sabato 15 agosto 2015

"Le avventure di Peter Pan" di James M. Barrie - Un libro in due #4

Buon Ferragosto, gente!
O buona festa dell'assunzione di Maria!
Se pensavate che il blog si prendesse una vacanza almeno oggi, vi sbagliate! Oggi è l'atteso giorno d'uscita del quarto video della rubrica Un libro in due, cioè di quella dedicata alle video recensioni a due voci che Salomon Xeno (blogger di Argonauta Xeno prima e de Il pozzo e lo straniero poi) e io registriamo per regalarvi qualche minuto spensierato con la nostra sit-com libresca.

Questa volta abbiamo deciso di leggere Le avventure di Peter Pan (una raccolta comprendente Peter Pan nei giardini di Kensington e Peter e Wendy) di James M. Barrie.


Il video è un po' lungo, anche perché abbiamo fatto qualche esperimento nuovo, però speriamo di regalarvi qualche risata! Non si parla solo del libro, ovviamente, perché abbiamo esplorato il tema Peter Pan in vari modi (dalle serie televisive ai cartoni animati) e vi facciamo anche una rivelazione sconcertante su come nascono i bambini (no, non potete proprio perdervela).

Questa volta non solo non parlo in dizione, ma parlo lentamente… ah, la stanchezza! Almeno magari per una volta non sembro una di quelle fastidiose vocette che spiegano le controindicazioni dei medicinali! Salomon, invece, vi delizia con un discorso sulla figura di Capitan Uncino, che cambierà il vostro modo di pensare questo personaggio.

Il libro gli è piaciuto, io l'ho trovato un po' noioso (ma nel video vi spiego perché) e ovviamente ho trovato qualche buco logico di cui lamentarmi.

Ma non voglio dirvi altro. Buona visione!




P.S. Vi rimando poi al post di Salomon per ulteriori informazioni e il suo punto di vista.


Precedenti video recensioni:
  1. Uno scontro accidentale sulla strada per andare a scuola può portare a un bacio? di Shintaro Kago
  2. Amy Foster di Joseph Conrad
  3. La principessa sposa di William Goldman


16 commenti:

  1. Direi che questo è il libro più nelle mie corde tra quelli recensiti finora. Purtroppo sia "Peter e Wendy" che "I giardini di Kensington" li ho scoperto solo molto dopo l'infanzia nell'edizione integrale.
    Alcuni decenni fa, a Lucca comics, sono stato anche a un passo dall'acquistare la prima edizione originale inglese. Solo che all'ultimo non ho osato tirar fuori dalle tasche 1.300.000 lire - cioè tutto il mio stipendio mensile di allora.
    Bravi in ogni caso. I venti minuti stavolta son volati...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un intero stipendio è tantissimo in effetti! Forse hai fatto bene.
      Ma quest'anno ci vieni a Lucca? Io mi sto organizzando...
      Grazie per aver visto il video!

      Elimina
    2. Ti dirò... l'idea di tornare a Lucca comics dopo quindici anni non mi attrae. Ma mai dire mai. Diciamo che per il momento non rientra nei miei programmi.

      Elimina
    3. Ma quindici anni fa non c'era qualcosa che potrebbe esserci quest'anno: Romina Tamerici che fa la cosplayer! Ahaha!

      Elimina
    4. luchiastro17/08/15, 07:59

      Stupenda l'idea del cosplay. Quando ci sarà il Lucca comics?

      Elimina
    5. @Ivano: Dai, al più, se eviti il Lucca Comics, magari ci si becca nei dintorni. Penso di stare in Toscana un paio di giorni. Però, a quel punto, niente cosplayer! Ahah!

      @luchiastro: Inizio novembre.

      Elimina
    6. @Ivano: Una simile tentazione è venuta anche a me, quando ricevetti il primo stipendio. Però è durata poco. Forse puoi farci un pensierino adesso, non penso che sia variato molto il suo valore.

      Elimina
    7. Ah, le tentazioni libresche!

      Elimina
    8. @Salomon
      In compenso è variata, in peggio, l'entità del mio stipendio... ahahahah

      Elimina
  2. Quando ho visto il titolo del video ho avuto due reazioni:
    1) Oh, finalmente un libro che ho letto!
    2) Ma io avevo il libro di Peter Pan a Padova... però adesso dov'è? Non posso averlo perso durante il trasloco! Panico.
    Comunque alla fine era nella libreria del salotto perché nella mia non ci sta più niente, quindi emergenza risolta.

    A me è piaciuto molto come libro e mi è piaciuta anche la parte che è quasi uguale al film Disney, perché mi è piaciuto notare le differenze.
    Il finale, invece, non tanto. Insomma, è triste... Preferisco anch'io quello di Hook.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1. Evviva!
      2. Ho letto tutta la vicenda con il fiato sospeso! Lieta che l'emergenza si sia risolta.

      Anche a me è piaciuto analizzare un po' le differenze. Ultimamente però mi rendo conto di essere diventata fin troppo esigente quando leggo.

      Elimina
    2. @Romina: Sì.

      @Elisa: Ahah, sono contento che sia riuscita a trovarlo. A questo punto rivedrò anche io il film Disney, visto che qui se lo ricordano tutti tranne me...

      Elimina
    3. Come sarebbe a dire "sì"?! Ahahah!

      Elimina
  3. Quando si parla di Peter Pan succede solo a me di pensare al concept che fece Edoardo Bennato?
    P.S.: davvero crudele dire che c'è un micio senza mostrarlo alla webcam....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, è venuto in mente anche a noi! Una delle alternative che abbiamo considerato per l'inizio era una di quelle canzoni, poi abbiamo optato per il teatro!

      P.S. Nel terzo video si vedeva... questa volta dormiva e non abbiamo avuto cuore di svegliarlo, perché non siamo così crudeli come dici tu!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...