lunedì 27 ottobre 2014

Bando alle ciance

"Bando alle ciance": visto che dico questa frase dieci volte al giorno, è il caso di mettere al bando le ciance e parlarne!


Oggi vi parlerò dell'espressione bando alle ciance, che io uso spessissimo nella vita e anche qui sul blog. Spero di non essere l'unica!


Quando si dice?
In genere si usa l'espressione bando alle ciance nel senso di basta parlare!

Viene usata, per esempio, quando un discorso si sta protraendo eccessivamente o se si vuole interrompere una divagazione.

Facciamo un esempio pratico: quando scrivo un post e mi rendo conto che mi sto allontanando dal tema centrale, prima di riprendere il filo conduttore, posso affermare: «Ma ora bando alle ciance, oggi vi devo parlare di…».

Un controsenso
Questa espressione è forse una di quelle dal significato più ovvio tra quelle di cui mi sono occupata in questa rubrica, al punto che forse è inutile dedicarle un intero articolo, però questa volta almeno è vero che lo dicono tutti, no?
Spero che per voi sia comunque interessante saperne un po' di più.

L’interpretazione più convincente
Per comprendere l’origine di questa espressione, occorre per prima cosa analizzare i due termini che la compongono.

Partiamo subito con la prima. Bando deriva, probabilmente, dal latino medievale bandire (esiliare) che a suo volta viene dal gotico bandwjan  che significa  fare un segnale. In italiano, per bando si può intendere un avviso di pubblico interesse reso noto attraverso banditori (in passato) o pubblicato o divulgato (al giorno d'oggi). Esso è però anche l'intimazione di una condanna all'esilio e, da questo significato, deriva l'espressione mettere al bando, cioè proibire, eliminare, escludere. Si può quindi mettere al bando qualcosa, quando si esorta qualcuno ad accantonarla o lasciarla perdere.

Per quanto riguarda, invece, la parola ciance dobbiamo fare un tuffo nel vernacolo toscano. Le ciance infatti, sono, per quel vernacolo, le chiacchiere futili e vane (da cui deriva l'espressione andiamo a fare quattro ciance). Questo termine può però anche indicare frottole, stupidaggini, fandonie, chiacchiere senza fondamento di verità.

Pertanto, in base al significato che diamo alla parola ciance, l'espressione bando alle ciance  può significare basta con le parole oppure basta con le frottole.

Altre interpretazioni
A parte il doppio significato attribuibile alla parola ciance che quindi crea una piccola sfumatura nel senso dell'espressione bando alle ciance, direi che essa ha un'unica interpretazione.

Conclusione
Vi è mai capitato di usare questa espressione?


Ma, insomma, bando alle ciance, questo è un post che è stato già troppo lungo per le poche cose che aveva da dire!




Hanno parlato di questo articolo: 





12 commenti:

  1. Oh sì, io la uso tantissime volte! Anche troppo... Nel post di oggi invece ho usato una perifrasi tipo "senza indugi, inizio..."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Faremo un club per i "bando alle ciance"-dipendenti. Così almeno avremo una scusa per incontraci più spesso e... cianciare! Ahaha!

      Elimina
  2. Non molto a dire il vero. In genere preferisco il più spiccio "Basta chiacchiere inutili", che ha il pregio di essere compreso anche da chi è lessicalmente impreparato (e sono la maggioranza nei contesti che frequento ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho avuto anch'io esperienze di contesti in cui è difficile farsi capire usando parole non proprio di uso comune... sappi però che, se ogni tanto ne usi una, puoi solo essere di aiuto!

      Elimina
  3. Qualche volta lo uso, anche se più di frequente vi capiterà di sentire: "Bene! ..."
    :)

    RispondiElimina
  4. Se poi pensi che il neologismo "bannare" deriva dall'inglese "ban" che a sua volta deriva dal latino....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è un fenomeno molto più frequente di quel che si crede. Hai fatto bene però a evidenziarlo. Grazie.

      Elimina
  5. Credo di averla usata ogni tanto, di sicuro la sento spessissimo. Ora però bando alle ciance, che vado a studiare. ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per prima cosa lo studio! Non farti distrarre! Ahahha!

      Elimina
  6. Questa espressione mi fa sempre pensare a zio Paperone! Sono un grande lettore di fumetti e l'ho incontrata spesso nelle sue storie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siccome la dico spesso anch'io e non è la prima volta che dicono di qualche mio post che fa pensare a zio Paperone, mi sa che devo iniziare a preoccuparmi!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...