giovedì 4 aprile 2013

Infingardo: concorso per racconti di 200 caratteri

Come vi ho annunciato ieri nel post della rubrica Una parola al mese dedicato alla parola di aprile che è infingardo, apro questo post in cui potete postare i vostri racconti di massimo 200 caratteri contenenti la parola del mese.

Questo è il mio, comparso nel post di ieri...

Un esperto scansafatiche
Luca, esperto idraulico ed elettricista, infingardo come sempre, sorrideva sornione mentre Marco tentava con scarso successo di aggiustare la caldaia.


Vi ricordo di postare i racconti in modo anonimo ed entro il 22 aprile, poi il 23 ci sarà un post con il vincitore che avrà il diritto di scegliere la parola di maggio in un mio elenco o di proporne un’altra con certe caratteristiche.

Si tratta di scrivere una manciata di righe e poi potete riportarle nei vostri blog, se vi va, così scrivete anche un post!
Insomma, date un’occhiata la post su infingardo e, se vi va, sostenete l’iniziativa con un raccontino e/o un post! Grazie a tutti!


E per conteggiare i caratteri, ecco a voi un gadget apposito in fondo alla pagina del blog.





Racconti in gara

Senza titolo (1)
Quell'infingarda di mia moglie mi tradiva con quel tale, quel giovinastro insipido, sì, quel
Casanova!

Senza titolo (2)
L’ago doveva far sopire Aurora; ma quell’infingardo punse me e io, la terribile e potente Malefica, m’accorsi di sprofondare in un sonno eterno.

Senza titolo (3)
Uscendo di casa, la lasciai in lacrime. Provavo rimorso ma tirai avanti. Lavorai tutto il dì, e la sera tornai carico come un fuoco d'artificio! Fu così che mi diede dell'infingardo ma non si negò.

Senza titolo (4)
Quella strega infingarda mi rifilò la mela avvelenata. Però fu grazie a lei che conobbi il pricipe azzurro.

Senza titolo (5)
vattene infingardo! L'anello però me lo tengo.

Senza titolo (6)
Infingarda la vita del soldato. Da fanciullo lo fa sognare e da adulto lo fa dannare su un misero campo di battaglia.

Senza titolo (7)
E'infingarda a sua insaputa la crisalide. Non sa che un dì diventerà una splendida farfalla.

Senza titolo (8)
Zanzara: infingardo insetto della Pianura Padana,
io ti odio!

Senza titolo (9)
Caro diario,
che tempo infingardo.Torniamo dentro. Gocce di pioggia stanno macchiando, come dolorose lacrime, le tue pagine intrise del mio inchiostro nero.
Senza titolo (10)
Mi guardo allo specchio e al posto di quella bella fanciulla di un tempo trovo una vecchia rugosa.
Infingarda è la vita che tutto ci dona e tutto ci toglie

Senza titolo (11)
La spia è l'essere più infingardo che ci sia.
"Perchè guardi proprio me?".

Senza titolo (12)
E' infingardo il mare. Troppo al largo non devi andare!
Mamma, sei troppo ansiosa!

Senza titolo (13)
Nel bosco infingardo mi sono perduta.
"Giovanni, dove sei?".
Gli uomini quando servono non ci sono mai!

Senza titolo (14)
Infingardo fu Ulisse quando accecò Polifemo.

Senza titolo (15)
Che fai, infingardo? Poltrisci?
No, stavo mediatando.

Senza titolo (16)
pioggia infingarda, sgorghi impetuosa da un cielo arrabbiato e prendi a secchiate il passante avvilito.

Senza titolo (17)
Per me, per me soltanto si è avverata la maledetta profezia. Sono stato punto a morte da quell'infingarda dell'ape Maya!



Hanno parlato di questo articolo:



50 commenti:

  1. Quell'infingarda di mia moglie mi tradiva con quel tale, quel giovinastro insipido, sì, quel
    Casanova!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, sì, capita... dai, non buttarti giù!
      Grazie per aver inaugurato il concorso.

      Elimina
  2. L’ago doveva far sopire Aurora; ma quell’infingardo punse me e io, la terribile e potente Malefica, m’accorsi di sprofondare in un sonno eterno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rodari parlerebbe di "Fiaba a rovescio". Molto interessante. Grazie per il racconto.

      Elimina
  3. Uscendo di casa, la lasciai in lacrime. Provavo rimorso ma tirai avanti. Lavorai tutto il dì, e la sera tornai carico come un fuoco d'artificio! Fu così che mi diede dell'infingardo ma non si negò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anni e anni di femminismo buttati alle ortiche... ahahah! Grazie per il racconto.

      Elimina
  4. Quella strega infingarda mi rifilò la mela avvelenata. Però fu grazie a lei che conobbi il pricipe azzurro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisco il "però", a me sembrano due fregature! Ahahah! Dai, scherzo, grazie per il racconto.

      Elimina
  5. vattene infingardo! L'anello però me lo tengo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia ipotetica risposta al principe del racconto precedente! Ahahah! Grazie per la partecipazione.

      Elimina
  6. Infingarda la vita del soldato. Da fanciullo lo fa sognare e da adulto lo fa dannare su un misero campo di battaglia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente una vita difficile...
      Grazie per il testo.

      Elimina
  7. E'infingarda a sua insaputa la crisalide. Non sa che un dì diventerà una splendida farfalla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno delle più strane meraviglie della natura! Grazie per il racconto.

      Elimina
  8. Zanzara: infingardo insetto della Pianura Padana,
    io ti odio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, povere zanzare, tutti contro di loro!
      D'estate banchettano con il mio sangue, ma io non le odio.

      Grazie per la partecipazione.

      Elimina
  9. Caro diario,
    che tempo infingardo.Torniamo dentro. Gocce di pioggia stanno macchiando, come dolorose lacrime, le tue pagine intrise del mio inchiostro nero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto poetico e interessante. Grazie per il racconto.

      Elimina
  10. Infingarda è la vita che tutto ti dona e tutto ti toglie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si tratta più di un aforisma che di un racconto breve. Ti consiglio di fare qualche modifica... intanto grazie.

      Elimina
    2. Concordo. La sottile differenza tra un aforisma e un racconto (anche se breve) è che un aforisma racchiude un pensiero espresso brevemente in una o più frasi, mentre un racconto deve necessariamente contenere una storia, avere una trama.

      Marco Lazzara

      Elimina
    3. Vista la confusione sul tema, già da qualche giorno ho pensato che il prossimo mese ci sarà un post sull'argomento. Intanto grazie mille per la puntualizzazione!

      Elimina
    4. "Aforisma: una verità detta in poche parole ma detta in modo da stupire più di una menzogna." (Giovanni Papini)

      Se poi vuoi qualche dritta per il post sull'argomento aforismi,
      sai dove cercarmi. Ciao.

      Marco Lazzara

      Elimina
    5. Oh, grazie! Di sicuro ti rubo la citazione per il post! Se hai delle dritte, io sono sempre felice di avere consigli. Grazie mille!

      Elimina
    6. Basta che chiedi, lo sai.

      M.L.

      Elimina
    7. Se non ci si dà una mano tra pignoli...
      Grazie mille!

      Elimina
  11. Mi guardo allo specchio e al posto di quella bella fanciulla di un tempo trovo una vecchia rugosa.
    In fingarda è la vita che tutto ci dona e tutto ci toglie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai scritto sbagliata la parola del mese... la correggo nel post, ok?
      Grazie per la partecipazione.

      Elimina
    2. Mi sono accorta solo ora che questa è la versione nuova del testo precedente (o almeno credo) e ho sistemato il tutto.

      Elimina
  12. La spia è l'essere più infingardo che ci sia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche questo è più un aforisma che un racconto... consiglio di fare qualche modifica, tanto tempo ce n'è! Intanto grazie per la partecipazione.

      Elimina
  13. E' infingardo il mare. Troppo al largo non devi andare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche in questo caso siamo un po' al confine tra l'aforisma e il racconto... comunque grazie per la partecipazione.

      Elimina
  14. Nel bosco infingardo mi sono perduta.
    "Giovanni, dove sei?".
    Gli uomini quando servono non ci sono mai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah! Non dimentichiamoci che senza Arianna Teseo non sarebbe mai uscito dal labirinto! Meglio non fidarsi e cercare da sole la strada! Grazie per il racconto.

      Elimina
  15. Infingardo fu Ulisse quando accecò Polifemo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Polifemo un po' se l'era cercata, però! Ahahah!
      Grazie per il racconto.

      Elimina
  16. Che fai, infingardo? Poltrisci?
    No, stavo mediatando.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E adesso si dice "meditare", eh?
      Grazie per la partecipazione.

      Elimina
  17. pioggia infingarda, sgorghi impetuosa da un cielo arrabbiato e prendi a secchiate il passante avvilito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tieni duro, passante, arriverà presto l'arcobaleno!
      Grazie per la partecipazione.

      Elimina
  18. La spia è l'essere più infingardo che ci sia.
    "Perchè guardi proprio me?".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, direi che ora è meglio! Grazie!

      Elimina
  19. E' infingardo il mare. Troppo al largo non devi andare.
    Mamma, sei troppo ansiosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stai parlando di me, vero? Ahahah!
      Grazie per la nuova versione.

      Elimina
    2. Io avrei messo:
      "E' infingardo il mare. Troppo al largo non devi andare."
      Disse il mostro marino spalancando le fauci.

      Marco Lazzara

      Elimina
    3. Be', in effetti... in questo caso anche il mostro marino sarebbe un po' infingardo! Ahahah!

      Elimina
  20. Per me, per me soltanto si è avverata la maledetta profezia. Sono stato punto a morte da quell'infingarda dell'ape Maya!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che fregatura! E sì che sembrava tanto carina l'ape Maya! Grazi per la partecipazione.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...