mercoledì 25 luglio 2012

5 errori nei post


Cinque errori tipici di un blogger disattento, da correggere per migliorare.
Scrivere post non è come scrivere un racconto o un romanzo. A un racconto si possono dedicare anche varie settimane e a un romanzo anni interi. Invece per un post si hanno pochi giorni, a volte poche ore di tempo, quindi è in qualche modo accettabile che in un post ci siano alcuni errori o imprecisioni. Tuttavia, soprattutto se nel vostro blog vi proponete come scrittori o aspiranti tali, questi errori non devono essere troppi e tantomeno diventare la regola. Il vostro blog deve essere come un biglietto da visita e non vi presentereste mai a un colloquio con un biglietto macchiato di sugo di pomodoro o tutto spiegazzato, vero?
Immaginate un editore che riceve uno scritto che ritiene interessante e digita per puro sfizio il nome dell’autore in rete. Trova il suo blog (che può essere segno della sua passione per la scrittura), ma come reagirà leggendo un post infarcito di errori? Ecco… appunto!


Lungi dall’essere io immune da queste piccole catastrofi, ho la fortuna di avere amici sempre sinceri e pronti a dirmi ciò che sbaglio e permettermi di rimediare. Quindi sentitevi sempre liberi di dirmi se c’è qualcosa che non va.

E ora passiamo ai cinque errori che più spesso vedo nei blog e che, secondo me, possono essere rapidamente corretti.  Sono temi che mi stanno a cuore, non a caso, per molti ho già scritto dei post dedicati a cui vi rimando.

  1. Errori di battitura. In un post un errore di battitura è accettabile, due sono tollerabili, tre sopportabili… poi basta! Un testo infarcito di errori di battitura appare come poco curato o totalmente privo di una qualsiasi revisione.
  2. Apostrofi mancanti o messi a sproposito senza tener conto del genere del sostantivo (es. un idea, un’arrivo!)
  3. Accenti sbagliati. La parola come affermazione la vedo scritta molto spesso senza accento e ho visto anche dei , ebbene sì, terribile! E poi si sprecano gli errori nei verbi (es. dò, fà). Inoltre ci sono anche parole scritte apostrofate al posto che accentate, come l'ormai celebre E'.
  4. Congiuntivi e condizionali. Questi modi verbali vengono spesso usati in modi poco chiaro o errato, probabilmente sovente per colpa di scarse riletture e frasi cambiate in corso d’opera.
  5. Abbreviazioni. Non mi riferisco alle sigle o alle abbreviazioni canoniche ma a orrori del tipo per però. Non capita spesso ma quando vedo certe cose… proprio mi passa la voglia di leggere. Se scrivere quattro caratteri al posto di due è così tragico, io proprio non capisco perché! E non ditemi che è per far prima e risparmiare tempo! Il linguaggio degli SMS, se vi va di usarlo, usatelo negli SMS, oppure in un blog, ma che non parli di scrittura!

La maggior parte dei blog che seguo non commette quasi mai questo tipo di errori, ma ce ne sono alcuni che, pur proponendo contenuti interessantissimi e con grande autorità, commettono uno o più di questi errori in modo sistematico. Ma io chi sono per giudicare? Nessuno, tanto più che faccio spesso errori di battitura che poi mi vengono segnalati dai lettori.
Non voglio certo tirarvi le orecchie, se non dopo averle tirate a me stessa almeno dieci volte.

Nei post che leggo queste sono i primi errori che noto, ma la cosa più importante è scrivere  contenuti di qualità.
Bene, fine dell’attacco di pignolite.  

Ora tocca a voi! Quali sono gli errori che notate subito in un post? Quali vi danno più fastidio? Quali commettete voi più spesso? Insomma, ditemi cosa vi passa per la mente in merito a questo tema...

23 commenti:

  1. Ammetto che spesso sbaglio. Sto attenta ad usare bene il congiuntivo, ma a volte mi capita di sbagliare.
    Mi capita anche di tralasciare dei pezzi di discorso oppure un frammento oppure di scrivere altro, ma qui è la mia dislessia che ci mette (ancora) lo zampino. E magari me ne accorgo dopo molto tempo.
    Oppure a volte mi capita di scrivere male una parola o sempre per la dislessia (ho bisogno di sillabare o di vedere scritta la parola) oppure perché ho digitato male sulla tastiera (io riesco a scrivere senza guardare la tastiera però a volte mi escono degli strafalcioni e per la disattenzione non me ne accorgo)
    Diciamo che tutti questi errori sono però in buona fede.
    Ti dirò che io non considero le abbreviazioni da sms come errori, ma come veri atti minatori, stupidi e ignoranti. Mi danno fastidio!
    Ti dirò che fino a qualche tempo fa "c'entro" (usato come "Non c'entra niente con quello) mi sembrava un errore.

    P.S.: Sai che in tuo commento del mio secondo blog avevi scritto "impresione". All'inizio ho pensato che avevi dimenticato un's. Solo dopo ho capito, leggendo bene la frase, che intendevi "imprecisione" ;D (Se ti dico questo ovviamente non è per tirarti le orecchie, ma per fare una risata)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. So della tua dislessia e non intendevo certo sgridarti per questo! Ricordi? Proprio il post su quell'argomento è finito tra i miei post del cuore! No, non volevo assolutamente criticare questo. Mi dispiace se ti sei sentita provocata dal post.

      Ovviamente sono tutti errori in buona fede e credo lo siano anche per i non dislessici. Insomma, abbiamo tutti mille cose da fare e molta fretta e, non so voi, ma io commento o scrivo post spesso di notte e, a volte, sono un po' stanca (pessima scusa, lo so).

      Ribadisco che il post non voleva essere cattivo. Le cose che dico agli altri blogger le dico soprattutto a me stessa, come stimolo al miglioramento. Adesso non pensare che io legga tutti i tuoi post o quelli di altri a caccia di un errore. Semplicemente li noto, perché sono abituata a revisionare i testi letterari, ma ogni tanto qualcosa sfugge e poi c'è sempre chi li fa notare a me, per fortuna!

      Il tuo P.S. mi ha fatto ridere e hai fatto bene a scriverlo! Insomma, come si usa dire, "fate quello che vi dico e non quello che faccio"!

      Elimina
    2. Ma guarda che non mi sono sentita per niente sgridata. Infatti, l'ho voluto scrivere così non per giustificarmi e né per rispondere a una tua probabile provocazione. Mi dispiace se hai percepito il mio commento in quel modo perché non ne avevo l'intenzione.

      Elimina
    3. Sono felice di questo. Volevo solo precisare. Quando ho deciso di scrivere questo post, temevo che qualcuno potesse arrabbiarsi, ma forse era una paura infondata. Insomma, non voglio fare la solita "maestrina dalla penna rossa", tanto più che probabilmente anche nel mio blog ci vorrebbero fiumi di inchiostro per correggere tutto! So che non volevi giustificarti, tranquilla.

      Elimina
  2. Io spesso riscrivo frasi a metà e qualche volta mi becco un bel refuso.
    Ma il mio errore più frequente sai bene qual è!
    (Anche se ultimamente non lo fa più...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, lo so... ultimamente però non lo commetti più, quindi bravo! Anzi, bravi (tu e blogger).

      Elimina
  3. Oh, Gesù. Temo di commettere errori di battitura non troppo ovvi ma fastidiosi. «Qual'è» è un esempio tipico. Altro esempio tipico è quello di saltare qualche silla(ba). O le «e» con accento breve anziché (sarà giusto?) lungo. Il maggior problema è quello di non accorgersene nemmeno rileggendoli. Se salto una sillaba scrivendo la salterò nuovamente leggendo... non mi resta che sperare in coloro che mi leggono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema di correggere i propri testi è che a volte si legge quello che si crede di aver scritto e non quello che c'è scritto. A me capita spesso anche con dei testi che sto revisionando da mesi. Credo siano corretti, poi li faccio leggere e anche a una persona che non sa niente di scrittura trova subito un banale errore di battitura. Mi chiedo spesso come sia possibile che nelle dieci (o più) revisioni non mi sia mai saltato all'occhio!

      Gli accenti sulle "e" sono abbastanza infami. Da me poi non ci sono grandi differenze di pronuncia, quindi è il caos. Per la cronaca il tuo "anziché" è corretto!

      Evviva dunque i lettori che portano pazienza e soprattutto quelli che segnalano i problemi.

      Grazie per il commento.

      Elimina
  4. Commentare questo post è rischiosissimo. Anche un banale refuso potrebbe costarmi la lapidazione. Anyway... Ben vengano questi piccoli promemoria sulle basi della scrittura. Purtroppo chi ha bisogno di tali indicazioni, ne sono convinto, non gironzola da queste parti. Tra l'altro sbagliare gli accenti, grazie anche al correttore automatico di word, è ormai impossibile. Chi ancora li sbaglia ci mette davvero un grande impegno. Sarei invece più liberale con chi usa gli apostrofi al posto degli accenti: un tempo, nell'ufficio dove lavoravo, mi era stato dato un PC con tastiera inglese (dove come sai le nostre vocali accentate non sono presenti) e l'uso degli apostrofi era per me diventato praticamente obbligatori... a meno di non addentrami in complesse combinazioni "ALT+XYZ"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta/o nel mio blog! Sì, commentare questo post è rischioso, ma lo è stato anche scriverlo! Appena qualcuno troverà uno di questi errori nei miei testi, ecco che la mia pignoleria sconfinata parrà ridicola!

      In ogni caso, niente lapidazione (anche se un refuso c'è!). Tra le mie pagine vige la libertà di espressione (evitando solo parolacce e termini volgari che proprio non mi vanno giù).

      Ti assicuro che di persone che sbagliano gli accenti e commettono questi errori il mondo è ancora pieno e ne incontro molte anche su forum o blog.

      La questione degli apostrofi era verissima un tempo con le macchine da scrivere e lo è ancora con tastiere non italiane, ma ora e da noi si può scrivere correttamente senza problemi. Poi ovviamente ognuno fa ciò che vuole.

      Grazie per il tuo commento. Spero di rivederti in questo mio blog.

      Elimina
    2. Un refuso? Ehm... si... beh... volevo solo vedere se eri attenta :P

      Elimina
    3. Lo sapevo che l'avevi fatto di proposito! Ah!

      Elimina
  5. Per fortuna non faccio di quegli errori. Sui congiuntivi e condizionali ho ancora qualche piccolo problema, però. Ma leggo spesso errori del genere nei vari blog e siti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti sul tuo blog in un anno avrò visto sì e no un paio di errori di battitura e accenti e apostrofi sempre rigorosamente perfetti!
      Non ricordo nemmeno di aver trovato un congiuntivo o un condizionale sbagliato.
      Sono contenta che anche tu abbia notato questi errori in altri blog, almeno non sembrerò eccessivamente critica!
      Grazie!

      Elimina
  6. passa a trovarmi. c'è qualcosa per te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per la nomination al "Versatile blogger": è stato davvero un pensiero carino!

      Con l'occasione avviso tutti che in questi giorni ho aggiornato il post su questo premio (http://tamerici-romina.blogspot.com/2012/02/versatile-blogger.html) con due nomination: questa e quella di Orlando.

      Elimina
  7. Errori di battitura ne faccio molti perche' vado veloce, a volte non rileggo e col tablet a volte mi impasto... Pero' sono abbastanza brava sul resto, premesso che il famoso E' lo scrivo cosi' come cosi' con l' apostrofo in quanto non ho quello vero sulla tastiera :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul tablet non esistono gli accenti? Anni e anni di evoluzione tecnologica per arrivare a una tastiera senza accenti... sono sconvolta!

      In tal caso ovviamente non è colpa tua se non li usi! Dovremmo fare qualcosa però per sanare questa piaga! Ok... forse sconvolge solo me...

      Grazie per il commento!

      Elimina
  8. La mia E' non guarirà mai: non scrivo i post su word, ma direttamente online, per cui niente. xD Se il caps lock funzionasse con le accentate o ci fosse un comodo "inserisci simbolo" tra le funzioni sarebbe una cosa, ma così... No, sono troppo pigra. Ma infatti tento di evitare di iniziare le frasi con la è accentata. :D
    Poi sicuramente avrò qualche problema con la 4, specialmente perché cambio sempre o quasi idea finché formulo una frase. Senza accorgermi di aver lasciato la parte iniziale invariata... A volte nemmeno quando rileggo me ne accorgo. :/
    Per il resto spero di no... Qualche errore di battitura può essere, ma è la prima cosa a cui cerco di stare attenta.
    In ogni caso, penso che "il colpo di disattenzione" capiti a tutti. Certo che se conosci la persona lo sai, se non la conosci non fa una bella impressione... Come un mio amico: lui è anche scrittore, sveglio e bravo, ma fa errori di battitura a go-go. Cielo santo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per la "È" hai provato la combinazione di tasti "alt+0200"? Secondo me è grandiosa! Tieni premuto "alt" mentre digiti le quattro cifre e poi hai la tua "È"!

      Da quando uso il cellulare anche online, mi sono resa conto che fare errori di battitura è molto più semplice di quel che credevo. E ultimamente sono vittima di troppi "colpi di distrazione", come li chiami tu!

      Elimina
  9. È fantastica questa cosa!!! Devo ricordarmelo. Ti sto amando, Romina! Grazie mille.

    Il cellulare è una brutta bestia. Anche rileggendo sfuggono, per un principio di "euristiche" della lettura. Poi be', i colpi di distrazione capitano anche di frequente soprattutto se magari si è stanchi o un po' più disattenti del solito, ma mica nulla di grave o mortale... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per così poco? Ooohhh, grazie!

      Sì, il cellulare sa essere diabolico. Poi aggiungici tanta stanchezza e molta disattenzione e avrai la mia situazione attuale! Ahah!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...