venerdì 3 ottobre 2014

Stentoreo: la parola di ottobre 2014

Oggi è il 3 del mese e torna, ormai immancabile, l'appuntamento con la rubrica Una parola al mese. Nel 2014, a gennaio ci siamo occupati di favella, a febbraio di aleatorio, a marzo di baluginare, ad aprile di impaludare, a maggio di bigio, a giugno di procrastinare, a luglio di trasecolare, ad agosto di pedissequo, a settembre di arzigogolato… ora è tempo di stentoreo!

Questa parola è stata scelta dal vincitore del concorso di racconti di 200 caratteri con la parola arzigogolato, Spartaco Mencaroni con la seguente motivazione:
Mi piace il fatto che derivi dal nome di un personaggio epico.

Nel post di oggi scopriremo tantissime cose su questa parola (anche se un piccolo indizio è già nella motivazione di Spartaco!)… siete pronti?

Etimologia della parola
La parola stentoreo deriva dal latino stentoreus che a sua volta viene dal greco stentor.
La parola è formata a partire da steno che significa risuono.

Questa parola viene dal nome di un eroe greco ed epico araldo Stèntore che al tempo della guerra troiana aveva una voce particolarmente forte e altisonante. Egli è infatti ricordato per la sua voce poderosa quanto quella di 50 uomini insieme (e quindi percepibile anche a grande distanza e da un pubblico vasto) divenuta poi proverbiale (es. avere una voce stentorea).

Non è un personaggio molto importante: fa solo una comparsa nell'Iliade, dove il suo epiteto è voce di bronzo che pareva quella di una tromba.
Nell'Iliade di Omero, la dea Era, per sostenere gli Achei demoralizzati dalla perdita di Achille che ha smesso di combattere con loro perché arrabbiato con Agamennone, assume le sembianze dello squillante Stentore e li arringa dicendo che sono viole mammole per provocarne l'orgoglio.  
 La mitologia narra anche che questo araldo ha la peggio durante una sfida vocale con il dio Ermes e muore.

Da ciò deriva il significato di voce forte, poderosa.

La parola stentoreo dovrebbe essere attestata dal XIX secolo (1819, per l'esattezza, secondo alcune fonti).

Definizione
  • Riferito a voce possente, vigorosa, reboante, potente, forte, risonante.
Può essere stentoreo un discorso ispirato, una predica…

Per estensione, quando l'aggettivo è accostato al canto a volte può alludere non solo alla potenza ma anche a un certo calore e timbro vocale.

Pronuncia, forme, eventuali derivati
La parola stentoreo si pronuncia con l’accento tonico sulla prima o da pronunciarsi aperta  [sten-tò-re-o].

Si tratta  di un aggettivo. Oltre alla forma maschile singolare, esistono la forma plurale stentorei e le forme femminili singolare e plurale, stentorea e  stentoree.

Da questa parola deriva anche l'avverbio stentoreamente, che significa con voce stentorea.

Fate però ben attenzione, questa parola non ha nulla a che fare con stento (sostantivo maschile) che significa fatica, difficoltà (es. fare qualcosa a stento, quindi a fatica) e, al plurale, sofferenze, privazioni).

Frasi d’autore
Più che in citazioni, questa parola si trova spesso come aggiunta ai dialoghi o nelle indicazioni di scena, per descrivere come deve parlare un attore.

Vediamo come è stata trascritta, per esempio, una celebre scena de Il signore degli anelli - La compagnia dell'anello.
Gandalf [Rivolto al Balrog]: Tu non puoi passare! Sono un servitore del fuoco segreto e reggo la fiamma di Anor! Il fuoco oscuro non ti servirà a nulla, fiamma di Udun! Ritorna nell'ombra! [Ancora più stentoreo, battendo il bastone a terra:] Tu non puoi passare!
Il signore degli anelli - La compagnia dell'anello (film)


Insomma, niente frasi particolarmente illuminati, almeno nelle mie ricerche, ma solo indicazioni come queste, quindi non vi annoio. Ma, se ne avete altre voi, vi aspetto!

Qualche esempio
Ora inserisco qualche breve frase scritta da me con la parola stentoreo.

  • Stentoreo risuonò il grido di battaglia.
  • Il cantante, stentoreo, non sbagliava una nota, nonostante la difficoltà della canzone.
  • Era un pianto così stentoreo da essere udito anche dall'altro lato della palazzina.


Un racconto di 200 caratteri
E ora un mio racconto in meno di 200 caratteri con la parola stentoreo.

Sul palco
Appena sale sul palco, stentorea, proclama la sua parte senza esitazione alcuna. Dove tutti hanno paura, lei smette di averne, perché ove gli altri indossano una maschera, lei cessa di portare la sua.

Finché non ci sono tornata poco tempo fa, nemmeno mi ricordavo quanto mi mancasse…

I sinonimi non esistono
Alcuni possibili sinonimi di stentoreo secondo alcuni dizionari sono tonante, reboante…
Se tonante e reboante tra loro sono in rima, stentoreo afferma lo stesso concetto con suoni completamente diversi. Inoltre c'è tutta la faccenda dell'araldo Stentore che è molto interessante.
Anche i significati non sono esattamente coincidenti.

Scopo dell’iniziativa
E ora… clausole! Vi immaginate la voce da foglietto illustrativo nelle pubblicità, vero?

Io mi impegno a usare questa parola in almeno un post durante il mese.
In tali post evidenzierò in modo evidente la parola stentoreo, inserirò questa immagine e questa dicitura (con il link a questo post):



Questo post partecipa all’iniziativa Una parola al mese. La parola di ottobre 2014 è stentoreo (al link maggiori informazioni).





Chi vuole partecipare all’iniziativa deve segnalarmi in un commento il post (o i post) in cui ha utilizzato la parola (sono validi tutti i post fino al 31/10/2014 compreso). Volendo potete anche inserire l’immagine di questo post e il link, ma non è indispensabile: l’importante è che la parola rimbalzi di blog in blog il più possibile. Maggiori informazioni le trovate nel post che introduce la rubrica Una parola al mese (lì c'è anche l'elenco completo delle parole che ho adottato).

Nella barra laterale del blog, per il mese di ottobre, ho già inserito la nuova immagine per accedere direttamente a questo post, così che possiate trovarlo con facilità.

Il concorso
Come ogni mese, parallelamente all'iniziativa, parte il concorso per racconti di massimo 200 caratteri contenenti la parola stentoreo.
Aprirò il post dedicato al concorso domani (quindi non mettete i racconti nei commenti qui sotto, per favore) e avrete tempo fino al 22 ottobre. Il racconto deve essere lasciato come utente anonimo e non firmato, così non mi accuserete di fare preferenze. Poi il 23 decreterò il vincitore che potrà scegliere la parola di novembre o tra un mio elenco di dieci parole o proponendone lui direttamente purché rispettino le poche regole spiegate nel post introduttivo. A quel punto ognuno potrà dire quale era il suo racconto, così aggiungerò i vostri nomi nel post.

E non dimenticatevi che il torneo continua! Domani vi presenterò la situazione aggiornata dei punteggi.

Il mio stentoreo discorso è finito, spero siate rimasti fino alla fine! Ahah!

E ora un ringraziamento a chi ha partecipato per salvare arzigogolato:  

 Nel post dedicato ad arzigogolato trovate le frasi tratte dai post qui citati che contengono la parola arzigogolato. Io ho usato la parola nei post:

Il concorso per i racconti questo mese ha visto un buon numero di racconti presentati (i primi tre racconti sono stati segnalati).

Grazie a tutti per la partecipazione! Siete lo sprone a continuare questa mezza follia. Ah!


Elenco sempre aggiornato dei post partecipanti all’iniziativa 


[...] no, Romina Tamerici non è per fare uno stentoreo riferimento alla parola del mese scorso: è che a furia di partecipare, ho imparato! [...]


[...] Un attore può anche immedesimarsi alla perfezione nel personaggio e parlare con voce stentorea, ma la presenza fisica è la prima cosa che uno spettatore noterà. [...]

[...] Ma sono partita un po' sottotono, vero? Invece per l'occasione serve un annuncio stentoreo! [...]


[...] Due parole sono più che sufficienti siccome le sento urlare stentoree il loro senso: mediocrità e fallimento. [...]

[...] Ahah, sto per partire per una stramba avventura e, alla fine, ho deciso di darvene stentoreo annuncio! [...]

Lo posso dire stentoreo: anche se non ho un blog mio, per la seconda volta mi è stato assegnato il Liebster Award! [...] 


[...] Con il mio solito tono di voce stentoreo annuncio che "riceviamo e volentieri pubblichiamo". [...]



Hanno parlato di questo articolo:




12 commenti:

  1. Se tu mi avessi chiesto che cosa significa tale parola e fossimo stati in una classe, io avrei alzato la mano, avrei allungato il braccio a dismisura urlando: "La so, la so."
    E poi avrei raccontato tutta la storia di tale parola
    Magari gli altri mi avrebbero guardato come per dire: "La solita secchiona." oppure "Ma parla ancora questa?"
    XDDD
    A parte gli scherzi, la so.

    P.S.: Per quelle parole che si trovano in quel link che ti avevo mandato, basta tradurle ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', delle parole di cui ho parlato in questa rubrica alcune mi erano note e altre no. Sono felice che questa sia per te conosciuta (anche io la conoscevo).

      P.S. Link? Ehm... mi deve essere sfuggito qualcosa, ma ho una valanga di mail e commenti a cui rispondere. Prima o poi lo troverò, spero.

      Elimina
    2. questo link: http://www.pinterest.com/source/other-wordly.tumblr.com/

      avevi commentato dicendo se esisteva anche la versione in italiano. e io ti ho risposto che molte si possono tradurre dall'inglese. Altre invece sono intraducibili.
      Scusa se non ho specificato

      Elimina
    3. Ah, ora ho capito! No, scusa tu... ho troppe cose per la testa! Grazie!

      Elimina
  2. Una parole che usava molto spesso la mia maestra delle elementari. "Parlate a voce alta e stentorea!" ci diceva per scuoterci dalla timidezza....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se io la userò con i bimbi di oggi... ormai il vero problema è farli stare tranquilli: sono pochi quelli timidi! Ahaha!

      Elimina
  3. Questa è anche facile da usare nel contesto del mio blog! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, direi che posso aspettarmi un post da te. Grazie!

      Elimina
  4. Questo lo userò sicuramente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! Aspetto il tuo link, allora!

      Elimina
  5. Eccomi :)
    Il link è questo: http://it-drama-queen.blogspot.it/2014/10/perche-usare-il-corpo-e-cosi-difficile.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ooohhh, grazie! Anch'io ho usato la parola del mese nel post di oggi e il tema di cui parli è stato nei miei pensieri in questi giorni più che mai... ora te lo spiego nel commento sul tuo blog.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...