lunedì 7 ottobre 2013

Che cosa bolle in pentola? 3

Un riassunto dei progetti realizzati a settembre e un po' di anticipazioni…
  
Settembre è stato un po' un mese di passaggio tra la creatività estiva e il prepararsi al ritorno ai ritmi universitari. Vi ricordate i tanti progetti di cui vi ho parlato nella pentola di agosto? Be', ora uno spietato resoconto prima di passare ai progetti futuri.



Quello che è uscito dalla pentola di agosto
  • La speranza di veder crescere un po' Il dedalo delle storie, il mio secondo blog, è decisamente caduta nel vuoto. I post sono stati 22 (in calo, rispetto al mese precedente in cui sono stati 28 in soli 15 giorni). Ancor più triste è però constatare che si tratta dell'opera di soli tre costruttori e nessuno dei quali nuovo (19 post di Ivano Landi, 2 di Salamandra e uno mio). Sono piuttosto triste per come stanno andando le cose, perché speravo nella creazione di una buona rete, invece di fatto il Dedalo resta attivo quasi solo con le parti di Ivano che segue però solo il filone A. Spero arrivino nuove reclute, altrimenti c'è anche il rischio (?) che io chiuda. Vi chiederete perché anch'io non scrivo di più e avete ragione… una tirata d'orecchie anche per me, anche se dedico ogni giorno un po' di tempo al Dedalo per preparare i post altrui (di certo potrei fare di più). 
  • La pagina Questioni di voce si è arricchita solo del post programmato del quarto episodio di Letteralmente Sparlando.
  • Anche se non ne ho parlato nel calderone del mese scorso, ho continuato anche a fare un pochino di editing qua e là (intanto faccio esperienza). 
  • Continuano le segnalazioni dei concorsi nella pagina apposita (ci sono problemi nel gadget che segnala gli aggiornamenti in home page, quindi tenete d'occhio il calendario). Oltre ad aver segnalato l'antologia 365 Storie d'Amore, ho recensito anche l'ebook 3Narratori, che vi consiglio caldamente.
  • Il nuovo folle progetto che doveva partire nella Palestra di scrittura su Abaluth non è partito, perché ho dovuto occuparmi di altre questioncine e non ho ritenuto opportuno aprire nuovi fronti… tanto più che un progetto a cui tenevo molto è da poco finito in modo un po' triste e un altro sta andando alla deriva, insomma… evviva.
  • Il mese scorso nel post di questa rubrica vi parlavo con entusiasmo del romanzo che avevo ripreso a scrivere, be', sono arrivata quasi a metà stesura in giorni di grande foga creativa (considerate che è già tutto pronto, si tratta solo di travasarlo su carta), ora è di nuovo fermo da settimane e credo che non lo riprenderò per un po'. Altro periodo di stasi (spero non duri un anno come l'ultimo).

 Insomma, pessimo bilancio. Pessimo, pessimo, pessimo.

E ora passiamo a vedere cosa bolle nella pentola di ottobre. Quella di settembre mi ha lasciato l'amaro in bocca.

Il dedalo delle storie
Per quanto riguarda il Dedalo non so cosa aspettarmi da questo nuovo mese. In teoria spero ancora che prenda il volo rivelandosi per ciò che è nato. Se così non fosse, credo lo chiuderò, perché così non ha molto senso e non voglio trascinarmi dietro il peso di un (altro) fallimento.

Questioni di voce
Già ieri avete visto la comparsa di una nuova video poesia in collaborazione con Menno van Dam, I limoni  di Eugenio Montale.
A breve dovrebbero arrivare altri due/tre video con varie collaborazioni appartenenti a una o due nuove rubriche. Non so quantificarvi questo a breve, non so se si tratterà già di ottobre oppure no.

Segnalazioni
Non credo ci saranno grandi segnalazioni questo mese. In teoria ho un lungo elenco di cose da segnalare, in pratica, le giornate sono fatte di 24 ore e io ho solo due mani e una testa, però se trovo il tempo, non si sa mai.

Nuovo progetto
Nella Palestra di scrittura non so più se partirà il nuovo folle progetto. Probabilmente ho bisogno di prendere un po' di tempo per capire se  per me ha davvero senso cominciare qualcosa di nuovo ora.  

Scrittura
C'è l'intento di scrivere almeno qualche pagina del romanzo, giusto per non perdere del tutto il ritmo, ma con la ripresa dell'università, i progetti in cantiere e vari lavori che sto svolgendo non sono particolarmente ottimista sulle sorti di questa creatura.

E poi?
Ok, il post di oggi è un tantino melodrammatico ma rispecchia fedelmente la situazione. Spero che da tutto ciò che c'è nel calderone e anche da ciò di cui nemmeno vi parlo talmente è sporco di cenere e brace qualcosa cominci a sbocciare.


E nelle vostre pentole che cosa c'è? Raccontatemi un po'…



Hanno parlato di questo articolo: 


6 commenti:

  1. Mi dispiace di non aver più contribuito al dedalo, purtroppo il tempo è sempre tiranno e la mente non collabora più di tanto... Inoltre - e qui entriamo nel mio "pentolone" - sto scrivendo un racconto per concludere una piccola raccolta che vorrei pubblicare su amazon entro la fine dell'anno, e assorbe interamente il mio (poco) tempo libero. Perché poi io ho anche il limite di non sapermi concentrare in modo esclusivo su una cosa, anche mentre scrivo continuo a voler avanzare nella lettura del libro del mese, a leggere gli aggiornamenti dei siti e dei blog che frequento, a guardare certi programmi televisivi, ad ascoltare musica... Insomma, non sono un fiume che scorre fermamente nel suo alveo, mi disperdo in una miriade di rivoli... :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non dispiacerti... non è mica colpa tua!

      Buona scrittura e in bocca al lupo per la raccolta.
      Anch'io non so concentrarmi in modo esclusivo su una cosa, anzi ne faccio sempre più di una contemporaneamente (modalità multitasking).
      Grazie per il commento.

      Elimina
  2. E veniamo alla mia di pentole. Il Dedalo mi appassiona assai e penso si noti abbastanza. Ho già spiegato a suo tempo nell'articoletto che gli ho dedicato i motivi del mio interesse. Sottolineo solo che mi affascina l'aspetto dell'improvvisazione. Nella stesura di "Solve et Coagula" (per chi non lo sapesse, è questo il titolo) seguo sì una traccia mentale ma paragonabile a una scia di profumo e non ho nessun abbozzo su carta (o schermo) di ciò che verrà. Ovviamente ho intenzione di arrivare fino in fondo e nell'ipotesi che il Dedalo dovesse chiudere, creerei sicuramente un mio spazio apposito in cui proseguire l'esperienza. Accanto a ciò proseguo la mia lenta ma costante revisione di "Shaula", primo volume della trilogia (forse quadrilogia) "l'Estate dei Fiori Artici". Ho terminato in questi giorni la revisione della prima parte del volume e conto di iniziare già da questa settimana la revisione della seconda parte. Questi due progetti mi assorbono, si può ben dire, tutto il tempo libero dal lavoro. Segnalo solo, per finire, le mie due pagine facebook "Solve et Coagula" e "L'Estate dei Fiori Artici". Vi invito a visitarle e magari, già che ci siete, ad appiopparvi un bel "like". Merci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua pentola è decisamente ricca di scritture! Ti auguro di arrivare in fondo a tutti i tuoi progetti. Per quanto riguarda il Dedalo, vediamo un po' come evolve la situazione.

      Elimina
  3. La mia pentola la conosci. La mia capacità di versare del mio in quelle altrui, anche. Mi spiace che quel progetto non sia andato in porto (ma ogni tanto, qualche nave naufraga). Da parte mia, cercherò di stimolarti nella stesura del tuo romanzo. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono abituata ai naufragi: il tempo di costruire una zattera e riparto!
      Conosco la tua pentola e per quanto riguarda gli stimoli... alla prossima sfida!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...