giovedì 16 novembre 2017

1000 e non più 1000 (?) - 1000° post


Con i ritmi di un tempo, questo post sarebbe uscito mesi e mesi fa, ma, come si dice dalle mie parti, ogni frutto matura alla sua stagione, e quindi il mio blog oggi festeggia il suo millesimo post. È un traguardo che mi fa molto più effetto di quello dei sei anni, festeggiato a luglio, perché l'età avanza per tutte le cose, ma i post non si scrivono da soli. In sei anni ci sono stati momenti di grande scrittura e altri di stasi ma questi mille post sono segno di un impegno oggettivo e quantificabile. Per mille volte mi sono messa alla tastiera per scrivere qualcosa e, soprattutto, comunicare qualcosa. A volte ho scritto post serissimi, qualche volta persino con un intento sociale. Spesso ho cercato di incuriosire o insegnare qualcosa e, di tanto in tanto, ho anche fatto cose divertenti o leggere. Vi ho parlato un po' di me, della mia scrittura e di come la mia vita lavorativa e non solo è cambiata nel tempo. E l'ho fatto per mille volte.
Ho pensato moltissimo a cosa fare per questo millesimo post e le idee che mi sono venute sono tantissime (alcune probabilmente irrealizzabili, tra l'altro), ma alla fine l'idea giusta è arrivata da sola, senza nemmeno fare troppo rumore.


Una musica inaspettata
Qualcuno di voi certamente ricorderà il mio video con la lettura di La pioggia del pineto di Gabriele D'Annunzio. Questo qui:



È stato uno dei miei primi video pubblicati sul blog e uno dei pochi con veramente tante visualizzazioni (per i miei standard, ovviamente, visto che sono solo 14.000), tant'è che avevo scritto un post in merito dal titolo Gabriele D'Annunzio batte tutti? Un'ironica riflessioni sulla poesia (e non solo) nel mio canale YouTube

È un video che di tanto in tanto qualcuno commenta su YouTube e che è stato usato per mille cose: da ninnananna ad aiuto per lo studio!

Qualche anno fa è stato scelto anche per fare da sottofondo audio ai quadri di Pietro Tonfoni in questa bella collaborazione!



Ma perché ne torno a parlare? Perché qualche mese fa ho ricevuto un messaggio da un tizio sconosciuto sulla pagina facebook del blog. Un certo Pier Aprile. Ormai sono abituata allo spam o ai tizi che cercano attenzione o a quelli che vogliono solo pubblicizzare qualcosa e cercano uno scambio di like, quindi ho aperto il messaggio senza alcuna aspettativa, ma… mi sono dovuta ricredere in fretta! Questo ragazzo mi ha commossa con le sue parole, relative proprio al video di cui sto parlando e ha fatto una cosa straordinaria. Non solo mi ha fatto i complimenti per la mia lettura, ma mi ha detto che l'ascolto l'aveva così colpito che si era ritrovato quasi senza accorgersene a suonare il piano per farmi da sottofondo. Aveva deciso dunque di scrivermi proprio per mandarmi la registrazione del pezzo che aveva suonato ascoltandomi dicendomi di ascoltarla in contemporanea la mio video. L'effetto era davvero molto bello così gli ho chiesto se potevo usare il suo audio per una nuova versione del video. Poi il tempo è passato (troppi mesi, purtroppo), ma alla fine ho pensato che fosse stato meglio così perché una cosa così particolare meritava un'occasione particolare e quindi era perfetta per questo millesimo post.

Qui di seguito potete ascoltare il mio vecchio video impreziosito dal bellissimo brano suonato da Pier Aprile come sottofondo. Lo ringrazio infinitamente sia per avermi contattata sia per questo bellissimo regalo che ora condivido con voi.
Per scelta non ho modificato il mio vecchio video, limitandomi ad aggiungere la colonna sonora, perché volevo fosse proprio un'unione tra un video passato e un'emozione nuova (anche se forse adesso avrei potuto fare di meglio) anche perché è un video con una lunga storia.
Ecco qui il video:


La musica suonata da Pier Aprile è su ispirazione di Deborah's theme di Ennio Morricone, dal film C'era una volta in America di Sergio Leone.
Spero che vi sia piaciuta quanto è piaciuta a me! E ancora un grazie a Pier, chissà che non ne sentiate parlare ancora per qualche collaborazione qui sul blog (io ci spero!).

Perché fare proprio questo per i mille post?
Forse ora vi starete chiedendo perché ho scelto di fare una cosa del genere per il millesimo post di questo blog. Magari vi aspettavate qualcosa di più eclatante e pensate che io abbia giocato al risparmio, riciclando un vecchio video. Ma non è così. Potevo fare mille cose (mille, che simpatica che sono…), ma alla fine ho pensato che volevo fare qualcosa che rispecchiasse il mio lavoro di questi anni, volevo qualcosa che desse un senso al mio essere ancora qui a postare. Che senso ha bloggare per me e fare video? Io voglio emozionare, voglio che qualcuno si senta toccato dalle mie parole e provi qualcosa. Voglio che impari, che si diverta, che rida o che pianga, non importa cosa, purché non rimanga indifferente e non pensi di aver perso il suo tempo. Ovviamente non tutti i miei mille post hanno raggiunto questi obiettivi; non sempre le mie parole possono toccare il cuore di qualcuno, ma questo video l'ha fatto varie volte in passato e, se continuo a bloggare, lo faccio nella speranza che di tanto in tanto qualche mio contenuto faccia piccoli miracoli come questi. Per questo ho scelto questo video per il post di oggi, perché è un simbolo di ciò che qui voglio fare ed è una molla che ricarica la mia voglia di continuare a realizzare contenuti. E penso che questo sia il regalo più bello che potessi ricevere per questa ricorrenza.

Ma quindi… il titolo?
Dopo tutto quello che vi ho detto, ovviamente, non è mio intento chiudere il blog, come il titolo del post parrebbe suggerire. L'ho scelto e usato in modo ironico, proprio perché tante volte ho pensato di chiudere tutto e mollare e, lo confesso, tra le varie opzioni per questo post c'è stata nella mia testa anche una bella chiusura a effetto. Ma le cose non sono andate così e forse il merito un pochino è anche di un ragazzo che si fatto commuovere da una mia lettura. E un pochino è anche vostro, se state leggendo. Quindi grazie, grazie a tutti. A volte basta davvero poco per trovare una ragione per andare avanti.
  
I post in occasione delle ricorrenze
Dopo aver scritto questo post, sono andata a vedere che cosa avevo combinato per i vari centenari… se siete interessati, vi lascio i link qui sotto!
Ho scoperto una cosa curiosa: ho iniziato a festeggiare le ricorrenze dal 400° post, quindi i primi tre centenari sono di post a caso, ma… guardate il secondo? Coincidenze? Io non credo, ahah!




18 commenti:

  1. Ciao Romina,
    mille auguri allora e mille di questi post!!!
    Video bellissimo e molto suggestivo.
    Un incanto che ti porta lontano...
    Complimenti a te per la tua lettura e a Pier per le sue note.
    Un connubio notevole.
    Un caro saluto
    Gabriele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie davvero, sono felice che ti sia piaciuto!

      Elimina
  2. Cara Romina, è bello sentirti felice, a questi traguardi è difficile arrivarci, congratulazioni cara amica.
    Pensare a 1000 post una cifra enorme! Brava!!!
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come per tutti i grandi traguardi, alla fine ci si arriva semplicemente un passo alla volta. Grazie, Tomaso!

      Elimina
  3. Complimenti e mille e mille di questi post. Il video è molto bello e la tua voce e il sottofondo s’intrecciano in modo armonioso e musicale.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa bella è pensare che sono due registrazioni con cinque anni di differenza e che si sono incontrate per caso. Grazie!

      Elimina
  4. Complimenti per il bellissimo traguardo! Sei una gran bella persona!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Nick! Se lo dici tu, un pochino ci credo.

      Elimina
  5. Mille auguri per mille nuovi post :-)
    E l'idea musicale è ottima, complimenti anche a Pier Aprile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno alla volta, chissà. Intanto uno è già pronto da pubblicare e altri sono in cantiere. Grazie e... riferirò i complimenti anche a Pier!

      Elimina
  6. Ma che bello!!!
    Anche il mio scopo è sempre quello di emozionare, spero di riuscirci come hai fatto tu!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci riesci, ci riesci! Continua così!

      Elimina
  7. Con i video sono pigra, quindi lo vedrò ma non posso assicurarti il quando!xD Intanto complimenti per il traguardo raggiunto e per il lavoro che fai costantemente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio moltissimo, a prescindere dalla visione del video!

      Elimina
  8. Prima di tutto complimenti, perché mille post non sono una bazzecola, io neanche arrivo alla metà!
    La storia del ragazzo è bellissima, direi un chiaro segno che devi proprio continuare, magari con nuovi tempi, ma di certo è uno di quegli eventi che confermano che sei sulla strada giusta se sai regalare emozioni così grandi.
    Anche a me capita ogni tanto di pensare di mollare e poi arriva qualcuno che con le sue parole inaspettate mi fa cambiare idea :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! Sì, nei momenti di sconforto, quando si vuole solo gettare la spugna, cose così sono davvero una ventata di ossigeno e bisogna tenersele strette per i successivi momenti duri. E tu non ti fermare mai, hai del talento!

      Elimina
    2. Oh grazie del complimento ^_^

      Elimina
    3. Ho comprato un tuo libro. Quando riuscirò a leggerlo ti dirò un parere più articolato!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...