giovedì 3 luglio 2014

Trasecolare: la parola di luglio 2014

Il 3 del mese, come ormai è consuetudine, giunge il post che ci fa conoscere la nuova parola per la rubrica Una parola al mese. Nel 2014, a gennaio ci siamo occupati di favella, a febbraio di aleatorio, a marzo di baluginare, ad aprile di impaludare, a maggio di bigio, a giugno di procrastinare e ora siamo pronti per trasecolare.

Questa parola è stata scelta dal vincitore del concorso di racconti di 200 caratteri con la parola procrastinare, Ivano Landi.

In questo post conosceremo meglio questa parola, quindi, se siete curiosi, procediamo!

Etimologia della parola
La parola trasecolare è un composto derivato dall'unione di tra (cioè al di là) e secolo.

Per secolo qui non si intende né un periodo di cento anni né un periodo storico (anche di durata diversa da cento anni) contraddistinto da un elemento peculiare (es. il secolo dell'illuminismo). Secolo è un modo desueto di indicare il mondo terreno, quindi andare al di là del secolo significa uscire dal mondo. Il termine secolo un tempo veniva usato anche in altre espressioni, come cavar del secolo (togliere di cervello) ed essere fuori dal secolo (aver perduto l'intelletto)

La parola trasecolare dovrebbe essere attestata dal XV secolo.

Dall'etimologia deriva il significato di andare al di là di questo mondo. E poi meravigliarsi oltre modo, quasi uscendo dal secolo per trovarsi in un altro mondo.

Definizione

  • (uso intransitivo) Rimanere sbalordito e sconcertato, allibire, meravigliarsi, essere sbalorditi per la meraviglia.
  • (uso transitivo, raro e trovato solo in una delle fonti consultate) Porre in grande confusione

L'uso di questo verbo oggi è soprattutto enfatico o spesso ironico.

Pronuncia, forme, eventuali derivati
La parola trasecolare si pronuncia con l’accento tonico sulla seconda a  [tra-se-co-là-re].

Si tratta di un verbo intransitivo che può avere sia ausiliare essere sia ausiliare avere. Come ho già detto l'uso transitivo è ormai raro e attestato solo da fonti più vicine all'uso originario del verbo.

Questo verbo è da considerarsi un derivato della parola secolo.

Da trasecolare si sono originati alcuni derivati:

  • Trasecolato: oltre a essere il participio passato di trasecolare  può essere usato anche come aggettivo (es.  essere, restare, apparire trasecolato).
  • Trasecolamento: il fatto di trasecolare
  • Strasecolare: variante di trasecolare (a volte usata per aggiungere intensità al concetto)

Frasi d’autore
Per le frasi d'autore oggi vi cito Luigi Pirandello che nel sul Il fu Mattia Pascal in una scena lo usa ben due volte.

Tenendomi forte per le braccia, col volto pieno di lagrime, Roberto mi guardava ancora trasecolato:«Ma come... se là...»
«Non ero io... Ti dirò. M’hanno scambiato... Io ero lontano da Miragno e ho saputo, come l’hai saputo forse tu, da un giornale, il mio suicidio alla Stia». […]
Si coprì il volto con le mani e gemette: «Disgraziato! Che hai fatto... che hai fatto...? Ma non sai che tua moglie...?».
«Morta?» esclamai, restando.
«No! Peggio! Ha... ha ripreso marito!».
Trasecolai.
«Marito?».
«Sì, Pomino! Ho ricevuto la partecipazione. Sarà più d’un anno».
Luigi Pirandello in Il fu Mattia Pascal

La seconda citazione è invece di Grazia Deledda (cito troppe poche donne, in genere, uff…).
Eppure quando aprì l’uscio e vide il Farre seduto presso il letticciuolo, con la grossa persona un po’ ripiegata in avanti, silenzioso, ansante, trasecolò come spaventato da un’improvvisa apparizione.
«Il bimbo muore, ed egli è là e non mi lascia avvicinare, non mi lascia vederlo né accarezzarlo!», pensò amaramente.
Grazia Deledda in Elias Portolu


Se avete altre citazioni, scrivetemele nei commenti, così le aggiungo. Grazie!

Qualche esempio
Ora inserisco qualche breve frase scritta da me con la parola trasecolare.

  • Il suo arrivo improvviso mi fece trasecolare.
  • Al giungere inaspettato di quella notizia, trasecolò.
  • Di fronte a quello spettacolo orrendo trasecolai.

Un racconto di 200 caratteri
E ora un mio racconto in meno di 200 caratteri con la parola trasecolare.

Una sorpresa
«Ho una cosa per te» disse, porgendomi uno scatolone.
«Sono troppo giù di morale, non puoi fare niente per consolarmi».
«Fidati di me».
Aprii la scatola e trasecolai: c'era un adorabile gattino!

No, non è autobiografico questa volta… però ammetto che in questa casa sento troppo la mancanza di un micio!

I sinonimi non esistono
Alcuni possibili sinonimi di trasecolare sono meravigliarsi, stupirsi, restare sbalorditi.
La sfumatura del verbo trasecolare è però particolare: implica uno stupore tale da perdere il contatto con il mondo, anche solo per pochi attimi. Una sfumatura che manca completamente in ogni altro apparente sinonimo.

Scopo dell’iniziativa
Chissà se c'è ancora qualcuno che legge queste clausole…

Io mi impegno a usare questa parola in almeno un post durante il mese.
In tali post evidenzierò in modo evidente la parola trasecolare, inserirò questa immagine e questa dicitura (con il link a questo post):


Questo post partecipa all’iniziativa Una parola al mese. La parola di luglio 2014 è trasecolare (al link maggiori informazioni).




Chi vuole partecipare all’iniziativa deve segnalarmi in un commento il post (o i post) in cui ha utilizzato la parola (sono validi tutti i post fino al 31/07/2014 compreso). Volendo potete anche inserire l’immagine di questo post e il link, ma non è indispensabile: l’importante è che la parola rimbalzi di blog in blog il più possibile. Maggiori informazioni le trovate nel post che introduce la rubrica Una parola al mese (lì c'è anche l'elenco completo delle parole che ho adottato).

Nella barra laterale del blog, per il mese di luglio, ho già inserito la nuova immagine per accedere direttamente a questo post, così che possiate trovarlo con facilità.

Il concorso
Come ogni mese, parallelamente all'iniziativa parte il concorso per racconti di massimo 200 caratteri contenenti la parola trasecolare.
Aprirò il post dedicato al concorso domani e avrete tempo fino al 22 luglio. Il racconto deve essere lasciato come utente anonimo e non firmato, così non mi accuserete di fare preferenze. Poi il 23 decreterò il vincitore che potrà scegliere la parola di agosto o tra un mio elenco di dieci parole o proponendone lui direttamente purché rispettino le poche regole spiegate nel post introduttivo. A quel punto ognuno potrà dire quale era il suo racconto, così aggiungerò i vostri nomi nel post.

E il torneo continua (domani vi presenterò la situazione aggiornata dei punteggi).

Scommetto che la clausole non vi hanno fatto trasecolare: sono stanca anch'io di sentirle!

Mi raccomando… partecipate numerosi!

E ora un ringraziamento a chi ha partecipato per salvare impaludare:  

Nel post dedicato a procrastinare trovate le frasi tratte dai post qui citati che contengono la parola procrastinare. Sono davvero contenta della vostra partecipazione di questo mese! E poi ci sono anche dei nuovi blog, quindi ci sono buone speranze per il futuro!
Io ho scritto due post:

Il concorso per i racconti continua a essere poco seguito (i primi tre racconti sono stati segnalati).

Grazie a tutti, come sempre, per la partecipazione!



Elenco sempre aggiornato dei post partecipanti all’iniziativa

[...] Prendiamo ad esempio Simone Simons, tanto brava quanto bella (tanto che mi fa trasecolare al solo vederla). Lei è stata così benedetta dagli dei del canto che quelli del teatro forse hanno pensato che non ci fosse più spazio per loro. [...]


[...] Mi sento un po' una mamma che loda il figlioletto, ma concedetemelo almeno oggi, di solito sono tanto severa con lui! E poi sono davvero trasecolata vedendo questi numeri! [...]


[...] Buona lettura e buon ascolto... e non trasecolate


[...] La cosa importante è un'altra: non appendete mai al chiodo la voglia di essere felici! Non pensate mai che non faccia più per voi. La vita saprà farvi trasecolare di meraviglia proprio quando penserete che non ci sia più niente da fare. [...]

[...] Trasecolare
Fu solo quando caddi dal letto che trasecolai. Quel vecchio sogno era tornato da me, dopo circa trent'anni di pace. Ma questa volta sapevo il suo significato: prudenza e mai disperazione. 


23 commenti:

  1. Trasecolo adesso... dubito che userò questa parola in qualche post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo dicevi anche il mese scorso, o sbaglio? Ahah! Dai, si vedrà! Intanto non trasecolare troppo!

      Elimina
  2. Scusami tanto per l'O.T. ma mi è arrivato adesso un'e-mail da tamerici.libri (oggetto l'indirizzo e-mail) che contiene il link di una che dice di aver guadagnato tanti soldi (le solite pubblicità spam). Non so.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ho appena visto anch'io... ho mandato una mail di scuse a tutti gli indirizzi a cui dovrebbe essere arrivata, non so che altro fare. Comunque, sì, solo spam! Grazie per la segnalazione.

      Elimina
  3. Ma sai che a leggere questo post mi è venuta una gran voglia di trasecolare come si deve? Vediamo...
    Comunque che l'etimologia fosse questa non lo immaginavo. Le mie supposizioni erano qualcosa del tipo tra:oltre + seco: con sé. Cioè: andare con se stessi oltre qualcosa. E in effetti il significato è più o meno quello, però è diverso il modo di arrivarci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Seco = con sé" sarebbe stata un'interpretazione interessante! Le mie fonti però conducono a quando emerso nel post. In ogni caso, curiosamente, si arriva allo stesso significato!

      Grazie per la bella parola!

      Elimina
    2. Grazie a te per il bel post che le fa sfondo e da cornice!

      Elimina
  4. Oh sì, mi piace questa parola! Spero di trovare tante cose che mi facciano trasecolare, questo mese, così potrò anche usarla in qualche post! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Augurandoti che siano tante cose belle, lo spero anch'io!

      Elimina
  5. È una delle mie parole preferite, mi piace proprio tanto come suona! Solo che non conoscevo la sua etimologia così a fondo. Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ooohhh! Una fan di "trasecolare"! Benissimo!
      Scopro tantissime cose anch'io scrivendo questi post...

      Elimina
  6. É una parola che uso (nello scritto soprattutto, nella lingua parlata quasi mai), ma non ne conoscevo l'etimologia.
    E così ho scoperto una cosa nuova. Non pensavo che avesse a che fare col "secolare" inteso come vita terrena.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo che l'etimologia ha fatto trasecolare tutti! Bene!

      Visto che la usi già, continua a farlo, mi raccomando!

      Elimina
  7. Che bella parola! Apprezzo molto che sia stata scelta :D

    RispondiElimina
  8. Leggendo la citazione pirandelliana ho capito perché mi tornava familiare ma non riuscivo a inquadrarla. :D
    Bene bene. Vediamo cosa riesco a ricavarci. Forse ho già pure un'idea...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow! Non dirmi niente... voglio una sorpresa che mi faccia trasecolare!

      Elimina
    2. E forse io sono la ultima a partecipare, ahah!
      Ma ce l'ho fatta. Ho vinto la morte (figurata) che luglio mi sta buttando addosso.
      http://maria-todesco-marytod.blogspot.it/2014/07/trasecolare-e-sinonimi.html

      Elimina
    3. Grazie mille! Ora leggo e metto il link.
      Sono felice che tu abbia vinto la morte figurata.

      Elimina
  9. Sono la prima a partecipare con un post? Oh sì, ora mi sento realizzata! Sto trasecolando dalla gioia! :)
    http://it-drama-queen.blogspot.com/2014/07/alcuni-cantanti-sono-anche-un-po-attori.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow! Grazie mille! Ora vado a leggere...

      Sì, sei la prima!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...