lunedì 21 marzo 2016

È un ambaradan

È un ambaradan: un significato che proprio non mi aspettavo.
Oggi vi voglio parlare di un'espressione abbastanza conosciuta. Si tratta di è un ambaradan.
Sono sicura che molti di voi sanno cosa significa, ma conoscete la vera origine? Io, quando l'ho scoperta, sono rimasta davvero molto sorpresa e quindi ho deciso di parlarne con voi!


Quando si dice?
In genere si usa l'espressione è un ambaradan nel senso di grande confusione, guazzabuglio, insieme disordinato di elementi.

È una frase che una persona può dire quando vuole far capire che si trova davanti a un grande caos. Insomma, è un po' come dire è un macello, è un casino.

Facciamo un esempio pratico. Una madre entra nella stanza del figlio e trova tutto in disordine e può esclamare: «Questa camera è un ambaradan! ».

Un controsenso
È un ambaradan è un'espressione dal suo divertente e giocoso, non mi sarei mai aspettata un'origine così triste…

L’interpretazione più convincente
L'espressione deve la sua origine a un massiccio dell'Etiopia centrale chiamato Amba Aradam, presso cui avvenne una sanguinosa battaglia tra l'esercito del Regno d'Italia (guidato da Badoglio) e gli abissini dell'esercito etiope, nel 1936, durante la Guerra d'Etiopia.
Durante questa battaglia alcune tribù locali erano alleate con le truppe italiane ma nel corso delle trattative a volte si alleavano con il nemico e a  volte tornavano al fianco dei soldati italiani, generando una grande confusione.  
La battaglia fu vinta dalle Camice Nere (o, secondo altre fonti, dagli Alpini) utilizzando gas tossici vietati e facendo morire circa ventimila etiopi (tra civili e militari).

I soldati italiani, ritornati poi in patria, iniziarono a dire davanti a situazioni disordinate e caotiche: come Ad Amba Aradam  o è un Amba Aradam. Per crasi le due parole si sono poi fuse in ambaradam. La trasformazione della consonante finale (da m in n) si deve a un banale errore di pronuncia diventato comune (dato che l'espressione era scarsamente utilizzata nella lingua scritta).   


Altre interpretazioni
Questa volta mi sarebbe proprio piaciuto scoprire alternative più liete, ma purtroppo non è così. Pare proprio che l'origine sia recente e non dubbia e che dietro questa parola così buffa ci siano invece solo tanti morti e un crimine efferato da parte dell'esercito italiano.

Conclusione
Anche se continuo a usare questa espressione, da quando ne ho scoperto le origini non posso fare a meno di pensare a quanto dietro ogni parola ed espressione ci sia una storia che sarebbe sempre meglio conoscere, anche quando non è bella e non ci fa onore…

Detto questo, spero che questo post non sia stato un ambaradan e lascio a voi la parola: avete mai usato questa espressione? Se sì, quando?


13 commenti:

  1. La uso spesso ma raramente dandole il senso di "disordine".... più che altro la uso per semplificare qualcosa di... come dire... complesso. Esempio: dopo aver messo in piedi tutto questo ambaradan non è venuto nessuno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la cosa complessa genera anche un po' di disordine, allora va bene! Ahaha!

      Elimina
  2. Un'espressione che cerco di non usare più - per rispetto di quella povera gente - da quando, diversi anni fa, ne imparai l'origine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco... io invece ho preferito diffonderne l'origine.

      Elimina
  3. L'ho sentita spesso pronunciata con la m finale, ne ignoravo però l'origine. Più che "confusione", la utilizzo per indicare qualcosa realizzato male, complesso, impreciso, fatto frettolosamente (quindi non adatto a indicare una stanza in disordine).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente ci sono varie sfumature di significato, visto che anche TOM la usa in modo diverso da quello che ho spiegato io.

      Elimina
  4. Purtroppo l'origine è quella. Pronunciarlo con la N finale, anziché con la M, e come parola unica aiuta a dimenticare che è relativo a una famigerata zona di guerra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto sul mio blog!
      L'espressione è evoluta nel tempo quasi a voler nascondere le sue stesse origini. Ovviamente è solo un'impressione, però...

      Elimina
  5. Non l'avrei mai immaginato... :O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno io, infatti sono rimasta molto colpita.

      Elimina
  6. In effetti a Roma c'è via dell'Amba Aradam, una via di passaggio molto trafficata, davvero nomen omen.
    Ottima speigazione storica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sapevo della via romana!
      Sono felice che il post ti sia piaciuto!

      Elimina
    2. Non sapevo della via romana!
      Sono felice che il post ti sia piaciuto!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...