venerdì 12 giugno 2015

"All'ombra della Mole" + video "Torino, di Gianni Rodari" + Salone del Libro 2015

All'ombra della Mole: una poesia, un resoconto e anche qualche sorpresa.

In occasione del Salone del Libro di Torino ho avuto modo di passare qualche giorno in questa bellissima città italiana. Siccome sul Salone del Libro non avevo molto da dire ho pensato di scrivere per voi un post un po' particolare, tra poesie, voci, fotografie, resoconti… insomma, un pasticcio, volevo dire un mix.



Una poesia-cartolina 
Dato che il dodicesimo giorno dei mesi pari qui sul blog è dedicato alla poesia, ho pensato di introdurre il post con una mia poesia, ma visto che è un post un po' fuori dagli schemi in realtà è una poesia cartolina (si possono chiamare così?) insomma, una poesia che mi è venuta dopo aver scattato una foto e quindi scritta sulla foto medesima.
Eccola qui…

Nel caso fosse poco visibile il testo, lo propongo anche qui:

All’ombra della Mole
All’ombra della Mole
riposa la città di Torino,
tranquilla pur nel suo vociare.
La sua silente vedetta osserva
le geometrie delle strade affollate,
il verde delle colline
e lo scorrere del Po.
Nella sua ombra tutto avvolge,
tutto vede ma tutto tace.

Torino di Gianni Rodari: un video 
Lo so, lo so, non è un granché come poesia su Torino, per questo ho pensato di regalarvene anche un'altra, scritta da Gianni Rodari, scrittore che io amo molto (e di cui ho parlato più volte qui sul blog per la sua Grammatica della fantasia, soprattutto).
Come per Recanati, ho deciso di realizzare un video con alcune fotografie e una mia lettura. Spero davvero che vi piaccia e aspetto i vostri commenti!



Cinque cose da vedere a Torino 
Passiamo ora alle cose che secondo me sono da vedere a Torino (alcune le avete viste nelle foto) ed ecco la mia top cinque (così come avevo fatto per Recanati). Questa lista è stata stilata tra le cose che io ho visto in questi giorni e mi mancano tantissime cose da vedere a Torino, quindi mi riservo di cambiare idea nel corso dei prossimi viaggi.

  1. Il museo egizio. Imperdibile. Soprattutto per quanto riguarda la Valle dei Re che è una cosa davvero da brividi: è come entrare in un luogo segreto e proibiti e lasciarsi travolgere da emozioni e magie. Unica pecca di questo museo sono le video guide, proprio non mi sono piaciute.
  2. La sindone. Purtroppo non sempre visibile, per questo ho colto l'occasione al volo per vederla. Una grandissima emozione! Anche se da lontano e con troppa gente attorno, sono davvero felice di averla potuta vedere.
  3. Il museo delle arti orientali. Molto bello e ben curato, purtroppo poco frequentato, forse anche perché messo in ombra dal più celebre museo egizio. Io ve lo consiglio vivamente.
  4. La Mole Antonelliana. Nonostante la fila lunghissima per entrare e l'ascensore con i vetri trasparenti (che per una claustrofobica con le vertigini è proprio il top), la vista che si vede dalla cima è straordinaria e quindi ne vale la pena! E poi si vede lo stadio, sappiatelo (un bambino lo chiedeva a gran voce!).
  5. Il museo del cinema. Ci sono istallazioni davvero ben fatte, soprattutto nella parte dedicata alle origini del cinema e, lo ammetto, sedie comodissime.

Ce ne sarebbero ancora tante da aggiungere, ma non voglio esagerare: questo è più o meno il meglio di ciò che ho visto, anche se Palazzo Reale è stato bello e c'è stato pure il tempo per una capatina a Superga alle tombe dei Savoia (ma quello non è più Torino)… insomma, un viaggio davvero denso e stupendo!

Per la cronaca, tra le cose imperdibili di Torino io metterei anche il bicerin. L'ho talmente desiderato che non ho proprio potuto evitare, nonostante il caldo assurdo. Il bicerin è un dolce composto da una parte di cioccolata calda, una di caffè e della panna fredda sopra. Non va mescolato e si beve così come è. Io non sopporto il caffè, ma questo dovevo provarlo e così è stato. A colazione, con una brioche con la crema di gianduia, tanto per alleggerire.

Il Salone del Libro
 E questo è tutto… o forse no! Vi avevo promesso di parlarvi del Salone di Torino (che poi è il motivo per cui è cominciato questo viaggio). In realtà, a parte qualche acquisto (pochissimi: tre libri, di cui due da regalare) e qualche fortunato incontro tra blogger (ho finalmente conosciuto la Leggivendola oltre che aver rivisto volentierissimo Camilla di Bibliomania, mentre non è stato possibile e me ne dispiace molto incontrare Max e Silvia) non è successo molto, per questo non avrei proprio saputo come scriverci un intero post. Non ho preso parte a presentazioni e me ne sono stata buona buonina, davvero. Anche se la tentazione di usare un po' di faccia tosta c'è stata in più di un'occasione.

Spero non siate rimasti delusi da questo potpourri torinese!


Non ho mai viaggiato molto ma ultimamente sì, più dei miei standard… tutto merito del compagno di viaggio, ovviamente, a cui va un grande grazie e non solo per la gita.

E voi? Cosa aspettate ad andare a Torino? Ci siete già stati? I vostri posti preferiti quali sono? 

8 commenti:

  1. Beh, io ci abito... comunque suggerisco due strani luoghi, il parco collinare intitolato a Leopardi e il Quadrilatero, più o meno un pezzo di Parigi subalpina,.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto "Leopardi"?! Wow! Non posso perdermelo, allora! Grazie!

      Elimina
  2. Sono astigiana e conosco non bene Torino però, aggiungere Palazzo Reale, e qui forse mi può aiutare Massimo Citi, quella strada dove sorse il primitivo Cottolengo... in questo momento mi sfugge il nome e poi.. poi tutta Torino va visitata, pasticcerie comprese! :))
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Cottolengo mi fa venire tanta malinconia... non so se ce la farei a visitare un posto del genere (nemmeno ormai chiuso e spostato). Però potrebbe essere interessante.

      Le pasticcerie sono imperdibili!

      Elimina
  3. A Torino ci sono capitata, di tanto in tanto e per poco tempo purtroppo: mi piace moltissimo l'atmosfera che c'è! Tutti i luoghi citati sono meravigliosi. E un po' di aria "parigina", sì, io l'ho respirata lì! ^^
    Il tuo mix torinese mi è piaciuto assai ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono mai stata a Parigi, forse per questo non ho notato l'aria parigina?
      Grazie.

      Elimina
  4. Molto simpatica, la marcetta! :)
    Alla lista aggiungerei la Gran Madre, ma per il resto mi ci riconosco anch'io. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Gran Madre mi è piaciuta moltissimo, però non l'ho vista a maggio, quindi non l'ho inserita. Concordo però che sia una tappa imprescindibile!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...