venerdì 6 febbraio 2015

Giaculatoria: concorso per racconti di 200 caratteri

Come vi ho annunciato qualche giorno fa nel post della rubrica Una parola al mese dedicato alla parola di febbraio che è giaculatoria, apro questo post in cui potete postare i vostri racconti di massimo 200 caratteri contenenti la parola del mese.


Il mio, apparso nel post di pochi giorni fa, è questo:

Giaculatoria inascoltata
La vecchietta sul tram ripeteva fastidiosamente una giaculatoria sui tempi andati a due giovani disinteressati.


Vi ricordo di postare i vostri racconti in modo anonimo ed entro il 22 febbraio, poi il 24 ci sarà un post con il vincitore che avrà il diritto di scegliere la parola di gennaio tra quelle di un mio elenco o di proporne un’altra con certe caratteristiche.

Come sapete, quest'anno ci sono due tornei, quindi ora vi presento le due classifiche, aggiornate a fine gennaio.

Punteggi del torneo Racconti
  • Seme Nero: 5
  • Spartaco Mencaroni: 3
  • Michele Scarparo: 1


Punteggi del torneo Sostenitori di Una parola al mese
  • Maria Todesco: 4
  • Elisa Elena Carollo: 3
  • Michele Scarparo: 1
  • Salomon Xeno: 1
  • Seme Nero: 1
  • Spartaco Mencaroni: 1


Vi ricordo che per questo torneo si guadagnano tre punti per un post (sei in caso di due post) e uno se si partecipa al concorso del mese. Se qualcosa non vi torna, segnalatemelo, perché fatico a tenere i conti, ultimamente.

Date un’occhiata al post su giaculatoria e, se vi va, sostenete l’iniziativa con un raccontino! E vi ricordo che potete scrivere anche un post con questa parola e segnalarlo per aderire.
I vincitori del concorso avranno punti per il Torneo Racconti, mentre tutti avranno punti per il Torneo Sostenitori di Una parola al mese (un punto per chi invia almeno un racconto e 3 o 6 per chi scrive post dedicati, tutte le clausole nel post su giaculatoria).

La mia giaculatoria sarà una soltanto:
Partecipate numerosi!
Partecipate numerosi!
Partecipate numerosi!



Racconti partecipanti al concorso

Shoah
Al cielo ottuso, che lusingavamo di giaculatorie, salgono solo disperate maledizioni; si avventano rabbiose, per frantumarsi sulle nubi porpora, oltre le quali lui è già morto e non ci sente.

Tristi giorni
Ho cantato solenni giaculatorie innumerevoli, convinto di cambiare questo squallido mondo. Ma non s’è aggiunto un solo secondo felice ai tristi miei giorni.

Un brutto vizio
“Elena, tesoro mio!”
L'aveva rifatto. Stette in silenzio, il tempo che si accorgesse dell'errore. Lo stronzo stava continuando con la sua giaculatoria di scuse mentre Erica terminava la chiamata.

Sandra
Lui voleva solo leggersi la “Gazza”.
Lei era stufa, non ce la faceva più. Sempre da soli. Lui e lei, lei e lui.
Poi, come ogni sera, partiva la giaculatoria: “Che noia che barba, che barba che noia...”

14 settembre 1492
Il capitano fissò le vele flaccide, sputò sul ponte e scese sottocoperta, bofonchiando la sua giaculatoria al fato avverso. La Santa Maria ondeggiava sul pelo dell'oceano come un tappo di sughero.

Davide e Golia
Una giaculatoria di imprecazioni seguì il colosso che si allontanava barcollando, con la mano sulla fronte sanguinante. “Così non vale, piccolo vigliacco!” gridò, prima di stramazzare al suolo.

Ascoltaci!
Le giaculatorie non hanno memoria e non lasciano traccia, solo una scia invisibile di speranze vane; pochi sanno che ricadono sulla terra, come pioggia, quando il cielo non le ascolta e le rimpiange.

Invocazione
Giaculatoria rivolgo agli Oscuri,
gli dèi che graziano i cuori impuri.




Hanno parlato di questo articolo:


16 commenti:

  1. Shoah

    Al cielo ottuso, che lusingavamo di giaculatorie, salgono solo disperate maledizioni; si avventano rabbiose, per frantumarsi sulle nubi porpora, oltre le quali lui è già morto e non ci sente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tematica forte, parole dense...
      Per non dimenticare, visto che la giornata della memoria è stata il 27 gennaio.
      Grazie per aver inaugurato il concorso!

      Elimina
  2. Tristi giorni

    Ho cantato solenni giaculatorie innumerevoli, convinto di cambiare questo squallido mondo. Ma non s’è aggiunto un solo secondo felice ai tristi miei giorni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Triste... tanto triste... si spera sempre in nuovi giorni migliori.

      Grazie per il racconto!

      Elimina
  3. Un brutto vizio

    “Elena, tesoro mio!”
    L'aveva rifatto. Stette in silenzio, il tempo che si accorgesse dell'errore. Lo stronzo stava continuando con la sua giaculatoria di scuse mentre Erica terminava la chiamata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Gli uomini non cambiano" diceva Mia Martini...

      Grazie per la partecipazione!

      Elimina
  4. Sandra

    Lui voleva solo leggersi la “Gazza”.
    Lei era stufa, non ce la faceva più. Sempre da soli. Lui e lei, lei e lui.
    Poi, come ogni sera, partiva la giaculatoria: “Che noia che barba, che barba che noia...”

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le scene "Che noia che barba, che barba che noia" hanno segnato un po' la mia infanzia a livello televisivo. Quanto si sente la mancanza di quella coppia storica!

      Grazie per il racconto!

      Elimina
  5. 14 settembre 1492

    Il capitano fissò le vele flaccide, sputò sul ponte e scese sottocoperta, bofonchiando la sua giaculatoria al fato avverso. La Santa Maria ondeggiava sul pelo dell'oceano come un tappo di sughero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, la dura vita della gente di mare... ahah!

      Grazie per il racconto!

      Elimina
  6. Davide e Golia

    Una giaculatoria di imprecazioni seguì il colosso che si allontanava barcollando, con la mano sulla fronte sanguinante. “Così non vale, piccolo vigliacco!” gridò, prima di stramazzare al suolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I piccoletti sanno sempre come farsi valere!
      Grazie per la partecipazione!

      Elimina
  7. Ascoltaci!

    Le giaculatorie non hanno memoria e non lasciano traccia, solo una scia invisibile di speranze vane; pochi sanno che ricadono sulla terra, come pioggia, quando il cielo non le ascolta e le rimpiange.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse è più un aforisma che un racconto, però mi è piaciuto moltissimo.
      Grazie per la partecipazione!

      Elimina
  8. Invocazione

    Giaculatoria rivolgo agli Oscuri,
    gli dèi che graziano i cuori impuri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brevissimo ma efficace!
      Grazie per la partecipazione!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...