mercoledì 3 giugno 2015

Tignoso: la parola di giugno 2015

Eccoci giunti al 3 del mese, data in cui si scopre finalmente la parola per la rubrica Una parola al mese. L'elenco completo delle parole salvate finora è presente nel primo post di questa rubrica. Per quanto riguarda il 2015, a gennaio ci siamo occupati di  imperituro, a febbraio di giaculatoria, a marzo di eteroclito, ad aprile di fedifrago e a maggio di livorequesto mese ci occupiamo della parola tignoso.

Questa parola è stata scelta dal vincitore del concorso di racconti di 200 caratteri con la parola livore, Michele Scarparo, con la seguente motivazione:
Col Coniglio il parapiglia
dal livore scatenato
s'è risolto alla bottiglia
più tarallo consociato.

Ecco a voi il nuovo lemma
(io che son poco leproso)
scelgo fuor di stratagemma
la parola mia: "tignoso"

E dopo questa motivazione in rima, non possiamo far altro che scoprire tutto questa parola, come ormai è usanza della rubrica. 


Etimologia della parola
La parola tignoso deriva dal latino tinoeosus o tiniosus, che significa pieno di vermi, pidocchioso. Deriva a sua volta da tinea, cioè tigna, intesa come ogni tipo di verme roditore (tignola, tarlo, tarma…). La radice potrebbe derivare dal greco temnein (squarciare) o dal verbo tenere.  

Da ciò deriva il significato di tignoso: persona con la tigna, malattia che rode il cuoio capelluto.
La prima attestazione del termine, secondo alcune fonti, risale al XIII secolo.
Vediamo ora l'uso moderno…

Definizione
  • (uso in medicina) Affetto da tigna.
  • (in senso figurato, popolare e regionale) Avaro, spilorcio, tirchio.
  • (in senso figurato, popolare e regionale) Pignolo.
  • (in senso figurato, popolare e regionale) Caparbio, cocciuto, ostinato, testardo, irremovibile.
  • (in senso figurato) Molesto.
  •  (in senso figurato, uso antico) Persona vile, dappoco, spregevole.


Pronuncia, forme, eventuali derivati
La parola tignoso si pronuncia con l’accento tonico sulla prima o che è da pronunciarsi chiusa [ti-gnó-so].

Si tratta di un aggettivo maschile che presenta anche forme plurali (tignosi) e femminili singolari (tignosa) e plurali (tignose).

In tutte le sue accezioni e forme può essere utilizzato anche come sostantivo.

Questo termine deriva da tigna, un'affezione della pelle, soprattutto del cuoio capelluto, provocata da un fungo parassita, che è caratterizzata da arrossamento, formazione di vescicole e forte prurito. In alcune zone d'Italia, si può usare questo termine con significato di cocciutaggine o persona avara.

Il termine tignoso deriva, come detto, da tigna, ma non da tignola, che è un piccolo insetto le cui larve attaccano fibre di tessuti e piante causando danni.

Frasi d’autore
Questo mese cominciamo con una citazione matematica, anche in previsione della mia prossima partecipazione al Carnevale della Matematica.
Rachid bloccò il timone. Innescò il detonatore, e tutto si svolse come Angelo aveva dimostrato col suo problema di trigonometria. Radice quadrata di 13,66² + 5² – 2 x 5 x 13,66 x cos60². E incrostati di sangue, sciancati, tignosi, alcuni con un occhio solo, un orecchio solo, tre zampe e basta, eppure bellissimi, morti milioni di volte, miliardi di volte, eppure vivi, vivi quindi immortali, quella notte i cani randagi tornarono a invadere la città.
Oriana Fallaci, in Insciallah

La seconda citazione è invece un buon esempio dell'uso antico del termine e viene dal testo più celebre di Boccaccio:
      La donna, veggendo che nella prima giunta altro male che di parole fatto non l'avea, e parendole conoscere lui tutto gogolare per ciò che per man tenea un così bel giovinetto, prese cuore e disse: «Io ne son molto certa che tu vorresti che fuoco venisse da cielo che tutte ci ardesse, sì come colui che sé così vago di noi come il can delle mazze; ma alla croce di Dio egli non ti verrà fatto. Ma volentieri farei un poco ragione con essoteco per sapere di che tu ti ramarichi; e certo io starei pur bene se tu alla moglie d'Ercolano mi volessi agguagliare, la quale è una vecchia picchiapetto spigolistra e ha da lui ciò che ella vuole, e tienla cara come si dee tener moglie, il che a me non avviene. Ché, posto che io sia da te ben vestita e ben calzata, tu sai bene come io sto d'altro e quanto tempo egli è che tu non giacesti con meco; e io vorrei innanzi andar con gli stracci in dosso e scalza ed esser ben trattata da te nel letto, che aver tutte queste cose, trattandomi come tu mi tratti. E intendi sanamente, Pietro, che io son femina come l'altre, e ho voglia di quel che l'altre; sì che, perché io me ne procacci, non avendone da te, non è da dirmene male; almeno ti fo io cotanto d'onore, che io non mi pongo né con ragazzi né con tignosi».
Boccaccio, in Decameron

Per chiudere le citazioni, alcuni proverbi italiani con la parola del mese:
  • Dall'invidioso guardati come dal tignoso.
  • Il tignoso non ama il pettine.
  • La madre pietosa fa la figlia tignosa.



Qualche esempio
Ora inserisco qualche breve frase scritta da me con la parola tignoso.
  • I tignosi hanno bisogno di una cura adeguata per debellare la tigna.
  • Era inutile: il prurito era insopportabile. Il tignoso prese a grattarsi senza più trattenersi.
  • Non c'era nessuno più tignoso di lui: voleva sempre avere ragione!


Un racconto di 200 caratteri
E ora un mio racconto in meno di 200 caratteri con la parola tignoso.

Il conto
Quando arrivò il conto, il tignoso andò in bagno, ma i suoi amici, stanchi di pagare sempre per lui, se ne andarono dal ristorante lasciandolo in balia del cameriere.

Ogni tanto bisogna farsi furbi! Ahahah!

I sinonimi non esistono
I dizionari suggeriscono vari sinonimi per la parola del mese: avaro, spilorcio, tirchio, pignolo, caparbio, cocciuto, ostinato, testardo, irremovibile…
Si può notare fin da subito che questi termini si possono dividere in due categorie distinte (come io ho fatto nelle definizioni), perché hanno alcuni significato simile ad avaro, altri simile a testardo. Il termine tignoso può pertanto essere utilizzato in entrambi i significati e rappresenta un'interesezione possibile tra i due gruppi.

Il significato medico di questa parola è invece chiaramente molto specifico e ancora più difficile da sostituire con un presunto sinonimo.

Scopo dell’iniziativa
E, quando si arriva qui, si sa che per un po' ci sono cose già sentite… ahahah!

Io mi impegno a usare questa parola in almeno un post durante il mese.
In tali post evidenzierò in modo evidente la parola tignoso, inserirò questa immagine e questa dicitura (con il link a questo post):




Questo post partecipa all’iniziativa Una parola al mese. La parola di giugno 2015 è tignoso (al link maggiori informazioni).







Chi vuole partecipare all’iniziativa deve segnalarmi in un commento il post (o i post) in cui ha utilizzato la parola (sono validi tutti i post fino al 30/06/2015 compreso). Volendo potete anche inserire l’immagine di questo post e il link, ma non è indispensabile: l’importante è che la parola rimbalzi di blog in blog il più possibile. Maggiori informazioni le trovate nel post che introduce la rubrica Una parola al mese (lì c'è anche l'elenco completo delle parole che ho adottato).

Nella barra laterale del blog, per il mese di giugno, ho già inserito la nuova immagine per accedere direttamente a questo post, così che possiate trovarlo con facilità.

E, come sapete, da quest'anno ci sono due tornei.

Il concorso e il Torneo Racconti
Come ogni mese, parallelamente all'iniziativa, parte il concorso per racconti di massimo 200 caratteri contenenti la parola tignoso.
Aprirò il post dedicato al concorso tra tre giorni e avrete tempo fino al 22 giugno. Il racconto deve essere lasciato secondo le indicazioni fornite e non firmato, così non mi accuserete di fare preferenze. Poi il 24, decreterò il vincitore che potrà scegliere la parola di luglio o tra un mio elenco di dieci parole o proponendone lui direttamente purché rispettino le poche regole spiegate nel post introduttivo. A quel punto ognuno potrà dire quale era il suo racconto, così aggiungerò i vostri nomi nel post.

Il Torneo Sostenitori di Una parola al mese
Con il Torneo Sostenitori di Una parola al mese, ogni post varrà tre punti, ma solo per i post su blog (non per post promozionali sui social) e solo per quelli che riporteranno anche banner e/o link all'iniziativa. Si possono scrivere più post al mese, ma i punti attribuiti saranno massimo 6 ogni mese (cioè, due post). 
Chi partecipa al concorso del mese (anche senza vincere o classificarsi) otterrà anche un punto per questo torneo (un solo punto al mese, indipendentemente dal numero di racconti partecipanti).

Non siate tignosi nella partecipazione, mi raccomando!

E ora un ringraziamento a chi ha partecipato per salvare livore:  
 Nel post dedicato a livore trovate le frasi tratte dai post qui citati che contengono la parola livore. Ringrazio i partecipanti! Sono felicissima che questo mese i partecipanti siano stati più del solito!
Io ho usato la parola in un solo post:
Il concorso per i racconti ha raggiunto i minimi storici, purtroppo (i primi tre racconti sono stati segnalati).


Elenco sempre aggiornato dei post partecipanti all’iniziativa



[...] La promessa hai mantenuto,
con la rima sei venuto.
Pronti a Giugno a dar la scossa,
c'è chi aspetta la riscossa.
La parola è bella e cotta,
ho una rima che già scotta:
chi di versi è un pò Tignoso
mi diventa assai rognoso!  [...]


[...] Ed è TIGNOSO in questo. Tignoso inteso in tutti i suoi significati. Avaro... quando avremmo bisogno di più tempo, scarseggia sempre. [...]


[...] Il libro si può tranquillamente definire tignoso, (ciao +Romina Tamerici ) ma l'impresa di portarne a termine la lettura merita di essere presa in considerazione per più di una ragione; di ciò, in poche righe, io e il Coniglio cercheremo di convincervi. [...]



[...] Sono stata decisamente tignosa nel regalarvi sorprese e post questo mese… ma il programma del mese prossimo sta per arrivare. [...]


[...] Le ferite erano ormai troppe, quel coltello non perdonava, ma lui tignoso, tignoso fino allo spasimo, non voleva mollare. [...] 



[...] Lei, la madre del re, costretta a mostrarsi nuda come una prostituta qualunque, ad essere disprezzata dal popolo come una tignosa, a ricevere gli sputi in faccia. [...]


Hanno parlato di questo articolo:


11 commenti:

  1. Non ci crederai ma è una delle parole più utilizzate a Catania per indicare qualcuno senza capelli o con pochi capelli in testa, nell'inflessione dialettale 'tignusu'!
    Curiosissima come scelta! :D

    RispondiElimina
  2. Bella scelta. Non posso che raccogliere la duplice disfida, ossia quella letteraria e quella della gara di tarallucci e vino.

    RispondiElimina
  3. Risposte
    1. @Spartaco: Dai, torna tra noi!

      @Michele: Non esagerate, però, eh... vi voglio abbastanza lucidi! Ahah!

      Elimina
  4. Ciao Romina, non ho resistito alla tentazione di usare la parola del mese per un racconto, se hai voglia di leggere la trovi in sevuoiunavitadasognodormi/2015/06/eheheheh-ci-sono-allultimo-ma-ci-sono.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  5. Ufff... continuo a sbagliare nel mettere il lnk
    sevuoiunavitadasognodormi.blogspot.it/2015/06/eheheheh-ci-sono-allultimo-ma-ci-sono.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per la partecipazione! Vado a leggere!

      Elimina
  6. Dimmi che sono ancora in tempo!
    http://it-drama-queen.blogspot.it/2015/06/il-pentimento-di-cersei.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevi ancora due ore di tempo, quindi lo sei decisamente! Grazie!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...