giovedì 15 settembre 2011

"Il teorema delle tre penne"

“Il teorema delle tre penne” e la sua “vitale” importanza nella vita di uno scrittore.


Il titolo di questa nuova rubrica (“Teoremi per ridere”) vuole subito mettere le cose in chiaro. Si tratta di teoremi per ridere, quindi spero di non deludere chi si aspettava da me (diplomata in ragioneria e con una passione sfegatata per la matematica) dei teoremi seri. Volendo potremmo parlarne a partire dal teorema di Pitagora per arrivare a quelli più complessi, ma non mi sembra la sede più adatta. Questa rubrica vuole invece essere ironica e spezzare un po’ il tono serio di questo blog.

Dopo questa (breve?) introduzione, passo alla trattazione del “teorema delle tre penne” di cui ho già parlato brevemente in un precedente post della rubrica “W questions”, ma continuate a leggere questo post e ne saprete di più.


Data una borsa contente materiale atto alla scrittura, sono necessarie minimo tre penne per poter scrivere. È, infatti, scientificamente provato che nel preciso istante in cui la scrittura diventa necessaria e quasi vitale, le variabili dipendenti e indipendenti tendono a implicare conseguenze tali da ridurre le probabilità di successo in maniera sensibile. Avendo dunque una sola penna nella borsa, le probabilità che essa sia dispersa tra fazzoletti e documenti oppure sia rimasta a lungo inutilizzata e perciò inabile all’atto di scrittura tendono a più infinito. Anche due penne non riescono a ridurre il coefficiente di rischio dell’operazione. Date invece tre penne, la probabilità pare sufficientemente alta da giustificare lo sforzo di aprire il block notes per scrivere.
In parole povere, fuori dai denti e dal “matematichese”:


 Servono minimo tre penne perché una la perdi, una non va e con una puoi scrivere.
Si noti la parola “minimo” che precede il tre. Infatti, la matematica non è un’opinione, ma è sempre bene non fidarsi troppo. Per questo io nella borsa tengo più di tre penne e anche una matita con annesso temperino e pure una gomma e… e poi la gente mi chiede perché la mia borsa è così pesante? Incredibile!

Questo è “il teorema delle tre penne”, spero di essere riuscita a strapparvi un sorriso.

Cosa ne pensate? Anche voi non uscite di casa senza foglio e penna? 

P.S. Per i matematici. Mi rendo conto che il teorema non risponde alle necessarie caratteristiche di un vero teorema matematico come oggettività e dimostrabilità per ogni caso possibile (per ogni n appartenente a N, per capirci). Perdonatemi, ma, credetemi, amo così tanto la matematica che mi piace giocare con lei, questo non implica alcuna mancanza di rispetto.


Hanno parlato di questo articolo:

12 commenti:

  1. Beh, io non solo non esco mai senza penna e blocchetto ma alle volte capita che mi debba fermare per strada per annotare qualche idea che mi venuta.
    Ciao

    RispondiElimina
  2. Io ogni tanto mi porto appresso blocchetto e penna, ché le idee possono arrivare e poi si perdono :D

    RispondiElimina
  3. @Nick: Benvenuto nel mio blog!

    @Nick e Daniele: Sono felice di non essere l'unica! Quando lo racconto a gente che non ama scrivere, mi prendono tutti per matta! Ormai lo dico sempre, tra scrittori ci si capisce! Grazie per i commenti!

    RispondiElimina
  4. ciao Romina!
    finalmete il teorema! ahahah
    anche se non sono una scrittrice anch'io ho la borsa pesantissima, questo perchè ho tremila oggettini "indispensabili" che non utilizzo mai!
    ora che lo so terrò presente che sei una miniera di penne (nel caso io non riuscissi a trovarla tra gli oggettini).
    il mio problema comunque non sono le penne... il mio problema è la gomma che mi sparisce in continuazione!
    Lorenza

    RispondiElimina
  5. Ciao Lorenza!
    Benvenuta ufficialmente nel blog!
    Anch'io perdevo sempre la gomma, poi ho risolto: ho messo in borsa un piccolo astuccio, dove metto penne, matite, gomme, temperini, ... così,se trovo l'astuccio (e ho detto "se"), trovo tutto! Sono davvero una "miniera di penne" e non solo, ho sempre con me dei cerotti e (attenzione!) un mini kit da cucito per riparazioni rapide! E poi? Caramelle, fazzoletti, borse, ... e oggettini! Un vero caos, ma ricorda che il caos è tipico delle persone creative!
    Grazie mille per il commento, sono davvero felice di averti qui! A presto!

    RispondiElimina
  6. hahahaha molto carina questa cosa dei teoremi! :)
    Buono a sapersi :P
    Io per ora me la sono sempre cavata conuna sola penna, sarà che non la perdo e la uso parecchio! :D
    (E della moleskine mini a misura di borsa? ne vogliamo parlare? :P)

    RispondiElimina
  7. Ciao Michela! Sono contenta di averti fatto fare una risata... dovresti scrivere un teorema su come si può sopravvivere con una sola penna nella borsa!
    Non so nulla della moleskine mini (ho sbirciato venti secondi su Intenet proprio ora), ma dovremo parlarne sicuramente prima o poi! Grazie!

    RispondiElimina
  8. http://www.thinkgeek.com/gadgets/tools/99a5/
    *.*

    RispondiElimina
  9. E anche oggi ho scoperto qualcosa di nuovo! Io ho un semplice block notes... ma mai dire mai! Grazie!

    RispondiElimina
  10. Teorema simpaticissimo: mi è piaciuto. Dovresti approfondire la tua vena ironica e scrivere storielle divertenti: secondo me potresti riuscire bene.

    RispondiElimina
  11. Teorema simpaticissimo: mi è piaciuto. Dovresti approfondire la tua vena ironica e scrivere storielle divertenti: secondo me ti riuscirebbe bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Scrivo anche fiabe e in molte di quelle cerco di essere divertente. Se ti va puoi ascoltare una mia audio fiaba nella pagina dedicata ai miei libri.

      L'ironia mi piace molto e spesso pervade i miei post, ma non la uso molto nei miei testi letterari!

      Grazie del commento! Seguirò il tuo consiglio!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...