sabato 4 ottobre 2014

Stentoreo: concorso per racconti di 200 caratteri

Come vi ho annunciato ieri nel post della rubrica Una parola al mese dedicato alla parola di ottobre che è stentoreo, apro questo post in cui potete postare i vostri racconti di massimo 200 caratteri contenenti la parola del mese.



Il mio, apparso nel post di ieri, è questo:


Sul palco
Appena sale sul palco, stentorea, proclama la sua parte senza esitazione alcuna. Dove tutti hanno paura, lei smette di averne, perché ove gli altri indossano una maschera, lei cessa di portare la sua.


Vi ricordo di postarli in modo anonimo* ed entro il 22 ottobre, poi il 23 ci sarà un post con il vincitore che avrà il diritto di scegliere la parola di novembre tra quelle di un mio elenco o di proporne un’altra con certe caratteristiche.

E il torneo continua! Maria Todesco rimane saldamente in testa con 19 punti, seguita da Marco Lazzara (14 punti) e, a pari merito (10 punti), si contendo il bronzo Ivano Landi e Spartaco Mencaroni.

Di seguito tutta la classifica.

Punteggi del torneo (aggiornamento di fine settembre)
  • Maria Todesco: 19
  • Marco Lazzara: 14
  • Ivano Landi: 10
  • Spartaco Mencaroni: 10
  • Patrizia Benetti: 7
  • Nicola Mannai: 5
  • Seme Nero: 5
  • Dramaqueen: 3
  • Gianluca: 3
  • Maria Giulia Cirronis: 3
  • Alessandro: 1
  • Michele: 1


Date un’occhiata al post su stentoreo e, se vi va, sostenete l’iniziativa con un raccontino! E vi ricordo che potete scrivere anche un post con questa parola e segnalarlo per aderire. Io continuo ad affermarlo stentorea, sperando che qualcuno mi ascolti!


Grazie a tutti! 


---------------
* I commenti anonimi sono stati ripristinati per l'occasione (li avevo tolti qualche giorno fa). 


Racconti partecipanti all'iniziativa

Mi manchi
Non basta una voce stentorea per richiamare chi non vuol tornare.

Lamento di un naso raffinato affetto da un indecoroso raffreddore
Intasato e malconcio, vago nel vigoroso mattino di primavera. Gonfio e insensibile, aspiro invano gli effluvi stentorei della natura in rigoglio, e grondo della mia mucosa disperazione.

I colori della titubanza
Batuffoli di morbido rosa tamponano i violenti graffi pervinca delle nuvole. La palla del sole, arancia di fuoco, galleggia stentorea in mezzo all’orizzonte e, come i miei dubbi, non tramonta mai.

Il giorno del giudizio (prove tecniche)
Un richiamo stentoreo squarcia le nubi: - Fermatevi!
E tutti rimangono immobili, chi un istante, chi molto più a lungo. Poi lentamente il cielo si chiude e la vita riprendere a scorrere più di prima.

Buck
Stentoreo risuonò quel richiamo privo di voce, quella vita antica che scorreva nelle sue vene. Andò, senza più tornare.

Arabesco gotico
Talvolta accade che io, nel visitare un cimitero, mi soffermi a leggere gli epitaffi sulle lapidi. E capita allora, in quei momenti, che la mia voce si levi alta e stentorea nel silenzio di pietra. 

Mio padre
Era un vecchio burbero dai modi imperiosi, eppure quel giorno furono i suoi occhi lucidi colmi d'orgoglio a parlare per lui, più che la sua stentorea voce.

Vertigo
Acqua sulle mani. Vento che soffia negli occhi. Narici affogate. Un sussurro strozzato. Una voce stentorea che stenta ad urlare. E quella luce. E poi cado. Precipito. Ora. Non resta. Che il nulla.

Non é mai troppo tardi.
Altezzoso, lucrava sui sentimenti altrui, contando sul suo fare stentoreo ed impassibile. Ma incrociò una dolce bellezza, e si sciolse in tutta la sua umana debolezza.

Ora
Stentoreo anche l' eco! "Più nulla resta da dirsi. Quel che c'era è ora disperso nell' oceano, che' il mare non sarebbe mai bastato". Sono sola sulla riva a guardare l' orizzonte.





Hanno parlato di questo articolo:

28 commenti:

  1. Titolo: Mi manchi

    Non basta una voce stentorea per richiamare chi non vuol tornare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, in effetti non basta, purtroppo!
      Grazie per aver inaugurato il concorso!

      Elimina
  2. Titolo: Lamento di un naso raffinato affetto da un indecoroso raffreddore

    Intasato e malconcio, vago nel vigoroso mattino di primavera. Gonfio e insensibile, aspiro invano gli effluvi stentorei della natura in rigoglio, e grondo della mia mucosa disperazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sappiate che io ho già preso il primo (per fortuna blando) raffreddore della stagione...

      Grazie per il racconto!

      Elimina
  3. E pure mia figlia. Malefico asilo, groviglio di figlioli impestati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sono così carini! Gli si perdona anche il naso colante che ti strusciano ovunque!

      Elimina
    2. Mai tenuto a cavallo sulle spalle una bambina che si soffia il naso nei tuoi capelli?

      Elimina
    3. A cavallo no, ma ho i capelli lunghissimi, quindi i miei capelli sono sempre sotto "attacco".
      E cosa c'è più dolce di un bambino che tira su con il naso mentre si accoccola tra le tue braccia?

      Elimina
    4. Un cucciolotto sano che non ti smoccica addosso? A parte scherzi, hai vinto: mia figlia con il nasino che cola mi intenerisce troppo, ovviamente!

      Elimina
    5. Quando stanno bene, di sicuro è meglio (soprattutto per loro, povere creaturine, che si ammalano spesso).

      Lo sapevo! Ahaha! Sono sicura che è una meraviglia!

      Elimina
  4. Titolo: I colori della titubanza

    Batuffoli di morbido rosa tamponano i violenti graffi pervinca delle nuvole. La palla del sole, arancio violento, galleggia stentorea in mezzo all’orizzonte e, come i miei dubbi, non tramonta mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Titolo: I colori della titubanza

      Batuffoli di morbido rosa tamponano i violenti graffi pervinca delle nuvole. La palla del sole, arancia di fuoco, galleggia stentorea in mezzo all’orizzonte e, come i miei dubbi, non tramonta mai.

      Elimina
    2. Ecco, la seconda versione è quella giusta :-D

      Elimina
    3. Perfetto, allora tengo la seconda! Grazie mille per la partecipazione!

      Elimina
  5. Titolo: Il giorno del giudizio (prove tecniche)

    Un richiamo stentoreo squarcia le nubi: - Fermatevi!
    E tutti rimangono immobili, chi un istante, chi molto più a lungo. Poi lentamente il cielo si chiude e la vita riprendere a scorrere più di prima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un evento importante! Le prove sono sicuramente necessarie!

      Grazie per il racconto!

      Elimina
  6. Buck

    Stentoreo risuonò quel richiamo privo di voce, quella vita antica che scorreva nelle sue vene. Andò, senza più tornare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, "il richiamo della foresta"!

      Grazie per la partecipazione!

      Elimina
  7. Arabesco gotico

    Talvolta accade che io, nel visitare un cimitero, mi soffermi a leggere gli epitaffi sulle lapidi. E capita allora, in quei momenti, che la mia voce si levi alta e stentorea nel silenzio di pietra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow! Bello! Una lettura ad alta voce in singolare ambientazione!

      Grazie per il racconto!

      Elimina
  8. Mio padre

    Era un vecchio burbero dai modi imperiosi, eppure quel giorno furono i suoi occhi lucidi colmi d'orgoglio a parlare per lui, più che la sua stentorea voce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche i più burberi hanno un cuore tenero, a volte. Per esempio il nonno di Heidi!

      Grazie per il racconto.

      Elimina
  9. Titolo: Vertigo

    Acqua sulle mani. Vento che soffia negli occhi. Narici affogate. Un sussurro strozzato. Una voce stentorea che stenta ad urlare. E quella luce. E poi cado. Precipito. Ora. Non resta. Che il nulla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon uso della sintassi spezzata.
      Grazie per la partecipazione.

      Elimina
  10. Non é mai troppo tardi.
    Altezzoso, lucrava sui sentimenti altrui, contando sul suo fare stentoreo ed impassibile. Ma incrociò una dolce bellezza, e si sciolse in tutta la sua umana debolezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è sempre qualcosa che fa capitombolare anche il soggetto più impassibile!

      Grazie per il racconto!

      Elimina
  11. Ora
    Stentoreo anche l' eco! "Più nulla resta da dirsi. Quel che c'era è ora disperso nell' oceano, che' il mare non sarebbe mai bastato". Sono sola sulla riva a guardare l' orizzonte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto poetico!
      Grazie per la partecipazione!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...