domenica 15 giugno 2014

Certa gente mi perplime - Puntata 2 - Le vecchiette nostalgiche


A distanza di due mesi, come da programma, ecco a voi la nuova puntata di Certa gente mi perplime. Nella prima puntata ho parlato dei bimbi m…oderni, oggi invece vi presento le vecchiette nostalgiche: fastidiose ma adorabili!
Anche questa volta è un video di pochi minuti che spera di strapparvi un sorriso con un monologo ironico.


Prima però devo scusarmi con voi per alcune ragioni. Per prima cosa due mesi fa vi avevo detto che avrei cambiato la sigla che non mi convinceva e non ha convinto nemmeno voi. In realtà ho finito per procrastinare troppo ed è rimasta così. Non so se la cambierò la prossima volta, perché per ragioni che non sto a spiegarvi ora quella sigla è legata a un ricordo che fa un po' male e non ho voglia di metterci mano, non ora almeno.
Vi chiedo anche scusa per il fatto che l'audio è più disturbato del solito. Sono dai miei e ho lasciato a casa mia il microfono che uso di solito… tra l'altro sono sempre più decisa a voler comprare qualcosa di decente, magari con qualche filtro. Forse potrei anche farmi un regalo visto il periodo.
Portate pazienza… a volte mi chiedo chi mi dà l'entusiasmo di andare avanti, nonostante tutto…
Ma ora stop con i piagnistei… si ride! Ecco a voi la puntata:





Spero che nonostante i problemi tecnici vi sia piaciuto e di avervi regalato un sorriso. Almeno per un istante.

E ora due informaziocine sfuse!
Ho anche una mezza idea di preparare un video con il monologo che avevo preparato per il radio-crochet di maggio. In realtà sto aspettando di vedere se posso riutilizzarlo in qualche altra occasione dal vivo. Confesso che non esserci andata è una ferita ancora aperta, ma quel giorno credo resterà impresso nella mia memoria per altri motivi. Insomma, ho voglia di riscatto adesso, almeno dal punto di vista professionale e artistico.
Intanto, se volete vedermi dal vivo, mercoledì 18 giugno, alle 20.45 mi trovate in via Baldinucci 76 a Milano, presso la biblioteca Dergano-Bovisa per la presentazione dei libri Adriel di Massimo Turcati e La morte è un'opzione accettabile di Gabriella Grieco. Io dovrei leggere un breve brano e basta. In teoria non dovrei nemmeno andare, ma all'ultimo ho cambiato idea e vado a dare un po' di sostegno morale ai miei colleghi factoriani.

Se vi va, ci vediamo lì.
Altrimenti ascolterete la mia vocetta il prossimo mese per Letteralmente Sparlando e tra due mesi per Certa gente mi perplime. Sempre se non succede niente prima!







Questo post partecipa all’iniziativa Una parola al mese. La parola di giugno 2014 èprocrastinare (al link maggiori informazioni).


16 commenti:

  1. "Quando avevo la tua età, io saltavo i fossi per lungo!" Me lo sono sentito dire tante volte, ma giuro che non ho mai capito come facessero... XD

    Bravissima Romina anche questa volta! Continua così!
    E spero che tu riesca a recitare l'altro monologo in pubblico... Anzi, potresti fare un "tour" in veneto, così verrei a vederti anch'io... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non puoi capire perché non sei "una di loro"! Ahahah!

      Dal vivo un monologo rende molto di più. La cosa divertente è che anche mentre registro gesticolo e uso tanto la mimica. Ahahah! Se mi vedeste registrare mi dareste della matta (ancora più che ascoltandomi e basta, intendo).

      Dubito che farò mai un tour... però ormai con il radio-crochet ho un conto in sospeso!

      Elimina
    2. Secondo me è normalissimo... Io non riesco a leggere un copione senza gesticolare o fare facce strane... XD
      E poi hai mai visto qualche video di doppiatori in sala di doppiaggio? Per loro è uguale... E' semplicemente perché ci si mette tutta la propria passione e non importa se poi si sente solo la voce. Anzi, la passione si sente dalla voce!

      Elimina
    3. Tu mi capisci perché sei nel settore! Ahah!
      Sì, anch'io penso sia inevitabile, però mi chiedo sempre che strano effetto potrei fare sulla gente.

      E chissà cosa pensano i miei vicini che mi sentono miagolare (il mese scorso per "Letteralmente Sparlando") o fare voci assurde! Poverini!

      Elimina
  2. Ahahah, meravigliose le vecchiette!
    Mi aspettavo di peggio, però... Ne ho viste e sentite di tutti i colori! XD Soprattutto con la tecnologia. Mamma mia, due vecchiette che parlano? Del cellulare? Impagabili!
    "Sì, ma perché ieri ha suonato... ma non so mica... mi segna 'na roba qui..."
    "Ah, non sta chiedere a me... Sti mestieri non li capisco!"
    E poi via, sul fatto che una volta non c'erano questi intrighi e si stava meglio quando si stava peggio. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le possibili declinazioni del tema sono tantissime! Prima o poi voglio fare altre puntate sulle vecchiette, per esempio sulle vecchiette e le parentele! Ahahah!
      Potrei fare una serie intera tutta su di loro!

      Elimina
    2. Mamma mia, non cominciamo le parentele! E le chiacchiere da mercato? "Hai sentito che Tizia..." "Tizia quale?" "Ma sì, Tizia, figlia di Coso che è fratello di Caio, cugino della suocera di Cosetto [...] che abita vicino a casa tua!" "ah sì".
      Fantastiche... questo lo sa fare anche mia mamma con le mie zie, ahahahah!
      Vai vai, fai la serie! ;)

      Elimina
    3. Vedo che hai capito perfettamente! Ahahah!

      Un'altra serie credo non la reggerei adesso! Però se dovessi avere un giorno un programma vero e tutto mio, chissà!

      Elimina
  3. A quando i vecchietti nostalgici? Voglio esserci anch'io nel tuo programma radiofonico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei troppo giovane per fare il "vecchietto nostalgico" e comunque si parlerà anche di vecchietti in una delle prossime puntate (ho tante idee e non so ancora l'ordine d'uscita).

      Elimina
  4. Quindi altermi un mese Letteralmente Sparlando e l'altro Certa Gente mi Perlplime?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto! "Letteralmente Sparlando" ha sempre avuto cadenza bimestrale e questa occupa i mesi pari.

      Elimina
  5. La puntata è molto originale e divertente! Un possibile, futuro soggetto potrebbe essere questo: "il pregiudizio e l'ipocrisia nei salotti borghesi". Che ne dici? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'idea mi piace, però non frequento salotti borghesi, quindi non saprei a cosa ispirarmi... provo a pensarci su.

      In compenso ho materiale per molte altre puntate... c'è molta gente che mi perplime! Ahahah!

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Grazie mille per i riferimenti! Sicuramente si potrebbe trarne qualcosa di interessante, però forse non adatto al taglio di questa trasmissione (che è sulla gente di oggi che si incontra). Bisognerà studiarci su!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...