mercoledì 19 agosto 2015

Giornata mondiale della fotografia: riflessioni su una fontana... e non solo

Oggi è la giornata mondiale della fotografia.

L'ho scoperto solo ieri, quindi non ho fatto in tempo a preparare qualcosa di specifico, ma ci tenevo comunque a scrivere due righe visto che la fotografia sta entrando in questo periodo tra le tematiche affrontate nel blog (anche se solo in maniera trasversale).


Io sto continuando a studiacchiare  qua e là e soprattutto dai due (sì, era uno l'ultima volta che vi ho aggiornato) libri di Freeman. Mi sto appassionando sempre di più e mi accorgo ogni giorno che passa che ho tantissimo da imparare. Ho qualche fotografia già selezionata e da proporre presto sulla pagina Un istante per sempre che vi invito ad andare a vedere e supportare, se vi piace, con qualche condivisione. Inoltre durante le vacanze ho scattato più di mille fotografie e sono abbastanza convinta di trovarne un paio di decenti da proporvi (sì, la mia innata propensione all'autocritica si spinge anche nel territorio della fotografia, ma voglio diventare sempre più brava, quindi continuerò a essere molto selettiva con gli scatti che vi propongo).

Studiando un pochino l'argomento il mio modo di scattare fotografie è cambiato completamente, facendosi più attento (che è un bene) e più lento (che è un male per chi mi deve sopportare). Prima scattavo una foto per ricordarmi di un posto o fissare un istante della mia vita. Ora in genere scatto sempre più di una foto  a ogni cosa  (questa mattina ne ho fatte una decina a un paio di fiori in un vaso sul tavole, per dire). Cerco l'angolazione migliore, faccio esperimenti con la luce, le ombre, le prospettive… sempre con un occhio di riguardo per la composizione e l'inquadratura.

Sto inoltre sviluppando una passione smodata per le fontane nelle piazze. Prima fotografo una fontana normalmente (modalità turista, diciamo), poi le giro attorno per cercare la prospettiva migliore, poi mi concentro sui dettagli e le statue che la decorano, poi sugli zampilli d'acqua, poi gioco con l'inquadratura per creare effetti particolari e, infine, se trovo un punto di osservazione adeguato faccio uno scatto anche dall'alto. Il risultato è che a volte ho più di dieci foto di una singola fontana (ora vi sarà chiaro come ne ho scattate mille in meno di due settimane).
Vi faccio un esempio più concreto: in una piazza di Loreto c'è una bellissima fontana, oggi vi ripropongo qui uno degli scatti che le ho fatto. Trascurando quelli banali, ho analizzato gli altri e ne ho trovati tre che potessero essere significativi. Uno inquadrava mezza fontana e parte della basilica della Santa Casa (forse questo un giorno ve lo proporrò), un altro era molto simile a quella che vi mostro oggi, ma riusciva a mettere nella stessa inquadratura anche l'orologio della basilica (l'idea mi piaceva tanto, però questo ha portato la statua in primo piano a confondersi con altre statue della fontana, rendendola meno forte a livello visivo). Anche se con il senno di poi (oggi, a chilometri e chilometri di distanza) forse era possibile risolvere i problemi tecnici della foto precedente e renderla di grande impatto
Alla fine ho scelto questo scatto, in cui si vede solo un dettaglio della fontana. Lo sfondo fa però percepire che si inserisce in un qualcosa di più grande e che attorno ci sono edifici storici (anche se è impossibile desumere quali). Tutta l'immagine è incentrata su questa statua di figura umana e sul suo movimento, mentre la luce del sole sembra enfatizzare ulteriormente la tensione dei muscoli nello sforzo del gesto.



Insomma, non è lo scatto perfetto, però ha la sua forza e, visto che sto delirando da mezzora sulle fontane, almeno una foto ve la dovevo pur mettere, no?
Che cosa ne pensate?

Mi rendo conto che questo post parla poco di fotografia in sé e molto di me, ma ho pensato che fosse comunque un modo per rendere omaggio a questa grandiosa arte nella giornata che le è dedicata, pur essendo solo un'umile fotografa (ma con che coraggio! Diciamo che scatto foto, che è meglio!).

Inoltre sappiate che i consigli che mi avete dato per Istantanee di poesia mi sono piaciuti tantissimo e ho cercato i testi e sto aspettando occasioni adatte per degli scatti a tema per poi registrare i testi e realizzare i video. Vi ringrazio molto per gli spunti e, ovviamente, sono sempre ben accetti.


Buona fotografia a tutti! 



P.S. Ed ecco la foto caricata anche sulla pagina:


Titolo: "Movimento immobile" // "Motionless movement"Luogo: Loreto (AN) Data: 04/08/2015Scattate con: Canon PowerShot...
Posted by Un istante, per sempre - Romina Tamerici on Mercoledì 19 agosto 2015



Hanno parlato di questo articolo:

17 commenti:

  1. Io nonn faccio testo, Romina. Faccio le foto col cellulare e come vengono vengono. Non sono proprio capace!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È tutta questione di esercizio e studio, Pat! Come ogni cosa!

      Elimina
    2. E di avere la macchina fotografica... :))) Tanto tu hai il cellulare vero? e nonla sbolognano. ahhahaahha
      ma chi se ne frega! Preferisco scrivere anche se a volte qualche foto la faccio.

      Elimina
    3. Pensa che io non ho nemmeno una macchina fotografica del tutto funzionante, al momento! Ci si impegna con quel che si ha, dai!

      Elimina
    4. Alora siamo in due.... :))))

      Elimina
  2. Con questa scelta forse valorizzi anche molto di più il lavoro lo scultore! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti, il grosso del lavoro l'ha fatto lui, però, sì, questo scatto valorizza molto le forme. O almeno io ci ho provato.

      Elimina
  3. Brava, mi piace molto la fotografia, è una vera e propria arte.

    RispondiElimina
  4. Eccola, quindi, la famosa foto dal punto di vista del pesce! Direi che è riuscita bene.
    Ma tu non riempirmi la testa con queste idee: devo andare in vacanza con una povera anima innocente che non si merita di dovermi aspettare per mezz'ora ad ogni monumento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te ne avevo parlato? Sai che non so se mi riferivo a questa foto? Però probabilmente sì... Avendone fatte un bel po', ho dei dubbi.
      Le povere anime innocenti devono sopportare in nome dell'arte: nel mio caso si poteva corrompere con un tagliere di salumi, nel tuo non so! Ahaha!

      Elimina
    2. Era nelle Marche e c'era un pesce, quindi penso sia questa... Quanti pesci hai fotografato? O.O
      Ottima l'idea della corruzione... ora devo solo trovare il mezzo!

      Elimina
    3. Non saprei, ma anche di questo pesce ne ho ben più d'una! Ahahah!
      Si dice che tutti hanno un prezzo, basta trovarlo!

      Elimina
  5. Forse mettendo fuori fuoco lo sfondo....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella idea, TOM! Probabilmente la foto sarebbe stata molto più incisiva! Grazie per il suggerimento.

      Elimina
  6. Io mi considero un fotografo di strada. Molte delle mie foto sono scattate col telefonino, pratico e sempre con me. La foto della fontana comunque è molto potente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io le faccio con il cellulare, a volte.
      Grazie per il commento!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...