giovedì 21 aprile 2016

Salve (contesto d'uso)

Salve: per non far sbagliare i nostri personaggi e per non sbagliare noi.

 Nella rubrica Errori da evitare ogni tanto mi piace parlare anche di errori che commetto io e questo post è uno di quelli.
Recentemente ho scoperto di commettere molto spesso un errore e quindi ho deciso di documentarmi e parlarne anche a voi. Magari non sono l'unica a sbagliare, no?


Partiamo con un esempio…
Tutto è cominciato così:
«Buongiorno, scusi se la disturbo».
«Salve, non si preoccupi, professor X, mi dica».

Una telefonata dai toni formali, basata su professionalità, rispetto e uso del lei.
Bene, io ancora non lo sapevo ma stavo commettendo un errore, un errore che avevo già commesso molte volte e che, tuttora, fatico a non commettere.
L'errore è nella parola salve. Non è un errore ortografico, ovviamente, ma di contesto e d'uso, perché io ho sempre considerato questo saluto come un saluto formale, invece non lo è.

L'origine della parola salve e il contesto d'uso
La parola salve deriva infatti dal verbo latino salvere, cioè  essere in buona salute e significa salute a te. Già da questo si può cogliere che il saluto è informale (in quanto rivolto a una seconda persona singolare e non a una terza). Spesso viene usato come forma intermedia tra le più formali e quelle più colloquiali, perché in italiano manca una gamma semantica per saluti di questo tipo o anche perché si è in contesti in cui non si sa quale registro tenere. Sembra un saluto che va bene sempre, ma così facendo rischia di impedire l'utilizzo di forme più varie e appropriate.

È bene dunque sapere che salve non è un saluto formale e quindi non andrebbe usato in contesti che richiedono un ampio grado di formalità, con i superiori o con figure istituzionali.

Io ho sbagliato spesso e spero di farlo sempre meno. Per chi scrive è importante sapere queste cose anche per non far commettere questi errori ai suoi personaggi che potrebbero risultare fuori contesto esprimendosi in modo inadeguato. Quindi, non importa che si tratti di voi o del vostro personaggio, fate sempre attenzione al contesto e al grado di formalità.

E voi?
Sono davvero molto felice che mi sia stato fatto notare questo errore, perché mi piace imparare cose nuove e non commettere più gli stessi errori. Della questione si è occupata anche l'Accademia della Crusca, se vi va di approfondire.

Ma ora sono curiosa: voi lo sapevate già o vi è capitato di incappare nella stessa gaffe




Questo post è stato segnalato da Ariano Geta del blog omonimo per La blogosfera condivide - aprile 2016 con la seguente motivazione: perché è importante saper usare in modo corretto un saluto spesso rivolto impropriamente.  




Hanno parlato di questo articolo:

6 commenti:

  1. Credo che più o meno tutti utilizzo Salve! come una via di mezzo tra il formale e l'informale, una specie di compromesso tra Ciao! e Buongiorno!.
    Personalmente, se voglio essere formale ma non troppo preferisco esordire con Buondì!, facendo seguire il saluto dal cognome del mio interlocutore. Mi sono sempre trovato bene tranne quella volta che ho incontrato un cliente che di cognome faceva Motta. Mi sono reso conto della gaffe un secondo dopo aver pronunciato l'impronunciabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se riuscirei a dire "Buondì" perché mi vengono subito in mente le merendine!
      La Tua gaffe è praticamente una barzelletta, ma poteva capitare a tutti!

      Elimina
  2. Non lo uso quasi mai, però istintivamente ho azzeccato nel senso che in genere l'ho utilizzato - quelle poche volte - in contesti informali con diverse persone da salutare tutte assieme (per capirci, lo uso solo per un generalizzato "salve a tutti").

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissimo, allora! Mi sa che sono solo io che facevo gaffe! Ahah!

      Elimina
  3. Renato Ghezzi25/04/16, 11:51

    Ho sempre usato Salve come un grado intermedio tra Buongiorno e Ciao. Forse non ho sbagliato di molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo commento era finito nello spam, non so perché! Comunque sì, non sbagli di molto!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...