di tempo. E' un progetto nato da pochissimo, meno di un anno: anche se i risultati non sono entusiasmanti, ha ancora molte possibilità di attirare altri partecipanti. Se si mantiene un'attività di base costante, e la tua promozione sui social network continua, penso che nuovi autori e nuove autrici arriveranno, saranno incuriositi e si uniranno al progetto :)

    Detto questo, l'impegno è tuo, quindi in ogni caso capisco i tuoi dubbi e capisco la tua decisione. Penso (e continuerò a pensare, che chiuda o meno) che sia davvero un bel progetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per le belle parole. Credo anch'io che sia un progetto che può andare avanti, di per sé, però non così. So per esperienza diretta che certi progetti a un certo punto vanno decretati finiti, altrimenti si strascicano per secoli senza dare frutti e fanno sorgere casini. Vorrei solo evitare di cadere nuovamente nei miei stessi errori. Comunque ora vediamo cosa si smuove.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...