giovedì 13 settembre 2018

Sono stanca di mancarmi



Ieri ho registrato un breve spot. Non credo che lo potrò mai pubblicare qui perché mi è stato commissionato per un progetto che  probabilmente non verrà messo in rete (una specie di concorso). Non ve ne parlo per dire: «Ehi, ragazzi, guardate come sono brava! Mi hanno commissionato uno spot!». No, tutt'altro. Ve ne parlo perché questa brevissima esperienza mi ha ricordato una cosa importante: è difficile abbandonare un sogno. È un periodo particolarmente difficile, in cui sto provando ad adattarmi ai nuovi vincoli che la malattia mi sta dando e, come ogni periodo di assestamento, è condito di rabbia e delusione, di un profondo senso di ingiustizia.

Ormai mando i preventivi sapendo che sceglieranno sempre qualcun altro, qualcuno più competente, qualcuno più in gamba, più conosciuto. Non riesco più ad avere fiducia in me e non mi aspettavo che invece questa volta scegliessero proprio me. Stare davanti al microfono mi ha ricordato quanto mi fa stare bene e mi fa sentire viva registrare, sentirmi finalmente competente in qualcosa, all'altezza della situazione. La malattia tende a farti sentire sempre uno schifo, non solo fisicamente ma anche come persona, un rifiuto, perché ti toglie la capacità di fare ciò che prima sapevi fare bene e questo ti butta al tappeto.

Come posso pensare di riprendere a fare la speaker? I miei problemi ai polmoni non sono certo sotto controllo e tutto il resto… lasciamo perdere. Eppure per quei 20 secondi, nascosta dietro al mio filtro antipop, ero di nuovo la me di un tempo, la me che ce la faceva, la me che poteva registrare senza preoccuparsi di se e quanto i polmoni avrebbero retto lo sforzo, dei colpi di tosse da togliere, dalla fatica, del dolore anche solo per stare lì in piedi davanti al microfono. E ho scoperto di mancarmi più di quanto potessi immaginare.

Recentemente ho avuto anche brutti peggioramenti dei miei soliti mal di testa e fortissimi dolori agli occhi causati solo dal fatto che ho preteso da me di stare qualche ora al pc di troppo (tipo 3 di fila). Un tempo ci stavo anche 18 ore al giorno o più, ora è sempre tutto un contrattare, come se il mio corpo avesse acquisito troppa forza sindacale. Ma io voglio continuare a fare ciò che so fare meglio e invece ho la sensazione che pian piano tutte le mie possibilità si stiano riducendo.

Di recente ho pubblicato un articolo (non qui sul blog) per il quale ho ricevuto un po' di apprezzamenti e mi sono ricordata che le parole sono sempre state la mia forza, che devo tornare a gridare le mie battaglie. In effetti non è una scoperta così recente e il mio libro sta procedendo più in fretta di quanto pensassi e, chissà, potrei anche finirlo prima o poi (se non mi mancherà il coraggio di raccontare cose così personali). Intanto però sta già facendo un piccolo miracolo: mi sta ridando fiducia in me stessa e un po' di autostima vedere che le parole, se le lascio scorrere, mi escono ancora davvero naturali dalle mani, quasi senza passare per la testa. E se posso stare poco al pc, vuol dire che scriverò poco per volta e, se le mani mi fanno male, vuol dire che farò più pause, ma non credo di essere pronta anche per questa resa. Voglio conservare quella parte di me che è creativa e piena di energie vitali, voglio stare ancora dietro quel microfono o china su questa tastiera. Voglio ancora sentirmi me stessa. Sono stanca di mancarmi. Questo mi ha detto lo spot che ho registrato ieri e questo ho voluto dire a voi: lottate per i vostri sogni, anche quando tutto vi sembra impossibile, anche quando tutto sembra dirvi l'importante è la salute ed è proprio quella che vi manca.


16 commenti:

  1. Bellissima la frase sono stanca di mancarmi!!!Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Sono felice che il messaggio ti sia piaciuto!

      Elimina
  2. Augurandoti più salute, ti faccio i complimenti per tutto quello che comunque riesci a fare. Un abbraccio.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Faccio poco, ma come diceva il maestro Manzi "Fa quel che può, quel che non può non fa". Grazie!

      Elimina
  3. Cara Romina, verrei dirti non arrenderti mai, vedrai che una volta le cose che farai sorprenderanno tutti te compreso.
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Romina, un grande post che è un grande monito e insegnamento per chiunque.
    Grazie per aver condiviso tutto ciò con noi.
    Un abbraccio e viva i sogni, che fanno star bene.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che io credevo di scrivere una riflessione banale e invece "un grande monito e insegnamento per chiunque". Be', wow! Troppo buono!

      Elimina
  5. Coraggio! Un abbraccio forte

    RispondiElimina
  6. Belle parole e grande coraggio da parte tua. Ti auguro che i tuoi problemi di salute possano risolversi nel più breve tempo possibile, magari proprio in coincidenza con nuove opportunità per inseguire il tuo sogno da speaker.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora che sono uscita allo scoperto, sono molto più coraggiosa! Il problema delle malattie croniche (e anche un po' degenerative, ahimè) è che non ci sono grosse prospettive di guarigione, ma il sogno di una cura che mi faccia stare meglio c'è sempre!

      Elimina
  7. Non so bene cosa dire, se non che il post è scritto veramente bene e che quindi dovresti continuare a scrivere.
    Per quanto riguarda il tuo sogno da speaker, ti ho sempre detto che sei brava, ma so anche quanto sia difficile... Ti auguro sempre il meglio, sperando che i miei auguri funzionino un po'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!

      Io non credo di poter dire che sogno ancora di diventare una speaker a tempo pieno, ormai ho capito che è veramente troppo difficile. Mi accontento di qualche progetto di tanto in tanto che mi dia soddisfazione e in cui provare a far fruttare le mie capacità.

      Elimina
  8. CONCORDO. Ed è quello che cerco di dire a tutti, non è mai troppo tardi e, anche se lo fosse non ne saremmo mai pienamente coscienti, quindi viviamoci quello che vogliamo vivere e che ci fa essere vivi. ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa difficile, almeno per quanto mi riguarda, è non andare troppo oltre il proprio limite. Io, per inseguire i sogni, troppo spesso ho valicato limiti che non andavano superati e ne ho pagato le conseguenze.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...