domenica 25 settembre 2011

E'?!

E’?! è un errore comune! Molti scrittori lo commettono, sensibilizziamo il mondo a questa “tragedia” di cui nessuno si cura.

Questo post è una mia crociata personale. Perdonate lo sfogo, ma ho letto troppi testi di scrittori e non solo contenenti questo errore, che poi non è nemmeno un errore… è semplicemente una scrittura che non ha alcun senso. Era giustificabile solo quando si utilizzava la macchina da scrivere, dove, per economizzare sul numero di caratteri, non c’erano tasti con la e accentata (è) e tantomeno con la e accentata maiuscola (È), quindi era normale utilizzare la e apostrofata (e’). Bene, perfetto, se scrivete con la macchina da scrivere siete perdonati, altrimenti… vediamo come risolvere il problema.

La maggior parte degli scrittori sa che la terza persona presente del verbo essere si scrive con l’accento (è) e non con l’apostrofo (e’), ma molti si ostinano a utilizzare la forma errata.

La scrittura e’ non è fortunatamente molto comune, ma il problema si amplifica in modo esponenziale a inizio frase, quando diviene necessaria la maiuscola. Molti programmi di video scrittura, parecchie chat e forum, … non sostituiscono automaticamente la lettera maiuscola dopo il punto, così il poveretto che sta scrivendo si ritrova con scritture del tipo:
Non possiamo fermarci. è tempo di andare.
Se per tutte le altre lettere basta, infatti, premere il tasto blocca maiuscole per ottenere la maiuscola rispettiva, ciò non avviene con le lettere accentate sulla tastiera. Molti allora per arginare il problema utilizzano E’. La frase dunque diventa:
Non possiamo fermarci. E’ tempo di andare.
Bene, io personalmente preferisco trovare la e accentata (è) anche se non maiuscola (e a volte nei blog che commento o nelle mail mi capita per la fretta di usarla, lo confesso e me ne pento), ma è solo questione di punti di vista.

Ora, però, voglio svelare dei trucchi che, sfortunatamente, molti non conoscono (chiedo scusa a tutti quelli che riterranno banali le mie parole).

Se volete arginare il problema, potete seguire diverse strade.

Nei programmi di video scrittura (es. Microsoft Word) si può:
·         Evidenziare la è, cliccare con il tasto destro, selezionale “Carattere” e poi cliccare su “Tutto maiuscolo”, in tal modo otterrete È.
·         Evidenziare la è e premere la combinazione di tasti “CTRL + E” (non funziona con tutti i computer, ma è un metodo davvero rapido).
·         Evidenziare la è e cliccare nella scheda “Home” di Word il tasto “Aa”, poi selezionare “TUTTO MAIUSCOLE” (solo nelle nuove versioni di windows).


Se non state scrivendo in un programma come Word e nessuna delle soluzioni sopraindicate funziona, potete:
·         Cambiare la frase, con soluzioni del tipo:
Non possiamo fermarci: è tempo di andare.
Non possiamo fermarci, perché è tempo di andare.
In tal modo, l’iniziale maiuscola non serve più.
·         Scrivere il testo in Word, correggere come spiegato sopra e, poi, copiare il testo dove serve.


Scusate la foga del discorso, ve l’ho detto che questo post era una mia crociata personale, comunque questi consigli sono utilissimi anche quando volete scrivere un testo tutto maiuscolo contenente lettere accentate, per esempio:
L’INVERNO ARRIVERà PIù IN FRETTA DEL PREVISTO.
Scritto così a me mette proprio i brividi (non di freddo, però) mentre con un colpo di “CTRL + E” (o con gli altri metodi) si può ottenere:
L’INVERNO ARRIVERà Più IN FRETTA DEL PREVISTO.
Meglio, no?

Spero di essere stata utile a qualcuno, altrimenti questo post è stato proprio solo uno sfogo personale.

Vi prometto che nel prossimo post della rubrica “Errori da evitare” parlerò di un errore nel senso pieno del termine!

è stato un articolo lungo, non voglio annoiarvi di più…


Aggiornamento del 25/08/2014
Ero convinta di avervene già parlato, poi torno per caso a rileggere il post e... rimedio subito! 
Per scrivere la È potete anche utilizzare la combinazione di tasti alt+0200. Vi basta tenere premuto il tasto alt mentre digitate le quattro cifre (0200) e poi lasciare il tasto alt. Otterrete così la È!

17 commenti:

  1. Ciao Romina!
    Post interessante, grazie di averlo messo, in effetto È irritante quella grafia scorretta! :P

    Un altro paio di modi per ovviare al problema: in Word, dopo aver evidenziato il carattere, fare Shift + F3 e si trasforma tutto in maiuscolo.

    Se no, premere Ctrl + 212 del tastierino numerico et voilà, la maiuscola accentata è servita! :D

    RispondiElimina
  2. Ciao Michela!
    Sono davvero felice che il post ti sia sembrato interessante (avevo qualche dubbio: pensavo fosse una cosa che irritasse solo me).
    Non conoscevo i due metodi da te segnalati e ti ringrazio per averli aggiunti. Sfortunatamente sul mio computer non funzionano (molto dipende dalle versioni windows e dai programmi usati), ma probabilmente alcune delle mie strategie non funzioneranno su altri pc... grazie dunque per il prezioso contributo! A presto!

    RispondiElimina
  3. Questa è stata anche una mia crociata, ci ho fatto un post anche io tempo fa :)

    Altra soluzione è inserire i caratteri speciali e nella lista scegliere È ;)

    RispondiElimina
  4. Grazie per aver inserito una nuova soluzione! Ora vado a cercare il tuo post, così magari aggiungo il link! E la crociata continua!

    RispondiElimina
  5. Dopo un'interessante ricerca tra i tuoi bellissimi post, ho trovato il tuo discorso su e'!

    http://pennablu.it/e-oppure/

    Oggi pomeriggio ho già scritto il prossimo post di questa rubrica... non voglio anticipare molto, ma gli apostrofi saranno ancora sotto osservazione!

    RispondiElimina
  6. Che devo dire?
    Confesso che alle volte per la fretta capita anche a me di scrivere nella grafia sbagliata. :(

    RispondiElimina
  7. Piuttosto vai a dare un occhiata al mio Blogroll.
    Eh ehh ehhh!
    Scoprirai una cosa che ti farà piacere.

    RispondiElimina
  8. @ Nick: Errare è umano... l'importante è riconoscere i propri errori e farne il meno possibile! Dai scherzo! So che sono troppo pignola, a volte (o, meglio, sempre!).
    Grazie mille per avermi inserita nel tuo blogroll! Sono contornata da link davvero interessanti e questo mi rende davvero felice!
    Io, da qualche settimana, ho inserito il link al tuo sito nell'elenco dei blog che seguo, ma, forse, devo evolvermi e creare un blogroll come il tuo in cui compaiono anche i post... ora ci provo subito! Grazie mille per la segnalazione!

    RispondiElimina
  9. Sono stata brava, eh? Meno di 10 minuti e ho sostituito il mio banale elenco di link con un blogroll (venti minuti fa non sapevo nemmeno cosa fosse un blogroll!). Le segnalazioni sono le stesse di prima, ma così mi sembra meglio, no? Grazie!

    RispondiElimina
  10. @ Romina.
    Mi sembra che tu te la stia cavando bene. ;-)
    Continua così col tuo entusiasmo.

    RispondiElimina
  11. @ Nick: Grazie. L'entusiasmo non mi manca, è il tempo che comincia a scarseggiare, comunque cercherò di non arrendermi mai! Grazie!

    RispondiElimina
  12. Soluzione molto semplice: Unichars. Permette di definire un tasto di composizione e delle combinazioni che in uscita danno altri caratteri. Per esempio: [Componi]+è+è per avere È. ÀÈÉÍÒÚ«»… a scelta vostra, anche i caratteri più assurdi (ŋ) diventano semplici.

    RispondiElimina
  13. @ Mauro: Grazie mille per questa soluzione! Non la conoscevo, ma mi sembra davvero valida. Io in word per creare i caratteri più strani o assurdi imposto delle correzioni automatiche, per esempio, io ho associato ogni lettera seguita da un asterisco alla lettera greca corrispondente. Credo però che il programma da te suggerito possa essere utilizzato in ogni programma di videoscrittura e quindi grazie mille!

    RispondiElimina
  14. Funziona un po' con tutti i programmi, e ha varie funzioni che potrebbero interessarti; per esempio, è possibile creare codifiche speciali (tipo per il Greco, con a = α, b = β, ecc.) e, quando serve, dirgli di usarne una; così per scrivere ‹βα› basterebbe scrivere ‹ba›.

    RispondiElimina
  15. @ Mauro: Davvero interessante, io in word con le correzioni automatiche devo scrivere a* b* e poi togliere gli spazi... il tuo metodo è sicuramente più rapido e poi si può usare fuori da word! Che dire? Davvero un ottimo strumento... appena ho un po' di tempo mi informo per bene e, poi, magari scrivo un post su come utilizzarlo nella scrittura dei testi! Oppure, se ti va, potresti scriverlo tu... credo che tu sia abbastanza informato sull'argomento e mi farebbe piacere avere un tuo guest post, ma, ovviamente, devi dirmi tu se te la senti! Altrimenti, non preoccuparti! Intanto, grazie mille per avermi fatto scoprire questo utilissimo programma!
    A presto!

    RispondiElimina
  16. Ti ringrazio per l'offerta, ma col programma c'è un manuale abbastanza chiaro; credo che qualunque messaggio si possa fare sull'uso del programma sarebbe una sua traduzione... O avevi in mente qualcosa di più particolare?

    RispondiElimina
  17. @ Mauro: Non so... non ho ancora né provato a usare il programma né letto il manuale. Comunque, se scriverò un post, cercherò di dargli un taglio incentrato sull'utilità del programma per gli scrittori... prima, però, devo trovare il tempo di sperimentarlo! Grazie!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...