sabato 4 maggio 2013

Parapiglia: concorso per racconti di 200 caratteri


Come vi ho annunciato ieri nel post della rubrica Una parola al mese dedicato alla parola di maggio che è parapiglia, apro questo post in cui potete postare i vostri racconti di massimo 200 caratteri contenenti la parola del mese.


Vi ricordo che ho inserito nella parte terminale del blog  un contatore di caratteri, se ne avete bisogno.

Questo è il mio, quello del post di ieri.
Bentornati!
Non appena varcarono la porta di casa, dopo il viaggio di nozze, trovarono la casa tutta sottosopra. Il parapiglia era stato causato da dei ladri che avevano fatto infrazione.

 Vi ricordo di postare i racconti in modo anonimo ed entro il 22 maggio, poi il 23 ci sarà un post con il vincitore che avrà il diritto di scegliere la parola di giugno in un mio elenco o di proporne un’altra con certe caratteristiche.

Come al solito si tratta di poche righe… e se volete parlare dell’iniziativa anche sui vostri blog… be’, ben venga! Grazie a tutti.



Racconti in gara

Senza titolo (1)
C'è un tale parapiglia dentro di me!
Trattasi di conflitto interiore.

Senza titolo (2)
I due eserciti erano schierati, in fervida attesa del sanguinoso parapiglia che la guerra avrebbe creato.

Rime
Era enorme la mia meraviglia: con così poco avevo scatenato quel parapiglia? Veramente strano. Avevo solo una pistola in mano!



Verde parapiglia
Andai a bussare seccato alla porta dei miei vicini.
«Cos’è ‘sto casino?»
«Ehi, non ti scaldare, piccoletto, stavamo solo dando una festa!»
«HULK ODIA PARAPIGLIA» dissi diventando enorme e verde.

Senza titolo (3)
Che parapiglia! I vicini stanno litigando per il posto auto.

Mal di testa
Dolore e caos della mente, parapiglia occipitale.
Cercasi analgesico.

Senza titolo (4)
Che ti piglia? C'è un tale parapiglia!
Che vuoi fare? Al parapiglia partecipare.

Senza titolo (5)
Spinte, urla, pugni: un gran parapiglia! Vi preghiamo di uscire, la visita in Parlamento è terminata.




Hanno parlato di questo articolo:









20 commenti:

  1. C'è un tale parapiglia dentro di me!
    Trattasi di conflitto interiore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, i conflitti interiori! Come liberarsene?
      Grazie per avere inaugurato il concorso!

      Elimina
  2. I due eserciti erano schierati, in fervida attesa del sanguinoso parapiglia che la guerra avrebbe creato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La guerra crea decisamente dei brutti parapiglia. Grazie per il racconto.

      Elimina
  3. Rime

    Era enorme la mia meraviglia: con così poco avevo scatenato quel parapiglia? Veramente strano. Avevo solo una pistola in mano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La gente d'oggi è decisamente troppo suscettibile! Ahahah! Bella l'idea delle rime. Grazie per il racconto.

      Elimina
  4. Andai a bussare seccato alla porta dei miei vicini.
    «Allora, cos’è ‘sto casino?»
    «Ehi, non ti scaldare, piccoletto, stavamo solo dando una festa.»
    «HULK ODIA PARAPIGLIA» dissi diventando enorme e verde.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah! Bravo, Hulk! Molto divertente, grazie per il racconto.

      Elimina
    2. I caratteri sono 202... una piccola modifica e il racconto sarà perfetto!
      Non vorrei essere così fiscale. I mesi scorsi ho chiuso un occhio per qualche carattere, ma mi è stato fatto notare, quindi... forza e coraggio, basta togliere una parola.

      P.S. C'è il contatore in fondo al blog.

      Elimina
    3. Acci... non me n'ero accorto. Chiedo umilmente scusa! Io uso il contatore di word, ma dev'essermi poi scappata una parola in più in fase di revisione. Me l'avevano detto che sei molto pignola, ma secondo me fai benissimo a essere fiscale così fiscale! OK, eccoti la versione modificata:

      Andai a bussare seccato alla porta dei miei vicini.
      «Cos’è ‘sto casino?»
      «Ehi, non ti scaldare, piccoletto, stavamo solo dando una festa!»
      «HULK ODIA PARAPIGLIA» dissi diventando enorme e verde.

      Elimina
    4. Però... sei mattiniera, Romina!
      Comunque mi sembra il caso di dargli un titolo, anche solo per comodità; diciamo: "VERDE PARAPIGLIA".

      Elimina
    5. La mia nomea di pignola mi precede, allora!

      Sì, spesso mi sveglio alle 5.30, in questo caso però non ero ancora andata a dormire... avevo del lavoro da finire.

      Grazie per la nuova versione!

      Elimina
  5. Che parapiglia! I vicini stanno litigando per il posto auto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I parcheggi sono luoghi dove i parapiglia si formano in modo sorprendentemente frequente.
      Grazie per il racconto.

      Elimina
  6. Mal di testa.

    Dolore e caos della mente, parapiglia occipitale.
    Cercasi analgesico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mal di testa sa essere veramente fastidioso. Speriamo che l'analgesico funzioni!
      Grazie per la partecipazione.

      Elimina
  7. Che ti piglia? C'è un tale parapiglia!
    Che vuoi fare? Al parapiglia partecipare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ironico e in rima. Molto simpatico!
      Grazie per il racconto.

      Elimina
  8. Spinte, urla, pugni: un gran parapiglia! Vi preghiamo di uscire, la visita in Parlamento è terminata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Triste verità italiana affrontata con un po' di ironia. Grazie del racconto.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...