martedì 9 ottobre 2018

Nocturnia e il Premio Italia



Come saprete, pochi giorni fa sono stati resi noti i vincitori del Premio Italia di quest'anno (si tratta di un riconoscimento della fantascienza e del fantasy in lingua italiana, istituito nel 1972).

Io non sono un'esperta di fantascienza o di fantasy, tutt'altro, ma partecipando a Strani Mondi* ho il diritto e il dovere morale di votare per questo premio. Ogni anno cerco di impegnarmi nelle votazioni, soprattutto nella prima fase, perché non essendo un'esperta di fantascienza (e due!) non ne so molto e devo chiedere aiuti e consigli. Comunque quest'anno alcune delle persone che ho votato hanno vinto, quindi sto iniziando a conoscere qualcosina anch'io…


Faccio questo post non per commentare i risultati, né per dire chi doveva o non doveva vincere, perché, non essendo un'esperta di fantascienza e fantasy (e tre!), non sono competente per dare un giudizio, né troppo interessata per dar vita a un critica (costruttiva o polemica che sia).

Scrivo queste poche righe solo per dire che il bellissimo blog Nocturnia di Nick Parisi anche quest'anno non ha vinto il premio. Da tre anni arriva in finale per questo prestigiosissimo premio ma alla fine è qualcun altro a vincere (senza dubbio si tratta di altre persone ugualmente meritevoli di cui però io non so niente quindi, ribadisco, la mia non è una polemica).

Scrivo queste righe perché lo zio Nick (così lo chiama affettuasamente la blogosfera tutta, quindi ha un sacco di nipoti) di certo meritava questo premio e lo meritava anche negli anni passati.

Ma non è questo il problema (in fondo, si sa, qualcuno deve vincere e non tutti possono salire sul podio). Il buon Nick, però, invece che vedere il suo straordinario risultato (per ben tre volte è arrivato in finale a un premio così importante), vede solo che per l'ennesima volta non ha vinto. E pensa che il suo blog non valga niente, il suo lavoro non valga niente e, peggio, che lui non valga niente (come blogger). E questo mi fa arrabbiare. Mi fa arrabbiare perché lo zio Nick è una persona straordinaria, un marito affettuoso, un grande esperto di fantascienza e un blogger competente e appassionato e mi dà fastidio che un premio, per quanto importante, non ricevuto possa farlo sentire anche solo un grammo meno speciale di quello che è e che tutti quelli che lo conoscono sanno essere. E allora, per una volta, lasciatemi fare un post sentimentale, lasciatemi dire pubblicamente a Nick Parisi che, Premio Italia vinto o meno, la blogosfera lo stima tantissimo e io in prima fila.

Se lo conoscete, potete lasciare qui nei commenti un messaggio per lui (che non sia un mi dispiace che non hai vinto, ma un chi se ne frega se non hai vinto, ti adoriamo così!). Se invece non lo conoscete, quale migliore occasione per scoprire il suo blog? Anche perché, non ne dubitate, Nocturnia finirà in finale anche l'anno prossimo e, prima o poi, il Premio Italia lo vincerà. Altrimenti faremo una rivolta, tutti noi suoi nipoti adottivi, e sarà un casino! Ahah!






___________
* Per chi se lo stesse chiedendo, sì, ci sono stata anche questa domenica, nonostante tutto, e mi sto ancora riprendendo, ma ne è valsa la pena perché ho potuto riabbracciare un sacco di vecchi amici!

11 commenti:

  1. Mi associo ai tuoi complimenti per Nick e al suo fantastico blog.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, ero certa di non essere la sola!

      Elimina
  2. Amica mia mi hai commosso.
    Premetto che chi ha vinto il Premio meritaa di vincere(questo lo sappiamo tutti e due, anzi rinnovo i miei complimenti al sito che ha meritatamente trionfato) E lo stesso vale per i passati vincitori che meritavano anche loro la vittoria.
    Hai ragione però, per quanto mi sia impegnato a fregarmene una parte di me ci è rimasta male, mi è sembrato di essere l'eterno sconfitto, non ho visto il bello delle tre finali raggiunte ma il brutto delle tre finali perse.
    Con questo non sto rendendo giustizia a te e a tutte le persone che mi vogliono bene, ma nemmeno a e stesso.
    Sinceramente non so se ci saranno altre candidature, non si può prevedere il futuro. Ma grazie a te e a tutti quanti gli altri si può dire che ho vinto un altro tipo di premio,altrettanto bello.
    Grazie ancora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi ha vinto sicuramente meritava di vincere, ma anche tu te lo meritavi. Il problema è che ci sono tante persone che meritano una vittoria e il posto del vincitore è uno solo. Proprio per questo non dovresti abbatterti ma essere felice dei risultati conseguiti. Il mio post non vale quanto un premio, lo so, ma spero ti faccia capire in quanti ti stimiamo!

      Elimina
  3. Romina, io ho sempre considerato il blog di Nick il miglior blog che conosco (assieme a quello di Obs e di Ivano: guardacaso tre spazi che NON SEMPRE leggo, vedi tu...).
    Per me Nick è davvero il miglior blogger, e te lo sto dicendo io che non amo per nulla la metà degli argomenti che tratta.
    Raramente ho visto blog così COMPLETI E COMPETENTI.

    Un premio non è nulla; già la finale comunque è un grande riconoscimento.
    Posso capire la delusione, perché è innegabile (anche io ho voluto partecipare ai Macchianera Awards quest'anno, senza manco passare le selezioni XD).

    Quindi posso capire. Ma Nick è amato, Nick ha intervista il boss di Nocturno, Nick fa articoli da rivista.
    E poi, lasciando perdere i blog, l'ho conosciuto di persona e... qualcuno che attende con te il treno, aspettando che tu riparta, è qualcosa di UNICO.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ho conosciuto Nick di persona e la considero una grande fortuna (prima o poi vengo a trovare anche te :P) e, sì, è un uomo di altri tempi (al punto che aspetta con te il treno). Concordo sul fatto che blog come il suo sono pochi in giro! Dovrebbe capire che ciò che fa vale a prescindere da un premio!

      Elimina
  4. Per quanto mi riguarda il blog di "zio Nick" resta un esempio di impegno, coerenza, varietà di proposte attinenti agli argomenti di riferimento del blog, e soprattutto disponibilità. É uno spazio aperto al dialogo, non un mero sfoggio del blogger.
    Insomma, per quanto mi riguarda Nocturnia è a prescindere un vincitore morale, espressione abusata ma in questo caso legittima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande, Ariano! Così si parla! Concordo su ogni parola!

      Elimina
  5. Grazie a tutti, ragazzi!
    Siete stati grandi, meglio sicuramente del Premio.

    RispondiElimina
  6. Il blog di zio Nick è unico e merita tutti i riconoscimenti possibili. Ciò che mi perplime (perdonate la licenza poco poetica) è che non esista una distinzione tra blog condotti da un'unica persona e i blog collettivi. Diciamo che nel caso di una categoria dedicata ai blog personali Nick il Noctuniano vincerebbe senza nemmeno alzarsi dalla panchina. Continua, Nick, non mollare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti le categorie non sono molto a favore dei singoli, in questo caso... Ma Nick è Nick e prima o poi farà il botto!

      P.S. "Perplimere" è la mia licenza preferita, ci avevo fatto addirittura una rubrica!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...