mercoledì 6 maggio 2015

Livore: concorso per racconti di 200 caratteri

Come vi ho annunciato qualche giorno fa nel post della rubrica Una parola al mese dedicato alla parola di maggio che è livore, apro questo post in cui potete postare i vostri racconti di massimo 200 caratteri contenenti la parola del mese.


Il mio, apparso nel post di pochi giorni fa, è questo:

Inspiegabile
Di tutto l'amore che aveva vissuto sembrava non essere rimasto nulla. Per lui ormai riusciva a provare solo livore: un rancore profondo e del tutto inspiegabile.

Vi ricordo di postare i vostri racconti in modo anonimo ed entro il 22 maggio, poi il 24 ci sarà un post con il vincitore che avrà il diritto di scegliere la parola di giugno tra quelle di un mio elenco o di proporne un’altra con certe caratteristiche.

Come sapete, quest'anno ci sono due tornei, quindi ora vi presento le due classifiche, aggiornate a fine aprile.

Punteggi del torneo Racconti
  • Spartaco Mencaroni: 25
  • Seme Nero: 5
  • Michele Scarparo: 4
  • Enrico: 1
  • Iara R.M.:1


Punteggi del torneo Sostenitori di Una parola al mese
  • Spartaco Mencaroni: 19
  • Maria Todesco: 16
  • Elisa Elena Carollo: 13
  • Michele Scarparo: 7
  • Seme Nero: 3
  • Donata Ginevra: 1
  • Enrico: 1
  • Iara R.M: 1
  • Salomon Xeno: 1

Vi ricordo che per questo torneo si guadagnano tre punti per un post (sei in caso di due post) e uno se si partecipa al concorso del mese.

Spero che i punteggi siano corretti, ma, se riscontrate qualche errore, non esitate a segnarmelo!

Date un’occhiata al post su livore e, se vi va, sostenete l’iniziativa con un raccontino! E vi ricordo che potete scrivere anche un post con questa parola e segnalarlo per aderire.

I vincitori del concorso avranno punti per il Torneo Racconti, mentre tutti avranno punti per il Torneo Sostenitori di Una parola al mese (un punto per chi invia almeno un racconto e 3 o 6 per chi scrive post dedicati, tutte le clausole nel post su livore).

Insomma, non cambiate colore per il livore perché c'è chi ha più punti di voi… vedete di conquistarvi i prossimi!

Buona partecipazione!


Racconti partecipanti al concorso

Senza titolo (01)
Guardò il cielo. Il temporale si stava avvicinando. Tuoni e fulmini erano i padroni dell'aria.
Quanto si assomigliavano! Pieni di livore contro il mondo, urlavano la loro rabbia esplosiva e frustrata.

Senza titolo (02)
Quanto livore sprecato per una manciata di ossa e di pelle;
per questa bellezza che pur si consuma e si perde.
Ma voi, lo dimenticate continuamente!

Ti odio
Il colore più maligno non lo vedi. Lo senti nei peli che si rizzano e fremono. Sulla lingua, gusto amaro che non si inghiotte. Dissonante rintocco di parole nefaste e putride. È il livore dell’anima.

Caccia grossa :)
L’uomo tornò dalla caccia pieno di livore, ma con il carniere gonfio. Posata la doppietta scarica, ne estrasse un Coniglio con lunghi canini. “La frollatura ti sarà d’aiuto”, disse bieco.

Fuori concorso
In risposta a: http://spartacomencaroni.blogspot.it/2015/05/quanto-livore.htm)
di Anonimo e Spartaco Mencaroni
Con la scusa del livore
si nasconde nel groviglio
di stagioni tessitore.
Mostra pur la parlantina
qui nel blog della Romina
vecchio e pavido Coniglio!

Fin dai tempi dei porcelli,
nella casa di mattoni
se si scaldano i fornelli
stanno ben chiusi i portoni!

livore né puntiglio,
ma saggezza da novella
impedisce al mio coniglio
di alzar troppo la favella!

Fin dai tempi della porca
ben nascosta dentro al tino
viene appesa sulla forca
prima d'esser bocconcino

del Coniglio la favella.
Il livore non è sciocco
e non cercar la chetichella:
io non perdono e tocco! ;)

Sèguita pur la bagattella
e con livore fai pur dolo!
Mai vedran le tue budella
il Coniglio farsi bolo!

Questa rima colgo al volo: 
la do vinta al buon Coniglio. 
(Ma sta bene col mentolo: 
scappa pure; se ti piglio!)

[...]


tofu o seitan vuoi nel piatto
risparmiando sul coniglio
a vicenza dicon gatto
ma tu insisti col gheriglio

alla fine 'sto livore
m'è scemato, ma ribatto:
come perdo il mio languore?

Racconto 1 di Anna Maria Fabbri [Fuori Concorso]
Credeva di averlo dimenticato, risolto, ma c'era ancora, il livore come un boomerang ritornò ad esplodere nel corpo e nella mente, lasciando un buco nero nell'anima, che faceva male, un male cane.

Racconto 2 di Anna Maria Fabbri [Fuori Concorso]
 Potrei scrivere in privato e chiedere a Romina Tamerici come partecipare anonimamente al concorso, ma allora lei scoprirebbe chi sono. Uffa che livoreee... noncelapossofare!


Hanno parlato di questo articolo


32 commenti:

  1. Guardò il cielo. Il temporale si stava avvicinando. Tuoni e fulmini erano i padroni dell'aria.
    Quanto si assomigliavano! Pieni di livore contro il mondo, urlavano la loro rabbia esplosiva e frustrata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per aver inaugurato il concorso!

      P.S. Scusate tutti se rispondo solo ora.

      Elimina
  2. Quanto livore sprecato per una manciata di ossa e di pelle;
    per questa bellezza che pur si consuma e si perde.
    Ma voi, lo dimenticate continuamente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, sì, quanto è vero!
      Grazie per la partecipazione!

      Elimina
  3. Titolo: ti odio

    Il colore più maligno non lo vedi. Lo senti nei peli che si rizzano e fremono. Sulla lingua, gusto amaro che non si inghiotte. Dissonante rintocco di parole nefaste e putride. È il livore dell’anima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che brutto sentimento, l'odio... non porta mai nulla di buono!
      Grazie per la partecipazione.

      Elimina
  4. Titolo: caccia grossa :)

    L’uomo tornò dalla caccia pieno di livore, ma con il carniere gonfio. Posata la doppietta scarica, ne estrasse un Coniglio con lunghi canini. “La frollatura ti sarà d’aiuto”, disse bieco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti vada di traverso, il tuo stufato! :-P

      Elimina
    2. (Fuori concorso) In risposta a: http://spartacomencaroni.blogspot.it/2015/05/quanto-livore.htm

      Con la scusa del livore
      si nasconde nel groviglio
      di stagioni tessitore.
      Mostra pur la parlantina
      qui nel blog della Romina
      vecchio e pavido Coniglio!

      Elimina
    3. Fin dai tempi dei porcelli,
      nella casa di mattoni
      se si scaldano i fornelli
      stanno ben chiusi i portoni!

      Né livore né puntiglio,
      ma saggezza da novella
      impedisce al mio coniglio
      di alzar troppo la favella!

      Elimina
    4. Sono 206 caratteri ma siamo fuori gara, e fuori pentola :D

      Elimina
    5. Fin dai tempi della porca
      ben nascosta dentro al tino
      viene appesa sulla forca
      prima d'esser bocconcino

      del Coniglio la favella.
      Il livore non è sciocco
      e non cercar la chetichella:
      io non perdono e tocco! ;)

      Elimina
    6. 218, fuori gara e fuori pentola :D

      Elimina
    7. Sèguita pur la bagattella
      e con livore fai pur dolo!
      Mai vedran le tue budella
      il Coniglio farsi bolo!

      Elimina
    8. Mi distraggo un attimo e qui si forma un duello a suon di rime? Ahaha! Siete troppo forti!

      Elimina
  5. Questa rima colgo al volo:
    la do vinta al buon Coniglio.
    (Ma sta bene col mentolo:
    scappa pure; se ti piglio!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai avete scritto un vero e proprio poema!

      Elimina
    2. Se metti il barolo al posto del mentolo, ti aiuto ad acchiapparlo e mi invito a cena.

      Elimina
    3. Che ne dite di un bel piatto vegetariano, invece? Ahah!

      Elimina
  6. Cedo al barolo e alle rime del Coniglio. Che poi, in cambio di un bicchiere di quello buono, sono molte le cose che potrei essere disposto a fare :)

    RispondiElimina
  7. tofu o seitan vuoi nel piatto
    risparmiando sul coniglio
    a vicenza dicon gatto
    ma tu insisti col gheriglio

    alla fine 'sto livore
    m'è scemato, ma ribatto:
    come perdo il mio languore?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che non ti mangerai il mio gatto, quantomeno!

      Elimina
    2. In effetti, visto che alle quartine vegetariane manca un verso che fa rima con il felino, il sospetto viene

      Elimina
    3. Allora, nel dubbio, terrò sempre ben chiusa la porta.

      Elimina
  8. col felino m'arrabatto?

    RispondiElimina
  9. Risposte
    1. la bestiola mi spignatto

      Elimina
    2. Voi due ormai siete fuori controllo, lo so... Ahaha!

      Elimina
  10. Ciao Romina ti mando due racconti con meno di 200 caratteri, e in sevuoiunavitadasognodormi.blogspot.it/2015/05/noncelapossofare-che-livore.html ho pubblicato un post... e ora che ho lanciato il sasso, leggendo i due malandrini qui sopra, lesti di cervello e tastiera, mi verrebbe voglia di tirare indietro la mano. ;-)
    Racconto 1: Credeva di averlo dimenticato, risolto, ma c'era ancora, il livore come un boomerang ritornò ad esplodere nel corpo e nella mente, lasciando un buco nero nell'anima, che faceva male, un male cane.
    Racconto 2: Potrei scrivere in privato e chiedere a Romina Tamerici come partecipare anonimamente al concorso, ma allora lei scoprirebbe chi sono.
    Uffa che livoreee... noncelapossofare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Grazie per il post e i racconti!

      La prossima volta, per partecipare al concorso, postali in modo anonimo, mi raccomando. Ti basta selezionare (dove scrivi il commento) la modalità "anonimo". Dove c'è scritto "rispondi come".
      E, se hai dubbi, scrivimi pure, tanto io ho una scarsissima memoria!

      Elimina
  11. Ok, non credo di poter partecipare a quello di giugno, però lo terrò a mente per la prossima volta ^__^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che lo sai "a futura memoria". Ahaha!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...